I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Vino rosso e tè verde, alleati della prevenzione e della terapia del tumore

Hanno la stessa struttura chimica e un ruolo protettivo nei confronti del cancro e di molte altre malattie

Pubblicato il 16/12/2015 da Mariano Bizzarri
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Uno studio del 2013 ha messo in evidenza come il rischio di contrarre un tumore del polmone nei forti fumatori venisse ridotto di circa il 70% soltanto bevendo due bicchieri di vino rosso al giorno. Questo è un risultato assolutamente certo e sicuro condotto su 300 mila persone negli Stati Uniti, anche perché è confermato dagli studi di biologia molecolare.

Il vino rosso contiene una quantità straordinaria di principi farmacologici, estremamente potenti e attivi, in grado non solo di ridurre il rischio di cancro (visto che riducono i fattori ossidanti, proteggendo le cellule normali da numerosi stimoli di carattere cancerogenico), ma capace anche di concorrere alla terapia di questi tumori.

Leggi anche La straordinaria utilità farmacologica dell’inositolo

Nei nostri laboratori abbiamo isolato otto principali componenti, che collettivamente vengono chiamati Grape seed extract (estratti di semi d'uva), e vengono concentrati e usati già oggi come presidio farmacologico nella terapia dei tumori. Dal punto di vista preventivo sarebbe sufficienti consumare più uva e trattare il vino per quello che è, ossia un alimento, come è sempre stato dall'antichità, rispettando le buone regole dell'alimentazione, senza superare le dosi raccomandate perché è inutile: bastano 2 o 3 bicchieri di vino rosso al giorno.

Pur essendo lontanissimo dal te verde sotto il profilo organolettico, come qualità, come sapore, il vino rosso e il te verde condividono la stessa struttura chimica. Non è un caso che entrambe queste due bevande abbiano un ruolo protettivo nei confronti non solo del cancro ma di tante altre malattie: trombosi, ipercolesterolemia, pressione alta. Inoltre è assolutamente straordinario che due grandi civiltà come quella latina e quella cinese avessero individuato come loro bevanda di riferimento, composti che hanno la stessa composizioni e e le stesse indicazioni in termini di prevenzione e  trattamento delle malattie

Leggi anche I presidi naturali che riducono gli effetti collaterali della chemioterapia



banner basso postfucina





Mariano Bizzarri

Mariano Bizzarri
Professore e Ricercatore sperimentale

Mariano Bizzarri è nato a Roma il 12/10/1957. Ha studiato in Marocco, Spagna, Francia e Italia. Laurea nel 1981 in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode con tesi sperimentale. Nel 2000 ha conseguito il dottorato di ricerca in Chirurgia sperimentale. È stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università La Sapienza per il ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Corsi - Prevenzione a tavola

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Corsi - Prevenzione a tavola

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute