I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come conservare scorza e succo di limone

Conservare nel congelatore scorza e succo di limone per aromatizzare piatti e tisane

Pubblicato il 30/11/2015 da Prevenzione a tavola

Qual è il maggior vantaggio oltre a quello di evitare sprechi? Come accade nella maggior parte dei vegetali, la buccia contiene piú vitamine che la polpa, in questo caso la buccia di limone contiene dalle 5 alle 10 volte di piú vitamine che il suo succo. Quando si pensa ai limoni, si pensa alla vitamina C, ma c’è di piú.

È ricco di antiossidanti, i quali si legano ai radicali liberi, prevenendo la formazione di massa cancerogena. Congelate quindi un limone, grattugiatelo sui vostri cibi ed otterrete un piú alto valore nutritivo, renderete le vostre pietanze ancora piú deliziose, per una vita piú sana e piú lunga!

Perché non ce lo dicono prima? Perché vogliono che compriamo la vitamina C degli integratori alimentari prodotti in laboratorio , un sotto prodotto praticamente inutile, ma che può essere patentato e che genera un grande volume di affari al settore e ai medici. Potete ora aiutare i vostri amici quando soffrono di raffreddore, si sono causati un’influenza o vogliono migliorare la propria dieta e dare un tocco raffinato alla loro cucina, o addirittura se si trovano in grandi difficoltá salutari. Ovviamente non è il limone che agisce sul corpo umano, il limone e le sue sostanze sono inerti. È sempre il corpo che puó ristabilire il suo ordine e la salute. Il limone è semplicemente uno strumento per il raggiungimento e il mantenimento dell’omeostasi, o equilibrio chimico-fisico interiore.

Quante persone ancora devono soffrire prima che questo tipo d’informazione si diffonda? Quanti miliardi di dollari ed euro devono essere spesi in una ricerca che non puó altro che portar a vicoli cechi? Quindi…comprate dei buoni limoni, meglio se biologici (dategli una bella lavata se non), congelateli, grattugiateli al momento di bisogno e godetevi le vostre creazioni culinarie Possiamo conservare il succo di limone, la loro buccia oppure il limone tagliato a spicchi e pronto per l’uso.

Ecco un consiglio per ricavare dal limone più succo: bisogna farlo ruotare sotto al palmo sul piano lavoro facendo una leggera pressione, il limoni si ammorbidirà e sarà più facile spremerlo sino all’ultima goccia. Conservare il succo di limone:

  • Spremere il succo dai limoni  e riempire il contenitore per i cubetti di ghiaccio.
  • Riporre in freezer e far congelare.
  • Al bisogno staccare un cubetto di succo di limone, è molto comodo perchè già dosato.
  • Il succo di limone può essere anche conservato in bottiglie piccole da succo di frutta, tappate ermeticamente e fatte bollire in una pentola ben contrastate calcolando 20 minuti circa dal bollore. ( togliere dalla pentola quando si saranno raffreddare completamente)

Conservare la buccia di limone:

  • Prima di spremere il succo bisogna con un pelapatate eliminare solo la buccia evitando la parte bianca, va sistemata su di  una teglia foderata con carta forno.
  • In forno a 60°C per circa 1 ora, sarà pronta quando apparirà secca e ben asciutta .Frullare la buccia essiccata e ricavarne una polvere sottile.
  • Conservare in piccoli vasetti di vetro chiusa ermeticamente.
  • Riporre i vasetti in un luogo asciutto.

Come utilizzare la polvere di buccia di limone: per aromatizzare le creme, per insaporire carne o pesce, per le tisane, per accompagnare i formaggi e in tutte quelle preparazioni dove necessità la scorza di limone. Il suo profumo è persistente e inebriante. Conservare i limoni a spicchi:

  • Eliminare la buccia dai limoni ( conviene essiccarla e ridurla in polvere), dividerli in spicchi  e adagiarli su di un vassoio rivestito con carta forno.
  • Riporre il vassoio in freezer per 4 ore circa, devono risultare ben congelati.
  • Conservare gli spicchi di limone congelati in sacchetti per alimenti e riporre nuovamente in freezer.
  • Al bisogno sono già in spicchi e ben separati.

(Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti