I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Enervit risponde a La Fucina

La risposta di Paolo Petroni all'articolo della dott.ssa Cevoli su Enervitene Sport Gel

Pubblicato il 09/12/2015 da Prevenzione a tavola

Ho letto con attenzione l’articolo della dottoressa Cevoli e devo purtroppo segnalare che omette di considerare alcuni elementi fondamentali.

Enervitene Sport gel è chiaramente destinato alle situazioni di intenso sforzo muscolare e sportivo; in tale contesto le esigenze nutrizionali sono completamente differenti rispetto alla situazione di riposo.

La letteratura scientifica che ha esaminato le necessità degli atleti sotto sforzo, ha più volte confermato che la necessità di carboidrati (glucosio o polimeri) raggiunge e supera i 60 grammi per ora, il prodotto è quindi assolutamente in linea con tali esigenze che, lo ripetiamo, non coincidono con le esigenze della popolazione generale. Si consideri come riferimento il percorso di ricerca più che decennale di Asker Jeukendrup, esperto di riferimento del settore. Jeukendrup ha dimostrato che la concomitante assunzione di fruttosio è tollerata ed offre un vantaggio decisivo  per sforzi di durata superiore alle due ore e mezza, come normalmente avviene nella maggior parte delle maratone e delle competizioni ciclistiche,  ovvero le precise situazioni d'uso in cui viene consigliato Enervitene Sport gel.

Ricordiamo inoltre che la vecchia distinzione tra carboidrati semplici e complessi appartiene ormai al capitolo "errori storici", dal momento che numerosi esperimenti hanno dimostrato come alcuni carboidrati complessi risultino essere ben più glicemici di vari carboidrati cosiddetti “semplici”.

Dimostrata la coerenza della formulazione di Enervitene Sport gel rispetto alla sua precisa destinazione d'uso, riteniamo utile specificare che, entro i limiti di un’assunzione normale, il fruttosio non è affatto un carboidrato pericoloso. Basti considerare che un’alimentazione ricca di frutta arriva ad apportare alcune decine di grammi di fruttosio al giorno. Come si evince dal lavoro di ricerca svolto da John Sievenpiper*, uno dei maggiori esperti mondiali sulla qualità dei carboidrati, la letteratura che proverebbe gli effetti negativi del fruttosio è gravemente viziata da errori metodologici, ed in realtà non dimostra alcun effetto specifico di tale carboidrato, misura bensì gli effetti generici di una eccessiva assunzione di carboidrati o di calorie da carboidrati”.

Per ulteriore approfondimento si può guardare l’interessante intervento del professor Sievenpiper sul ruolo del fruttosio.

Paolo Petroni – Direzione R&D Enervit S.p.A.

BIBLIOGRAFIA

*John L Sievenpiper, MD, PhD, FRCPC - Associate Professor, Department of Nutritional Sciences - Scientist, Li Ka Shing Knowledge Institute, St. Michael's Hospital Knowledge Synthesis Lead, Toronto 3D Knowledge Synthesis & Clinical Trials Unit, St. Michael's Hospital

Consultant Physician, Division of Endocrinology and Metabolism, Department of Medicine, St. Michael's Hospital

 Ulteriore bibliografia:

Lecoultre V., Benoit R., Carrel G., Schutz Y., Millet G.P., Tappy L., and Schneiter P. Fructose and glucose co-ingestion during prolonged exercise increases lactate and glucose fluxes and oxidation compared with an equimolar intake of glucose. Am J Clin Nutr 2010;92:1071–9.

 Link all’articolo: http://ajcn.nutrition.org/content/92/5/1071.full.pdf

Jentjens RL, Moseley L, Waring RH, Harding LK, Jeukendrup AE. Oxidation of combined ingestion of glucose and fructose during exercise. J Appl Physiol. 2004 Apr;96(4):1277-84.

Link all’abstract (dove si può trovare link all’articolo free): http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14657042

Jeukendrup A. A step towards personalized sports nutrition: carbohydrate intake during exercise. Sports Med. 2014 May;44 Suppl 1:S25-33.

Link all’articolo free: http://link.springer.com/article/10.1007%2Fs40279-014-0148-z



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti