I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Allarme super-batteri dalla Cina

Il mondo è sull'orlo dell'era post-antibiotici?

Pubblicato il 20/11/2015 da Prevenzione a tavola

In giorni di grande allarme per la sicurezza delle città, la scienza ci ammonisce a guardarci dai nemici invisibili a occhio nudo, ma potenzialmente fatali. Secondo uno studio, pubblicato su 'Lancet Infectious Diseases', il mondo è sull'orlo di un'era post-antibiotica. E questo perché sono stati scoperti in Cina dei superbatteri resistenti anche ai farmaci utilizzati quando tutti gli altri trattamenti hanno fallito. A riaccendere nuovi fari sull'antibiotico-resistenza, nella settimana dedicata a sensibilizzare il mondo su questo problema, è un team cinese-britannico diretto da Jian-Hua Liu dell'università del Guangzhou, di cui fa parte anche Timothy Walsh dell'University of Cardiff. Gli scienziati hanno identificato batteri in grado di sfuggire al farmaco di ultima linea - la colistina - in pazienti e bestiame in Cina.

Secondo il team di ricercatori, a questo punto la super-resistenza si potrebbe diffondere in tutto il mondo, con un moltiplicarsi di infezioni incurabili. E l'idea è che questo tipo di resistenza si sia manifestata dopo un abuso di colistina negli animali da allevamento. Per i ricercatori il pericolo è reale: se i microrganismi patogeni diventano completamente resistenti al trattamento - un fenomeno noto fra gli scienziati come 'apocalisse antibiotica' - potrebbero far tornare indietro la medicina fino ai tempi del Medioevo. Un'epoca in cui anche le comuni infezioni possono rivelarsi mortali, e la chirurgia che fa affidamento sugli antibiotici può essere messa in forse.

Gli scienziati cinesi hanno identificato una nuova mutazione genetica, MCR-1, che impedisce alla colistina di uccidere i batteri. Lo studio rivela la presenza della resistenza in un quinto degli animali testati, ovvero suini, nel 15% dei campioni di carne cruda e in 16 pazienti.

Non solo: la resistenza si è diffusa già tra una vasta gamma di ceppi e specie batteriche, tra cui Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae e Pseudomonas aeruginosa. Ci sono anche prove che si sia spinta fino in Laos e Malesia. "Tutti i giocatori chiave sono ora sul campo per rendere l'era post-antibiotici una realtà - spiega Walsh alla Bbc - Se MCR-1 diventa globale, ma il problema è quando non se, e il gene si allinea con gli altri geni della resistenza agli antibiotici, cosa che è inevitabile, allora avremo molto probabilmente raggiunto l'inizio dell'era post-antibiotici".

"A quel punto, se un paziente è gravemente malato, ad esempio a causa dell'E. coli, allora non c'è praticamente più niente da fare". A fare la differenza rispetto ai casi precedenti è il fatto che la mutazione cruciale sia sorta in modo da essere facilmente condivisa tra i batteri. "La velocità di trasferimento di questo gene di resistenza è alta in modo ridicolo, e questo non sembra buono", sottolinea Mark Wilcox, del Leeds Teaching Hospitals NHS Trust. Il suo ospedale fa i conti con diversi casi in cui "lottiamo per trovare un antibiotico" efficace ogni mese. Un evento "raro come i denti di gallina" anche solo cinque anni fa.

Insomma, i segnali sono preoccupanti e il rischio è che "stiamo perdendo la battaglia". Intanto le prime indicazioni suggeriscono che il governo cinese si stia muovendo rapidamente per affrontare il problema. Lo stesso Walsh sta incontrando i ministeri dell'Agricoltura e della Sanità in questo fine settimana, per capire se la colistina per uso agricolo debba essere vietata. (fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Miele di corbezzolo, nuova arma contro il tumore

Bloccherebbe la crescita delle cellule del tumore al colon

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Corsi - Prevenzione a tavola

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Corsi - Prevenzione a tavola

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova