I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’alimentazione corretta dopo l’esercizio fisico

Bisogna eliminare delle credenze diffuse, come quella di consumare proteine dopo l'esercizio fisico

Pubblicato il 24/11/2015 da Roberto Verna
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Voglio innanzitutto eliminare una credenza molto diffusa, quella che dopo l’esercizio fisico bisogna assumere delle proteine. La credenza nasce dal fatto che dopo l’esercizio fisico le cellule, soprattutto le cellule muscolari, tendono a incorporare più facilmente le proteine e gli aminoacidi, ma il problema è diverso, nel senso che assumere le proteine dopo l’esercizio fisico non fa altro che acidificare l’organismo, determinare il rischio di contratture e peggio anche di lesioni muscolari!

Inoltre le proteine non vengono incorporate immediatamente perché dopo l'assunzione bisogna anche digerirle e per digerire le proteine ci vogliono due o tre ore. Nel momento in cui io faccio l’esercizio fisico, le proteine ce le ho disponibili come aminoacidi dopo 3 ore non incorporo più niente. Quindi le proteine vanno assunte tre ore prima, digerite e nel momento in cui sono state digerite, fare l’attività fisica in modo che così si incorporino più facilmente gli aminoacidi che sono stati ottenuti dalle proteine.

Un’altra cosa da tenere in considerazione e seriamente importante è che la contrazione muscolare viene energizzata dai carboidrati e non dalle proteine, perché il carboidrato è la molecola che dà l’energia per la contrazione muscolare. La proteina serve soltanto a ripristinare quel consumo di muscolo conseguente all’attività fisica. E allora anche lì dobbiamo sapere la composizione corporea del soggetto, il tipo di attività che fa e decidere quanto carboidrato deve prendere un certo periodo di tempo prima e quanta proteina deve prendere un certo tempo prima dell’attività fisica.

Dobbiamo sapere quanto tempo ci vuole a digerire un certo alimento per poter fare un’attività fisica corretta, perché l’attività fisica non va fatta a vuoto, va fatta a serbatoio pieno, ma a serbatoio di energia pieno non a stomaco pieno; e quindi è importante il tempo di digeribilità degli alimenti. Dopo l’attività fisica invece bisogna assumere tutta una serie di cibi che abbiano una capacità alcalinizzante: visto che l’attività fisica già tende a aumentare l’acidità dell’organismo perché produce comunque acido lattico, dobbiamo alcalinizzare in modo da evitare la contrattura e la fatica determinata dall’acido lattico e le proteine sono inadatte, meglio i carboidrati, una bella porzione di pasta, o di riso al pomodoro, o della frutta o dei succhi di frutta, a seconda poi della stagione ovviamente e del tipo di attività.

Potrebbe interessarti anche La corretta alimentazione è quella commisurata all’attività fisica

Dopo una partita di calcio di un’ora e mezza, per esempio, si può mangiare la pasta o dopo due ore anche una bistecca, se invece parliamo di un torneo di judo con 8 o 9 incontri nell’arco di una giornata dove ogni singolo incontro magari dura 3 minuti, in questo caso deve essere considerata la nutrizione adatta per avere il massimo di energia in quei 3 minuti. Poi ci sarà una fase di ripresa, di recupero dell’energia, in cui bisogna evitare che il muscolo si rilassi troppo perché poi si ricomincia con un altro combattimento. Prendiamo la pallanuoto: si vive in acqua praticamente, ma c’è il momento della corsa, del tiro, della pausa, quindi sono tutta quanta una serie di studi che vanno fatti, sport per sport, atleta per atleta, ruolo per ruolo per trovare l'alimentazione più corretta per ognuno.

Il difensore del calcio ha delle necessità diverse dall’ala, o dalla punta o dal centrocampista che fa avanti e indietro, il portiere pure: quindi è l’essenziale capire che sforzo è richiesto, il livello a cui si sta facendo questo lavoro e di conseguenza cosa assumere  prima e cosa dopo.

Potrebbe interessarti anche Le diete estreme seguite per pochi giorni non fanno male



banner basso postfucina





Roberto Verna

Roberto Verna
Patologo clinico e medico dello sport

Professore Ordinario di Patologia Clinica e Direttore del Centro di Ricerca per la Medicina e il Management dello Sport dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza. Già Presidente dell'Associazione Italiana di Patologia Clinica e Medicina Molecolare è ora Past President della Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero