I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La Fukushima di cui nessuno ha sentito parlare

È allarme in Brasile per lo sversamento di fanghi tossici nel Rio Carmo, nel Rio Doce e nell’Oceano Atlantico.

Pubblicato il 02/12/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

È allarme in Brasile per lo sversamento di fanghi tossici nel Rio Carmo, nel Rio Doce e nell’Oceano Atlantico. Stando alle prime stime effettuate potrebbe trattarsi del più grave disastro ambientale nella storia della nazione. La marea arancione continuerà a estendersi per oltre 500 chilometri.

Tutto ha avuto inizio il 5 novembre scorso nella città mineraria di Mariana nello stato del Minas Gerais, quando il bacino di lagunaggio Fundão ha ceduto durante i lavori di ampliamento della vasca. Oltre 62 milioni di metri cubi di fanghi tossiciprodotti nella miniera si sono riversati a valle devastando il villaggio di Bento Rodrigues. Il bilancio provvisorio è di almeno 13 morti, 11 dispersi e centinaia di sfollati.

La società che gestisce il sito minerario è la Samarco Mineração, posseduta per metà dalla multinazionale Vale S.A. L’azienda non è riuscita a contenere l’emergenza. I fanghi tossici, contenenti piombo, arsenico, cromo e altri metalli pesanti hanno ora raggiunto l’Oceano Atlantico attraverso il Rio Carmo e il Rio Doce causando una moria di pesci. L’aria è diventata irrespirabile a causa della putrefazione della fauna ittica.

La vita nel fiume è scomparsa a causa di una concentrazione record di metalli pesanti e acque acide. La popolazione corre il rischio di ammalarsi di cancro e malattie neurologiche. Per ripristinare l’ecosistema del fiume Doce occorreranno almeno 10 anni. Le aziende che gestiscono il sito minerario potrebbero essere condannate a pagare un risarcimento di 5,3 miliardi di dollari.

Sul disastro ambientale in Brasile è intervenuta anche l’Organizzazione delle Nazioni Unite. L’ONU ha chiesto pene più severe per il colosso minerario perché i danni subiti dal fiume sono ingenti e la cifra richiesta dalle autorità brasiliane ai responsabili è insufficiente a coprire il piano di recupero. Inoltre decine di famiglie hanno perso le loro case e tutti i loro averi nel disastro ambientale. Continua a leggere...



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale