I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Una studentessa si nutre di solo te per una settimana

Un esperimento finito male per una ragazza che ha assunto solo te per una settimana

Pubblicato il 01/12/2015 da Prevenzione a tavola

Jessica Cole, studentessa inglese al terzo anno di psicologia della Lincoln University, ci ha messo l'idea e tanta buona volontà per concludere quello che tutti sanno istintivamente: se non mangi ti senti male. La giovane ha deciso infatti di fare un esperimento: nutrirsi per una settimana di sole tazze di tè per vedere quale sarebbe stata la reazione del suo organismo. La giovane ha raccontato che con il passare dei giorni si sentiva sempre più stanca e accusava uno stordimento crescente causato probabilmente sia dalla debilitazione fisica che dalla concentrazione di caffeina.

Potrebbe interessarti anche Tè verde: le controindicazioni da non sottovalutare

La studentessa ha consumato sessanta tazze di infuso, laddove ogni porzione contiene in media 75 mg. di caffeina. Tuttavia ciò che ha realmente debilitato la giovane è l'assenza di cibo. Jessica Cole ha spiegato al Mirror che "era davvero noioso bere giorno dopo giorno sempre la stessa cosa; penso di non aver mai desiderato tanto in vita mia un semplice bicchiere d'acqua". Alla fine della settimana di "test", la giovane ha riferito di sentirsi "nauseata", nonché "prosciugata, davvero stanca e fiacca". L'esperimento di Jessica giunge in un momento particolarmente significativo che almeno in parte riduce la banalità del risultato dimostrato.

L'attenzione talora patologica verso le diete, nonché gli allarmismi causati da una notizia in sé poco rivoluzionaria come quella diffusa dall'OMS sul consumo eccessivo di carni rosse e lavorate, sono solo le più recenti informazioni che, reinterpretate, possono contribuire a fare confusione sull'alimentazione e sulle giuste misure. Del resto è di pochi giorni fa in Inghilterra la notizia diffusa dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare secondo cui gli europei consumano troppa caffeina. Il limite giornaliero è di 400 mg. e il 30% dei cittadini del Vecchio continente eccede la dose consigliata. Nell'ultima settimana anche Jessica Cole, se non ha ecceduto in grassi, ha quantomeno esagerato in caffeina. (fonte)

Potrebbe interessarti anche Lo spot sul té che non vedrete mai in Italia



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti