I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’alimentazione corretta dopo l’esercizio fisico

Bisogna eliminare delle credenze diffuse, come quella di consumare proteine dopo l'esercizio fisico

Pubblicato il 24/11/2015 da Roberto Verna
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Voglio innanzitutto eliminare una credenza molto diffusa, quella che dopo l’esercizio fisico bisogna assumere delle proteine. La credenza nasce dal fatto che dopo l’esercizio fisico le cellule, soprattutto le cellule muscolari, tendono a incorporare più facilmente le proteine e gli aminoacidi, ma il problema è diverso, nel senso che assumere le proteine dopo l’esercizio fisico non fa altro che acidificare l’organismo, determinare il rischio di contratture e peggio anche di lesioni muscolari!

Inoltre le proteine non vengono incorporate immediatamente perché dopo l'assunzione bisogna anche digerirle e per digerire le proteine ci vogliono due o tre ore. Nel momento in cui io faccio l’esercizio fisico, le proteine ce le ho disponibili come aminoacidi dopo 3 ore non incorporo più niente. Quindi le proteine vanno assunte tre ore prima, digerite e nel momento in cui sono state digerite, fare l’attività fisica in modo che così si incorporino più facilmente gli aminoacidi che sono stati ottenuti dalle proteine.

Un’altra cosa da tenere in considerazione e seriamente importante è che la contrazione muscolare viene energizzata dai carboidrati e non dalle proteine, perché il carboidrato è la molecola che dà l’energia per la contrazione muscolare. La proteina serve soltanto a ripristinare quel consumo di muscolo conseguente all’attività fisica. E allora anche lì dobbiamo sapere la composizione corporea del soggetto, il tipo di attività che fa e decidere quanto carboidrato deve prendere un certo periodo di tempo prima e quanta proteina deve prendere un certo tempo prima dell’attività fisica.

Dobbiamo sapere quanto tempo ci vuole a digerire un certo alimento per poter fare un’attività fisica corretta, perché l’attività fisica non va fatta a vuoto, va fatta a serbatoio pieno, ma a serbatoio di energia pieno non a stomaco pieno; e quindi è importante il tempo di digeribilità degli alimenti. Dopo l’attività fisica invece bisogna assumere tutta una serie di cibi che abbiano una capacità alcalinizzante: visto che l’attività fisica già tende a aumentare l’acidità dell’organismo perché produce comunque acido lattico, dobbiamo alcalinizzare in modo da evitare la contrattura e la fatica determinata dall’acido lattico e le proteine sono inadatte, meglio i carboidrati, una bella porzione di pasta, o di riso al pomodoro, o della frutta o dei succhi di frutta, a seconda poi della stagione ovviamente e del tipo di attività.

Potrebbe interessarti anche La corretta alimentazione è quella commisurata all’attività fisica

Dopo una partita di calcio di un’ora e mezza, per esempio, si può mangiare la pasta o dopo due ore anche una bistecca, se invece parliamo di un torneo di judo con 8 o 9 incontri nell’arco di una giornata dove ogni singolo incontro magari dura 3 minuti, in questo caso deve essere considerata la nutrizione adatta per avere il massimo di energia in quei 3 minuti. Poi ci sarà una fase di ripresa, di recupero dell’energia, in cui bisogna evitare che il muscolo si rilassi troppo perché poi si ricomincia con un altro combattimento. Prendiamo la pallanuoto: si vive in acqua praticamente, ma c’è il momento della corsa, del tiro, della pausa, quindi sono tutta quanta una serie di studi che vanno fatti, sport per sport, atleta per atleta, ruolo per ruolo per trovare l'alimentazione più corretta per ognuno.

Il difensore del calcio ha delle necessità diverse dall’ala, o dalla punta o dal centrocampista che fa avanti e indietro, il portiere pure: quindi è l’essenziale capire che sforzo è richiesto, il livello a cui si sta facendo questo lavoro e di conseguenza cosa assumere  prima e cosa dopo.

Potrebbe interessarti anche Le diete estreme seguite per pochi giorni non fanno male



banner basso postfucina





Roberto Verna

Roberto Verna
Patologo clinico e medico dello sport

Professore Ordinario di Patologia Clinica e Direttore del Centro di Ricerca per la Medicina e il Management dello Sport dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza. Già Presidente dell'Associazione Italiana di Patologia Clinica e Medicina Molecolare è ora Past President della Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"

Dott. Berrino: “Come contrastare l’obesità infantile”

I nostri bambini assumono troppi zuccheri e troppe proteine. La colpa? L'esempio sbagliato dei genitori

Corsi - Prevenzione a tavola

Sbucciare una melagrana in meno di un minuto

Vale la pena imparare a sbucciare questo frutto perché si tratta davvero di un concentrato di proprietà benefiche per il nostro organismo

Contengono più calorie le castagne arrostite, bollite o secche?

Il metodo di cottura influisce molto sul contenuto calorico delle castagne

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina

La frutta secca non fa ingrassare e protegge dalle malattie cardiovascolari

Un nuovo studio indica quanti grammi mangiarne tutti i giorni per evitare l'aumento di peso

Salutiamo l’estate con i corsi di Prevenzione a tavola a metà prezzo

Fino a lunedì 23 settembre 2019, giorno dell'equinozio d'autunno

Fichi, il frutto di fine estate alleato dell’intestino

Antiossidanti e antinfiammatori. Ecco la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero

La pizza contrasta alcune malattie e allunga la vita

Deve però essere preparata in Italia con ingredienti italiani: la pizza vince l'Ig Nobel 2019 per la medicina

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.