I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Trovato nuovo farmaco per la cura della depressione

Nuova cura per la depressione, riaccende la crescita dei neuroni

Pubblicato il 09/12/2015 da Prevenzione a tavola

Più vicini a una nuova cura contro la depressione: un farmaco con meccanismo d'azione totalmente nuovo rispetto a quello dei farmaci oggi in uso stimolando la crescita di nuovi neuroni nel cervello del paziente. Gli antidepressivi oggi in uso agiscono nel cervello aumentando la serotonina, che è in un certo senso il neurotrasmettitore del buon umore. Ma si tratta di farmaci con grossi limiti, soprattutto perché solo un terzo dei pazienti ne trae davvero giovamento, in secondo luogo perché il loro utilizzo si accompagna a tantissimi effetti collaterali e deve essere continuativo nel tempo altrimenti si può ricadere nel buio della depressione.

Le ricerche hanno mostrato che dietro la depressione si nasconde una diminuzione del fisiologico processo chiamato di "neurogenesi", che porta alla nascita di nuovi neuroni, in particolare in una porzione dell'ippocampo chiamata "giro dentato". Altri studi hanno mostrato che in caso di stress cronico questo processo si blocca e possono intervenire disturbi d'ansia e depressione. Viceversa e' stato anche dimostrato che attività stimolanti come lo sport favoriscono la neurogenesi esercitando in tal modo effetti antidepressivi.

Secondo quanto riferito sulla rivista Molecular Psychiatry, il nuovo farmaco è una molecola chiamata "NSI-189" che si assume per bocca e agisce rapidamente, con pochi effetti avversi e efficacia duratura. Ha giù brillantemente superato i primi test clinici su un piccolo numero di pazienti, 24 in tutto, dimostrandosi sicuro, ben tollerato e con pochissimi effetti collaterali. Dopo 28 giorni di terapia il farmaco ha dato anche le primissime prove di efficacia, mostrando effetti antidepressivi che perdurano nel tempo per oltre otto settimane dall'interruzione della terapia. Condotta dall'italiano Maurizio Fava, originario del vicentino, laureatosi all'Università di Padova e da 30 anni presso il Massachussetts General Hospital di Boston, lo studio clinico sta ora proseguendo, con la II fase sperimentale appena avviata. "La II fase sperimentale - spiega Fava in un'intervista all'ANSA - coinvolgerà in tutto 220 pazienti, avrà lo scopo di verificare in via definitiva l'efficacia del farmaco e darà i suoi risultati all'inizio del 2017". Se l'esito di questo trial di fase due sarà positivo, continua, si avvierà la terza e ultima fase sperimentale di tipo confermativo che darà risultati nel 2018.

Il nuovo farmaco protagonista di questo studio stimola proprio la neurogenesi: "si tratta di una piccola molecola - rivela Fava - di una nuova entità chimica; si assume per bocca e viene rapidamente assorbita dal cervello". "Il suo esatto meccanismo d'azione è al momento oggetto di studio ma il farmaco ha mostrato l'abilità di aumentare le sinapsi (connessioni tra neuroni) e il volume dell'ippocampo.

Pensiamo che il farmaco agisca a livello del Dna. Questa ipotesi è coerente con il fatto che il farmaco ha un'azione antidepressiva che perdura nel tempo (otto settimane) dopo la sospensione della malattia". Il nuovo farmaco si configura dunque come una nuova concreta possibilità per tanti pazienti che attualmente non trovano beneficio nell'assumere gli antidepressivi oggi disponibili. (Ansa)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'