I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contengono davvero i Plumcake integrali Mulino Bianco?

Sono la novità del Mulino Bianco, presentati come la variante più sana al plumcake classico. Sarà vero?

Pubblicato il 12/11/2015 da Chiara Cevoli

Sono la novità del Mulino Bianco per la colazione: i plumcake integrali, con zucchero di canna. Presentati come la variante più sana al plumcake classico, si legge sul sito che questo nuovo prodotto “si arricchisce del gusto e della genuinità della farina integrale e dello zucchero di canna”.

Quali sono gli ingredienti? È veramente una variante più sana?

INGREDIENTI

Zucchero, uova, farina integrale di grano tenero 15,7% (farina di frumento, crusca di frumento), farina di frumento, olio di semi di girasole, yogurt all’albicocca (yogurt, zucchero, purea di albicocca, aroma), zucchero di canna 4,4%, acqua, fibra solubile: oligofruttosio, agenti lievitanti (difosfato disodico, carbonato acido di sodio, carbonato acido d'ammonio), aromi, emulsionanti: mono- e digliceridi degli acidi grassi, sale.

Ciò che salta subito agli occhi è che il primo ingrediente è lo zucchero, ma non quello di canna, lo zucchero bianco. Quello di canna c’è, poco ma c’è. Tuttavia anche se possa sembrare più sano o meno calorico (forse dovuto alla colorazione più scura), le differenze tra zucchero bianco e di canna sono minime e riguardano essenzialmente la pianta da cui si ricava il prodotto: barbabietola per il primo e la canna da zucchero per il secondo. La barbabietola è bianca da qui la colorazione del rispettivo zucchero, mentre la canna da zucchero essendo più scura da un prodotto più scuro. Ma attenzione che calorie, nutrienti e i noti effetti poco salutistici per noi consumatori sono gli stessi. Un po’ diverso è lo zucchero INTEGRALE di canna, ma non è quello presente in questo prodotto (ne ho parlato diffusamente in questo video La differenza tra lo zucchero bianco, di canna e di canna integrale).

Continuando a leggere gli ingredienti ci si accorge che in realtà la farina integrale non è proprio integrale: nel prodotto è presente SOLO farina bianca arricchita con crusca di frumento. Purtroppo non sono 2 prodotti equivalenti: la vera farina integrale si ottiene dal chicco di frumento intero, composto dalla crusca, dal germe e dall’endosperma. La farina bianca invece si ottiene per macinazione del chicco raffinato che risulta quindi composto SOLO dalla parte più interna, l’endosperma composta essenzialmente di amido (ne ho parlato diffusamente in questo video (La differenza tra cereali integrali, decorticati e perlati).

Inoltre:

  • Presenza di aromi sia nello yogurt utilizzato che nella merendina
  • Il numero di ingredienti è notevole: sono infatti più di 15
  • Presenza di sale in un prodotto dolce
VALORI NUTRIZIONALI per 1 Plumcake (33 gr)
  • Energia 129 Kcal
  • Grassi 5.8 gr
    • di cui saturi 1.8 gr
  • Carboidrati  16.3 gr
    • di cui zuccheri 9.4 gr
  • Sale 0.404 gr

Analizzando la tabella nutrizionale si nota che ogni plumcake contiene 1 CUCCHIAIO di zucchero: praticamente circa 1/3 del peso del prodotto finale è dato da questo ingrediente. Anche i grassi non sono così pochi e il sale che arriva a coprire per ogni merendina il 7% del fabbisogno totale giornaliero è un ingrediente che nei dolci preparati nelle nostre cucine non viene di certo aggiunto.

[Ingredienti e valori nutrizionali si trovano anche sul sito ufficiale]

Non perderti tutti gli aggiornamenti della pagina Facebook della dottoressa Chiara Cevoli

Non contengo olio di palma, ma qui il problema è la vendita di un prodotto NON propriamente INTEGRALE: infatti leggendo... Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Martedì 10 novembre 2015



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti