I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I rischi delle bevande energetiche pre e post attività fisica

Le bevande e i gel energetici possono creare problemi al nostro organismo

Pubblicato il 30/11/2015 da Chiara Cevoli

Sono in tantissimi a farne uso prima, durante o dopo l’attività fisica: parlo dei gel energetici a base di carboidrati. Vanno assunti prima o immediatamente dopo l’attività fisica (intensa) per riprenderci dallo sforzo e dalle energie perdute.

Ma cosa contengono?

Vediamo gli ingredienti di uno dei prodotti maggiormente utilizzati, Enervitene Sport Gel, disponibile in 4 gusti: arancia, cola, frutti tropicali e limone.

Ingredienti (limone)

  • Sciroppo di fruttosio (42,5%)
  • Sciroppo di glucosio-fruttosio (33,6%)
  • Maltodestrine (3%)
  • Addensante: carbossimetilcellulosa
  • Acidificante: acido citrico - L-Alanina (0,32%*)
  • L-Leucina (0,32%*)
  • L-Isoleucina (0,16%*)
  • L-Valina (0,16%*)
  • Correttore di acidità: citrato di sodio
  • Aromi
  • Conservante: sorbato di potassio
  • Mix vitaminico (nicotinamide, calcio D-pantotenato, cloridrato di piridossina, riboflavina,tiamina cloridrata) Antiossidante: acido ascorbico.
Informazioni nutrizionali 1 minipack (25 ml) 4 minipack (100 ml)
Kcal 71 285
Carboidratidi cui zuccheri 17.8 gr16 gr 71.2 gr64 gr

Il 79% degli ingredienti sono zuccheri e a parte le maltodestrine che rappresentano solo il 3% del totale e sono le uniche “giustificabili” all’interno di questi prodotti sia lo sciroppo di fruttosio che lo sciroppo di glucosio-fruttosio altro non sono che il comune zucchero da tavola (saccarosio) sciolto: gli effetti negativi sull’organismo sono quindi maggiori perché gli zuccheri negli sciroppi sono già parzialmente digeriti, quindi il loro impatto sulla glicemia è maggiore e più veloce.

Sorge inoltre un altro problema: gli sciroppi contenuti nel gel presentano come zucchero principale il fruttosio. A dispetto di quello che si crede il fruttosio non è esente da controindicazioni, maggiori quando assunto in quantità elevate (come in questo caso) rispetto al glucosio. L’assunzione di fruttosio, che non influenza direttamente la glicemia (perché indipendente dal controllo ormonale), non provoca un’immediata risposta insulinemica; non solo non stimola la secrezione di insulina, ma anche di altri ormoni che regolano l’appetito, inoltre poiché non tutte le persone sono capaci di assorbire grandi quantità di fruttosio, questo rimane nell’intestino dove fermentando causa meteorismo, flatulenza e diarrea.

Inoltre fruttosio assunto in grandi quantità:

  • È trasformato in grasso nel fegato
  • Provoca nel tempo resistenza alla leptina, un ormone regolatore della fame
  • Aumenta la resistenza all’insulina
  • Abbassa i livelli di colesterolo buono e aumenta i trigliceridi nel sangue

La dose “raccomandata” è di 4 bustine: la bellezza di quasi 13 cucchiaini di zucchero (o 6 cucchiai e mezzo). Una quantità esagerata soprattutto per chi assume questi prodotti a seguito di un normale allenamento: 1-2 ore di attività fisica di media intensità non giustificano in alcun modo la necessità di tali prodotti.

Parliamo oggi di Enervitene Sport Gel -un prodotto energetico a base di carboidrati - anche se in realtà si tratta di... Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Martedì 24 novembre 2015



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande