I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contengono davvero i Plumcake integrali Mulino Bianco?

Sono la novità del Mulino Bianco, presentati come la variante più sana al plumcake classico. Sarà vero?

Pubblicato il 12/11/2015 da Chiara Cevoli

Sono la novità del Mulino Bianco per la colazione: i plumcake integrali, con zucchero di canna. Presentati come la variante più sana al plumcake classico, si legge sul sito che questo nuovo prodotto “si arricchisce del gusto e della genuinità della farina integrale e dello zucchero di canna”.

Quali sono gli ingredienti? È veramente una variante più sana?

INGREDIENTI

Zucchero, uova, farina integrale di grano tenero 15,7% (farina di frumento, crusca di frumento), farina di frumento, olio di semi di girasole, yogurt all’albicocca (yogurt, zucchero, purea di albicocca, aroma), zucchero di canna 4,4%, acqua, fibra solubile: oligofruttosio, agenti lievitanti (difosfato disodico, carbonato acido di sodio, carbonato acido d'ammonio), aromi, emulsionanti: mono- e digliceridi degli acidi grassi, sale.

Ciò che salta subito agli occhi è che il primo ingrediente è lo zucchero, ma non quello di canna, lo zucchero bianco. Quello di canna c’è, poco ma c’è. Tuttavia anche se possa sembrare più sano o meno calorico (forse dovuto alla colorazione più scura), le differenze tra zucchero bianco e di canna sono minime e riguardano essenzialmente la pianta da cui si ricava il prodotto: barbabietola per il primo e la canna da zucchero per il secondo. La barbabietola è bianca da qui la colorazione del rispettivo zucchero, mentre la canna da zucchero essendo più scura da un prodotto più scuro. Ma attenzione che calorie, nutrienti e i noti effetti poco salutistici per noi consumatori sono gli stessi. Un po’ diverso è lo zucchero INTEGRALE di canna, ma non è quello presente in questo prodotto (ne ho parlato diffusamente in questo video La differenza tra lo zucchero bianco, di canna e di canna integrale).

Continuando a leggere gli ingredienti ci si accorge che in realtà la farina integrale non è proprio integrale: nel prodotto è presente SOLO farina bianca arricchita con crusca di frumento. Purtroppo non sono 2 prodotti equivalenti: la vera farina integrale si ottiene dal chicco di frumento intero, composto dalla crusca, dal germe e dall’endosperma. La farina bianca invece si ottiene per macinazione del chicco raffinato che risulta quindi composto SOLO dalla parte più interna, l’endosperma composta essenzialmente di amido (ne ho parlato diffusamente in questo video (La differenza tra cereali integrali, decorticati e perlati).

Inoltre:

  • Presenza di aromi sia nello yogurt utilizzato che nella merendina
  • Il numero di ingredienti è notevole: sono infatti più di 15
  • Presenza di sale in un prodotto dolce
VALORI NUTRIZIONALI per 1 Plumcake (33 gr)
  • Energia 129 Kcal
  • Grassi 5.8 gr
    • di cui saturi 1.8 gr
  • Carboidrati  16.3 gr
    • di cui zuccheri 9.4 gr
  • Sale 0.404 gr

Analizzando la tabella nutrizionale si nota che ogni plumcake contiene 1 CUCCHIAIO di zucchero: praticamente circa 1/3 del peso del prodotto finale è dato da questo ingrediente. Anche i grassi non sono così pochi e il sale che arriva a coprire per ogni merendina il 7% del fabbisogno totale giornaliero è un ingrediente che nei dolci preparati nelle nostre cucine non viene di certo aggiunto.

[Ingredienti e valori nutrizionali si trovano anche sul sito ufficiale]

Non perderti tutti gli aggiornamenti della pagina Facebook della dottoressa Chiara Cevoli

Non contengo olio di palma, ma qui il problema è la vendita di un prodotto NON propriamente INTEGRALE: infatti leggendo... Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Martedì 10 novembre 2015



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore