I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Fino a 5 kg in più con le abbuffate delle feste

Ecco 10 segreti per limitare i danni dei grandi pranzi e cene delle feste natalizie

Pubblicato il 21/12/2015 da Prevenzione a tavola

Panettoni, dolci tipici, arrosti e primi super conditi: gli esperti calcolano che in media, dopo le maratone a tavola, l'ago della bilancia può arrivare a segnare fino a 5 chili in più rispetto all'inizio del periodo festivo. I colpevoli? Sicuramente pranzi e cenoni, ma solo in piccola parte: a influire soprattutto la cattiva abitudine di mangiucchiare durante l'intero arco della giornata (66%). E' quanto emerge da uno studio realizzato da In a Bottle (www.inabottle.it) con metodologia Woa (web opinion analysis) su 70 esperti tra nutrizionisti, dietologi e medici generici italiani.

Ore e ore davanti al video, orari e abitudini 'sballate' e brindisi e stuzzichini con amici e parenti: ecco i killer della linea. Senza considerare che, a Natale, sembra che la maggior parte degli italiani trascuri ogni principio di sana alimentazione e corretta idratazione (42%). La molla scatenante di questa debacle calorica? Un mix tra il tentativo di combattere la noia (55%), ma anche le lunghe ore passate davanti al piccolo schermo (53%), a cui si aggiunge la voglia di lasciarsi andare dopo lo stress accumulato durante l'anno (38%). In ogni caso, basandosi sulla loro esperienza, gli esperti stimano che durante le festività si ingrassi in media di 2 kg (24%), per arrivare ai 3-4 kg (27%). Ma non è difficile che dopo il periodo che va da inizio dicembre e metà gennaio si arrivi a pesare anche 5 kg in più (21%). Solo una minoranza, secondo il 19%, riesce a limitare i danni, arrivando a pesare 1 kg in più rispetto all'ultimo controllo peso pre-festivo.

Leggi anche Per un mese non assume zuccheri raffinati né alcol: ecco cosa gli succede!

D'altra parte, facendo una media delle calorie in più assunte ogni giorno nel periodo delle feste rispetto al solito, facilmente si raggiungono le 1.500 Kcal (secondo la stima del 53% degli esperti), anche se il 39% non si spingerebbe nelle stime oltre le 1.000 Kcal in più al giorno. Secondo Luca Piretta, nutrizionista e gastroenterologo all'Università Sapienza di Roma, "non è necessario abitualmente fare la dieta la vigilia, il 25 e a Capodanno. Ci sono altri 362 giorni l'anno per farla. Diverso il discorso per chi fa una dieta per motivi di salute (diabete, celiachia, colesterolo alto eccetera)".

Leggi anche: Pancia gonfia: ecco i cibi da evitare

Quali, allora, i trucchi per ritrovare il benessere psicofisico? Il 65% degli intervistati si dice contrario a lanciarsi in una rigida dieta o rinunciare del tutto a festeggiare la ricorrenza. Molto meglio tornare per gradi a una sana alimentazione (38%) e reintrodurre nel proprio organismo tutti quegli elementi, come frutta e verdura, che durante le abbuffate natalizie vengono un po' trascurati. Corretta idratazione, adeguato apporto di fibre e verdure, dolci sostituiti dalla frutta sono i segreti per limitare i danni, eccoli:

  • 1) Fai sempre la prima colazione e mangia lentamente per dare il tempo ai nutrienti assorbiti di stimolare il centro nervoso della sazietà;
  • 2) Osserva una dieta varia e equilibrata: variare l'alimentazione è importante per non far mancare all'organismo i principali nutrienti;
  • 3) Non sottovalutare i rischi di un'alimentazione iper-calorica: un apporto di calorie superiore all'effettivo fabbisogno contribuisce all'aumento di peso, affaticando l'organismo;
  • 4) Limitare i dolci: spostare il panettone a colazione o merenda, magari accompagnando con un bicchiere di latte o tè per aumentare il senso di sazietà;
  • 5) Preferire l'acqua: è consigliabile limitare o evitare di assumere bevande caloriche;
  • 6) Praticare attività fisica: una corretta alimentazione accompagnata da una sana attività fisica è il metodo migliore per tornare in forma all'indomani delle feste natalizie;
  • 7) Mangiare verdura: quando si prevede un pasto abbondante, optare per contorni di verdure come antipasto per abbassare l'indice glicemico dei carboidrati che verranno assunti successivamente;
  • 8) Scegliere tisane a effetto drenante o che aiutino a sentirsi sazi: la loro assunzione può aiutare a depurare e a opporsi alla voglia di mangiucchiare;
  • 9) Ridurre gli alcolici: assaggiare il vino senza superare mezzo bicchiere per pasto;
  • 10) Ridurre i grassi: moderare la quantità di grassi e oli utilizzati per condire e preferire metodi di cottura leggeri e salutari sono buone norme che è consigliabile osservare non solo per tornare in forma dopo le feste, ma anche durante tutto l’anno. (Adnkrons)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti