I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contengono davvero i Plumcake integrali Mulino Bianco?

Sono la novità del Mulino Bianco, presentati come la variante più sana al plumcake classico. Sarà vero?

Pubblicato il 12/11/2015 da Chiara Cevoli

Sono la novità del Mulino Bianco per la colazione: i plumcake integrali, con zucchero di canna. Presentati come la variante più sana al plumcake classico, si legge sul sito che questo nuovo prodotto “si arricchisce del gusto e della genuinità della farina integrale e dello zucchero di canna”.

Quali sono gli ingredienti? È veramente una variante più sana?

INGREDIENTI

Zucchero, uova, farina integrale di grano tenero 15,7% (farina di frumento, crusca di frumento), farina di frumento, olio di semi di girasole, yogurt all’albicocca (yogurt, zucchero, purea di albicocca, aroma), zucchero di canna 4,4%, acqua, fibra solubile: oligofruttosio, agenti lievitanti (difosfato disodico, carbonato acido di sodio, carbonato acido d'ammonio), aromi, emulsionanti: mono- e digliceridi degli acidi grassi, sale.

Ciò che salta subito agli occhi è che il primo ingrediente è lo zucchero, ma non quello di canna, lo zucchero bianco. Quello di canna c’è, poco ma c’è. Tuttavia anche se possa sembrare più sano o meno calorico (forse dovuto alla colorazione più scura), le differenze tra zucchero bianco e di canna sono minime e riguardano essenzialmente la pianta da cui si ricava il prodotto: barbabietola per il primo e la canna da zucchero per il secondo. La barbabietola è bianca da qui la colorazione del rispettivo zucchero, mentre la canna da zucchero essendo più scura da un prodotto più scuro. Ma attenzione che calorie, nutrienti e i noti effetti poco salutistici per noi consumatori sono gli stessi. Un po’ diverso è lo zucchero INTEGRALE di canna, ma non è quello presente in questo prodotto (ne ho parlato diffusamente in questo video La differenza tra lo zucchero bianco, di canna e di canna integrale).

Continuando a leggere gli ingredienti ci si accorge che in realtà la farina integrale non è proprio integrale: nel prodotto è presente SOLO farina bianca arricchita con crusca di frumento. Purtroppo non sono 2 prodotti equivalenti: la vera farina integrale si ottiene dal chicco di frumento intero, composto dalla crusca, dal germe e dall’endosperma. La farina bianca invece si ottiene per macinazione del chicco raffinato che risulta quindi composto SOLO dalla parte più interna, l’endosperma composta essenzialmente di amido (ne ho parlato diffusamente in questo video (La differenza tra cereali integrali, decorticati e perlati).

Inoltre:

  • Presenza di aromi sia nello yogurt utilizzato che nella merendina
  • Il numero di ingredienti è notevole: sono infatti più di 15
  • Presenza di sale in un prodotto dolce
VALORI NUTRIZIONALI per 1 Plumcake (33 gr)
  • Energia 129 Kcal
  • Grassi 5.8 gr
    • di cui saturi 1.8 gr
  • Carboidrati  16.3 gr
    • di cui zuccheri 9.4 gr
  • Sale 0.404 gr

Analizzando la tabella nutrizionale si nota che ogni plumcake contiene 1 CUCCHIAIO di zucchero: praticamente circa 1/3 del peso del prodotto finale è dato da questo ingrediente. Anche i grassi non sono così pochi e il sale che arriva a coprire per ogni merendina il 7% del fabbisogno totale giornaliero è un ingrediente che nei dolci preparati nelle nostre cucine non viene di certo aggiunto.

[Ingredienti e valori nutrizionali si trovano anche sul sito ufficiale]

Non perderti tutti gli aggiornamenti della pagina Facebook della dottoressa Chiara Cevoli

Non contengo olio di palma, ma qui il problema è la vendita di un prodotto NON propriamente INTEGRALE: infatti leggendo... Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Martedì 10 novembre 2015



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande