I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Individuate tre molecole efficaci contro l’artrite reumatoide

Un grande passo per contrastare l'artrite reumatoide

Pubblicato il 21/12/2015 da Prevenzione a tavola

Tre nuovi trattamenti farmacologici potrebbero aiutare a contrastare l'artrite reumatoide. Sono state, infatti, individuate tre classi di molecole capaci d'impedire alle cellule del sistema immunitario di danneggiare le articolazioni. A scoprirle sono stati i ricercatori della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e del Policlinico “Agostino Gemelli” di Roma, in collaborazione con gli esperti dell’Istituto di chimica del riconoscimento molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Icrm-Cnr) di Roma. Secondo gli studiosi, le molecole risulterebbero efficaci nei malati più critici. 

L’artrite reumatoide è una patologia infiammatoria progressiva, che colpisce tra lo 0,5% e l’1% della popolazione. Interessa principalmente le articolazioni, ma coinvolge tutti gli organi e gli apparati organici. Ha unorigine autoimmune: è determinata da un'alterazione delle difese immunitarie che “scambiano” per agenti esterni i tessuti dell'organismo e, pertanto, li attaccano. Circa il 40% dei pazienti possiede, come comune fattore genetico predisponente, una variante associata a una forma più grave della malattia, che risponde meno ai farmaci attualmente in uso. Secondo i ricercatori italiani, proprio questa categoria di pazienti ricaverebbe beneficio dalle nuove sostanze.

Potrebbe interessarti anche Artrite e artrosi: è possibile prevenirle?

Dopo aver testato i composti sulle cellule di alcuni malati “critici”, gli scienziati hanno scoperto che le molecole sarebbero efficaci nel contrastare la patologia. Inoltre, sulla base dei risultati preliminari sembra che non determinino effetti collaterali. In particolare, secondo gli studiosi, le molecole sarebbero in grado d'impedire alle cellule del sistema immunitario di danneggiare le articolazioni. “Abbiamo scoperto tre famiglie di molecole che si incastrano nella sede bersaglio dei linfociti, come una chiave alla sua serratura, impedendo ai linfociti stessi di andare a danneggiare l’articolazione - spiega Maria Cristina De Rosa dell’Icrm-Cnr -. Il loro bersaglio è infatti la ‘nicchia’ molecolare sulle articolazioni cui si vanno ad attaccare i linfociti T dannosi”.

Grazie all'accordo tra Università Cattolica, Cnr e l'azienda farmaceutica italiana Galsor Srl, le molecole saranno utilizzate per sviluppare medicinali personalizzati. “Il farmaco sarà vantaggioso per una parte consistente e facilmente identificabile dei pazienti, aumentando l’efficacia e riducendo gli effetti collaterali e i costi dell’approccio attuale – spiega Gianfranco Ferraccioli, professore ordinario di Reumatologia all’Università Cattolica e Direttore del Polo Urologia, nefrologia e specialità mediche del Policlinico “A. Gemelli” -. I tempi per realizzare e sperimentare il farmaco dipenderanno molto dagli investimenti che verranno effettuati, ma ci auguriamo che possano, per il bene dei pazienti, arrivare presto sul mercato. Trattandosi di molecole chimiche conosciute la tempistica di raggiungimento del mercato dovrebbe essere ridotta”. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo