I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I rimedi naturali per contrastare l’intestino pigro

Rimedi naturali per contrastare intestino pigro, gonfiore addominale e crampi

Pubblicato il 30/11/2015 da Prevenzione a tavola

Intestino pigro: quali i sintomi, l’alimentazione da seguire e i rimedi naturali per contrastare il problema? Si tratta di un’alterazione del transito intestinale, che rallenta e che causa gonfiore addominale, feci dure e difficoltà di evacuazione. Questa condizione può avere cause fisiologiche, correlate in particolare all’età o alla gravidanza, oppure patologiche, legate a malattie del colon o ad uno stile di vita scorretto, a partire dallo stress eccessivo e dall’alimentazione sbagliata. Vediamo nello specifico di cosa si tratta e come agire sulla dieta, tenendo in considerazione anche gli alimenti da evitare.

Sintomi

Chi soffre di intestino pigro solitamente prova gonfiore nell’area addominale, con dolore e crampi. La permanenza delle feci nel tratto intestinale causa la sensazione di essere pieni anche dopo aver evacuato.

Questa situazione può portare alla presenza di ulteriori sintomi, come alito cattivo al mattino a causa del gas che rimane nell’intestino nel corso della digestione, emorroidi per lo sforzo durante i tentativi di evacuazione, mal di testa, cellulite a causa della riduzione della quantità di sangue verso gli arti inferiori.

Conseguenze dell’intestino pigro possono essere anche le cistiti, per la presenza di enterobatteri nell’intestino, la diverticolite, malattia del colon che si presenta a causa delle feci troppo dure che permangono eccessivamente nel tratto intestinale e causano irritazione e proliferazione dei batteri, il fecaloma, un accumulo di feci nel retto che si verifica solitamente nell’anziano.

Diagnosi

Se i sintomi dell’intestino pigro compaiono improvvisamente e sono accompagnati da dolori molto forti, è fondamentale rivolgersi al medico, che potrà prescrivere degli esami diagnostici, anche per escludere eventuali altre patologie. Si potrebbero effettuare un esame del sangue per il controllo del calcio, una radiografia addominale, una colonscopia o lo studio della peristalsi, un esame che dovrà essere effettuato solo se tutte le altre indagini hanno dato un esito negativo.

Alimentazione

Gestire nel migliore dei modi l’alimentazione è importante per rimediare alla condizione di intestino pigro. Sapere cosa mangiare e cosa non mangiare è fondamentale anche per una corretta prevenzione. Tra i cibi consigliati ci sono quelli che presentano una grande quantità di fibre. Si tratta in particolare di frutta e verdura (ad esempio le prugne riescono a stimolare l’attività intestinale). Da non trascurare anche il consumo di legumi, come soia e fagioli, e di cereali integrali. Tra i condimenti grassi è meglio utilizzare l’olio extravergine d’oliva.

Seguire una corretta dieta significa anche mangiare lentamente e non sottoporre l’organismo ad orari senza regole: sarebbe importante effettuare i pasti ad orari ben definiti, per favorire la regolarità inestinale. E’ importante anche bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

E’ necessario evitare gli alcolici, le spezie, i condimenti troppo pesanti e il cioccolato. Non si possono consumare dolci, salse, carni grasse, latte intero e formaggi grassi, crostacei e prodotti ricavati da farina raffinata, come il pane bianco.

Rimedi naturali

Se l’alimentazione corretta non basta, meglio chiedere aiuto alla natura e alle sue erbe dalle proprietà utili. La liquirizia, per esempio, combinando l’azione antinfiammatoria a quella lassativa, facilita il transito intestinale e l’arrivo a destinazione degli “scarti” della digestione. La radice è la parte più ricca di fibre alleate dell’intestino: ottimo ingrediente di tisane, infusi e decotti.

Perfetti allo scopo anche il rabarbaro, lassativo e depurativo, e il tarassaco: quest’ultimo, stimolando la produzione di bile, favorisce la regolarità e il movimento intestinale, assicurando un effetto lassativo e diuretico. Gli estratti secchi delle due erbe, disciolti in acqua e consumati ogni mattina a stomaco vuoto, garantiscono ottimi risultati contro la stitichezza.

Può alleviare i fastidi dell’intestino pigro anche la tisana a base dimalva, lassativa ed emolliente, che, con le sue foglie contenenti mucillagini, favorisce il transito intestinale e l’eliminazione delle scorie dall’organismo.

Al mattino, subito dopo il risveglio, sarebbe utile bere un bicchiere d’acqua tiepida con un po’ di miele, per pulire il tratto intestinale e favorire l’eliminazione delle scorie. Durante la giornata, per lo stesso motivo, si potrebbe bere qualche bicchiere di acqua calda con un po’ di succo di limone, ricco di proprietà benefiche.

Anche la fitoterapia viene in aiuto di chi soffre di intestino pigro, ad esempio con il succo della pianta di aloe vera, dalle tante proprietà benefiche, che contiene mucillagini, elementi ricchi di fibre. Molto utile anche il glucomannano, una fibra solubile capace di aumentare il volume delle feci, favorendone l’espulsione. Da non dimenticare nemmeno l’altea, con radici ad azione lassativa.

L’omeopatia consiglia la corteccia di frangola e cascara, che contengono i glicosidi antrachinonici, capaci di stimolare lo svuotamento dell’intestino, e la radice di cassia, che favorisce la motilità intestinale. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti