I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Enervit risponde a La Fucina

La risposta di Paolo Petroni all'articolo della dott.ssa Cevoli su Enervitene Sport Gel

Pubblicato il 09/12/2015 da Prevenzione a tavola

Ho letto con attenzione l’articolo della dottoressa Cevoli e devo purtroppo segnalare che omette di considerare alcuni elementi fondamentali.

Enervitene Sport gel è chiaramente destinato alle situazioni di intenso sforzo muscolare e sportivo; in tale contesto le esigenze nutrizionali sono completamente differenti rispetto alla situazione di riposo.

La letteratura scientifica che ha esaminato le necessità degli atleti sotto sforzo, ha più volte confermato che la necessità di carboidrati (glucosio o polimeri) raggiunge e supera i 60 grammi per ora, il prodotto è quindi assolutamente in linea con tali esigenze che, lo ripetiamo, non coincidono con le esigenze della popolazione generale. Si consideri come riferimento il percorso di ricerca più che decennale di Asker Jeukendrup, esperto di riferimento del settore. Jeukendrup ha dimostrato che la concomitante assunzione di fruttosio è tollerata ed offre un vantaggio decisivo  per sforzi di durata superiore alle due ore e mezza, come normalmente avviene nella maggior parte delle maratone e delle competizioni ciclistiche,  ovvero le precise situazioni d'uso in cui viene consigliato Enervitene Sport gel.

Ricordiamo inoltre che la vecchia distinzione tra carboidrati semplici e complessi appartiene ormai al capitolo "errori storici", dal momento che numerosi esperimenti hanno dimostrato come alcuni carboidrati complessi risultino essere ben più glicemici di vari carboidrati cosiddetti “semplici”.

Dimostrata la coerenza della formulazione di Enervitene Sport gel rispetto alla sua precisa destinazione d'uso, riteniamo utile specificare che, entro i limiti di un’assunzione normale, il fruttosio non è affatto un carboidrato pericoloso. Basti considerare che un’alimentazione ricca di frutta arriva ad apportare alcune decine di grammi di fruttosio al giorno. Come si evince dal lavoro di ricerca svolto da John Sievenpiper*, uno dei maggiori esperti mondiali sulla qualità dei carboidrati, la letteratura che proverebbe gli effetti negativi del fruttosio è gravemente viziata da errori metodologici, ed in realtà non dimostra alcun effetto specifico di tale carboidrato, misura bensì gli effetti generici di una eccessiva assunzione di carboidrati o di calorie da carboidrati”.

Per ulteriore approfondimento si può guardare l’interessante intervento del professor Sievenpiper sul ruolo del fruttosio.

Paolo Petroni – Direzione R&D Enervit S.p.A.

BIBLIOGRAFIA

*John L Sievenpiper, MD, PhD, FRCPC - Associate Professor, Department of Nutritional Sciences - Scientist, Li Ka Shing Knowledge Institute, St. Michael's Hospital Knowledge Synthesis Lead, Toronto 3D Knowledge Synthesis & Clinical Trials Unit, St. Michael's Hospital

Consultant Physician, Division of Endocrinology and Metabolism, Department of Medicine, St. Michael's Hospital

 Ulteriore bibliografia:

Lecoultre V., Benoit R., Carrel G., Schutz Y., Millet G.P., Tappy L., and Schneiter P. Fructose and glucose co-ingestion during prolonged exercise increases lactate and glucose fluxes and oxidation compared with an equimolar intake of glucose. Am J Clin Nutr 2010;92:1071–9.

 Link all’articolo: http://ajcn.nutrition.org/content/92/5/1071.full.pdf

Jentjens RL, Moseley L, Waring RH, Harding LK, Jeukendrup AE. Oxidation of combined ingestion of glucose and fructose during exercise. J Appl Physiol. 2004 Apr;96(4):1277-84.

Link all’abstract (dove si può trovare link all’articolo free): http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14657042

Jeukendrup A. A step towards personalized sports nutrition: carbohydrate intake during exercise. Sports Med. 2014 May;44 Suppl 1:S25-33.

Link all’articolo free: http://link.springer.com/article/10.1007%2Fs40279-014-0148-z



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale