I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Le proprietà della quinoa, un alimento completo per il nostro organismo

Proveniente dalla Ande, la quinoa è ricca di fibre, minerali e antiossidanti. Ecco una ricetta

Pubblicato il 09/11/2015 da Roberta Martinoli

La trattiamo come fosse un cereale anche se in realtà la quinoa appartiene alla stessa famiglia da cui provengono spinaci e barbabietola. Mentre però degli spinaci mangiamo le foglie e della barbabietola la radice, nel caso della quinoa la parte edibile è rappresentata dai semi che possono essere bianchi, rossi o neri. Il colore è in relazione con il diverso contenuto in sostanze bioattive quali flavonoidi (gialli), betacianine (rosse) e betaxantine (gialle).

Originaria delle Ande, la pianta risulta difficile da coltivare in ambienti a clima temperato. Pur essendo diventata una coltura di potenziale interesse economico la sua scarsa adattabilità fa sì che le aree di maggiore produzione rimangano il Perù e la Bolivia. Da quando la domanda di cibi bio e senza glutine è aumentata la sua coltivazione è passata da estensiva ad intensiva e i prezzi si sono centuplicati. Se questo rappresenta un’opportunità per i contadini, per le fasce più deboli è un ostacolo al consumo. E così in Perù e in Bolivia aumentano i casi di malnutrizione.

L’elevato potere nutrizionale di questo pseudo-cereale è dovuto all’alto contenuto in fibre e in minerali quali fosforo, manganese, ferro e zinco. È inoltre uno dei pochi alimenti di origine vegetale a contenere tutti gli aminoacidi essenziali. Per questo si inserisce benissimo nella dieta dei soggetti vegetariani e vegani. E in ultimo non contiene glutine e quindi rappresenta un’ottima alternativa all’uso di prodotti aglutinati nei soggetti affetti da celiachia.

Sarebbe già abbastanza ma non finisce qui!

Per comprendere i grandi meriti di questo alimento vi chiedo di fare uno sforzo di immaginazione e di pensare di essere un abitante delle Ande. Ogni giorno avrete a che fare con le basse temperature e con la presenza costante di vento, sarete esposti al rischio di disidratazione e avrete una più alta probabilità di sviluppare un danno da raggi ultravioletti. In ultimo a causa della rarefazione dell’aria tipica delle alte quote ogni vostra singola cellula riceverà una minore quantità di ossigeno e questo comporterà una serie di riadattamenti metabolici.

Potrebbe interessarti anche Semi di chia: per perdere peso e contrastare le malattie cardiovascolari

Ma anche la quinoa ha dovuto adattarsi alle stesse situazioni climatiche. Così ad esempio le saponine servono alla pianta per aumentarne la resistenza allo stress. Nell’uomo le saponine esercitano proprietà adattogene, espettoranti, ipocolesterolemizzanti e modultatrici del metabolismo dei lipidi. Per azione adattogena si intende un’azione regolativa e normalizzante, non specifica, che consente all’organismo di aumentare la resistenza allo stress.

In altri termini la pianta sviluppa delle strategie adattative che finiscono con il giovare anche il consumatore finale ed è questa la magia che si verifica quando siamo inseriti all’interno di un ecosistema e ci nutriamo di ciò che produce la terra.

Per questo mi chiedo se sia un caso che la quinoa contenga zinco e trimetiliglicina? Avete mai sentito parlare delle “zink finger proteins” (proteine con motivo a dita di zinco)? Sono delle proteine in cui un atomo di zinco lega 4 cisteine o residui di istidina. In generale queste proteine hanno un ruolo importante nei processi di segnalazione e di riparazione dei danni a carico del DNA. E questa è un’opportunità grandiosa per chi è esposto all’azione mutagena dei raggi ultravioletti!

La trimetiglicina in quanto donatore di gruppi metilici svolge un ruolo importante nel processo di detossificazione dell’omocisteina (considerata marker indipendente di malattie cardiovascolari). Inoltre rende possibile il controllo epigenetico del DNA. Quando un gruppo metile si lega ad una cisteina (una delle basi azotate) la trascrizione della sequenza genica viene repressa. Metilazione e demetilazione regolano dunque lo spengimento e l’accensione dei nostri geni. Pensate alle popolazioni andine e alla loro necessità di adattarsi alle grandi escursioni termiche che si realizzano dalla sera alla mattina. In queste condizioni avere la possibilità di spengere e accendere geni in un batter d’occhio fa la differenza tra la salute e la malattia.

E che dire in ultimo dell’alto potere antiossidante legato alle frazioni polisaccaridiche della quinoa? Insomma la quinoa è un vero e proprio nutraceutico ma è quella coltivata sulle Ande ad esprimere al massimo queste qualità.

E per finire una ricetta. In genere io la mangio come se fosse un riso ma trovo molto interessanti le polpette di quinoa, curcuma e pepe!

DSC_0370

INGREDIENTI

  1. 150 g di quinoa
  2. 2 carote
  3. 1 cipolla
  4. 1 costa di sedano
  5. 1 uovo
  6. parmigiano
  7. sale
  8. pepe
  9. curcuma
  10. olio extravergine di oliva

La quinoa va lavata sotto l’acqua corrente per eliminare parte delle saponine che le conferiscono un sapore amaro. Per farla cuocere si dovrà utilizzare una quantità d’acqua pari al doppio del suo peso, in questo caso 300 ml. La cottura a fuoco medio sarà ultimata quando l’acqua si sarà riassorbita e i grani di quinoa avranno raddoppiato il loro volume. Dopo averla fatta raffreddare unirete gli altri ingredienti. Carote, sedano e cipolla saranno stati precedentemente tagliati in pezzettini sottili. Formerete con l’impasto delle polpette da passare nel pangrattato prima di infornarle con un po’ d’olio.

Non perdetevi gli aggiornamenti della Dottoressa Roberta Martinoli. Seguitela su Facebook!



banner basso postfucina





Roberta Martinoli

Roberta Martinoli
Nutrizionista

Sono ormai 15 anni che mi occupo di Nutrizione Umana.Dopo la laurea in Scienze Agrarie ho ottenuto il Dottorato di Ricerca in Fisiologia dei Distretti Corporei presso l’Università di Roma Tor Vergata. È stato lì che ho cominciato a studiare le tecniche di valutazione della composizione corporea e i principi di dietoterapia. Mi sono ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti

La salsa di pomodoro cotta fa bene all’intestino

Nuovo studio: Aumenta l'effetto dei batteri buoni

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta