I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Fino a 5 kg in più con le abbuffate delle feste

Ecco 10 segreti per limitare i danni dei grandi pranzi e cene delle feste natalizie

Pubblicato il 21/12/2015 da Prevenzione a tavola

Panettoni, dolci tipici, arrosti e primi super conditi: gli esperti calcolano che in media, dopo le maratone a tavola, l'ago della bilancia può arrivare a segnare fino a 5 chili in più rispetto all'inizio del periodo festivo. I colpevoli? Sicuramente pranzi e cenoni, ma solo in piccola parte: a influire soprattutto la cattiva abitudine di mangiucchiare durante l'intero arco della giornata (66%). E' quanto emerge da uno studio realizzato da In a Bottle (www.inabottle.it) con metodologia Woa (web opinion analysis) su 70 esperti tra nutrizionisti, dietologi e medici generici italiani.

Ore e ore davanti al video, orari e abitudini 'sballate' e brindisi e stuzzichini con amici e parenti: ecco i killer della linea. Senza considerare che, a Natale, sembra che la maggior parte degli italiani trascuri ogni principio di sana alimentazione e corretta idratazione (42%). La molla scatenante di questa debacle calorica? Un mix tra il tentativo di combattere la noia (55%), ma anche le lunghe ore passate davanti al piccolo schermo (53%), a cui si aggiunge la voglia di lasciarsi andare dopo lo stress accumulato durante l'anno (38%). In ogni caso, basandosi sulla loro esperienza, gli esperti stimano che durante le festività si ingrassi in media di 2 kg (24%), per arrivare ai 3-4 kg (27%). Ma non è difficile che dopo il periodo che va da inizio dicembre e metà gennaio si arrivi a pesare anche 5 kg in più (21%). Solo una minoranza, secondo il 19%, riesce a limitare i danni, arrivando a pesare 1 kg in più rispetto all'ultimo controllo peso pre-festivo.

Leggi anche Per un mese non assume zuccheri raffinati né alcol: ecco cosa gli succede!

D'altra parte, facendo una media delle calorie in più assunte ogni giorno nel periodo delle feste rispetto al solito, facilmente si raggiungono le 1.500 Kcal (secondo la stima del 53% degli esperti), anche se il 39% non si spingerebbe nelle stime oltre le 1.000 Kcal in più al giorno. Secondo Luca Piretta, nutrizionista e gastroenterologo all'Università Sapienza di Roma, "non è necessario abitualmente fare la dieta la vigilia, il 25 e a Capodanno. Ci sono altri 362 giorni l'anno per farla. Diverso il discorso per chi fa una dieta per motivi di salute (diabete, celiachia, colesterolo alto eccetera)".

Leggi anche: Pancia gonfia: ecco i cibi da evitare

Quali, allora, i trucchi per ritrovare il benessere psicofisico? Il 65% degli intervistati si dice contrario a lanciarsi in una rigida dieta o rinunciare del tutto a festeggiare la ricorrenza. Molto meglio tornare per gradi a una sana alimentazione (38%) e reintrodurre nel proprio organismo tutti quegli elementi, come frutta e verdura, che durante le abbuffate natalizie vengono un po' trascurati. Corretta idratazione, adeguato apporto di fibre e verdure, dolci sostituiti dalla frutta sono i segreti per limitare i danni, eccoli:

  • 1) Fai sempre la prima colazione e mangia lentamente per dare il tempo ai nutrienti assorbiti di stimolare il centro nervoso della sazietà;
  • 2) Osserva una dieta varia e equilibrata: variare l'alimentazione è importante per non far mancare all'organismo i principali nutrienti;
  • 3) Non sottovalutare i rischi di un'alimentazione iper-calorica: un apporto di calorie superiore all'effettivo fabbisogno contribuisce all'aumento di peso, affaticando l'organismo;
  • 4) Limitare i dolci: spostare il panettone a colazione o merenda, magari accompagnando con un bicchiere di latte o tè per aumentare il senso di sazietà;
  • 5) Preferire l'acqua: è consigliabile limitare o evitare di assumere bevande caloriche;
  • 6) Praticare attività fisica: una corretta alimentazione accompagnata da una sana attività fisica è il metodo migliore per tornare in forma all'indomani delle feste natalizie;
  • 7) Mangiare verdura: quando si prevede un pasto abbondante, optare per contorni di verdure come antipasto per abbassare l'indice glicemico dei carboidrati che verranno assunti successivamente;
  • 8) Scegliere tisane a effetto drenante o che aiutino a sentirsi sazi: la loro assunzione può aiutare a depurare e a opporsi alla voglia di mangiucchiare;
  • 9) Ridurre gli alcolici: assaggiare il vino senza superare mezzo bicchiere per pasto;
  • 10) Ridurre i grassi: moderare la quantità di grassi e oli utilizzati per condire e preferire metodi di cottura leggeri e salutari sono buone norme che è consigliabile osservare non solo per tornare in forma dopo le feste, ma anche durante tutto l’anno. (Adnkrons)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero