I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La dieta che diminuisce il colesterolo e fa perdere peso

Si tratta di una cura cura tibetana a base di aglio

Pubblicato il 04/11/2015 da Prevenzione a tavola

L’aglio non è solo un ingrediente essenziale per il condimento dei cibi ma è anche uno degli alimenti più benefici per la salute. Ha proprietà antitumorali, riesce ad accelerare il metabolismo e a combattere i danni provocati dal fumo. Secondo una tradizione tibetana, l’aglio è la base di un’antica ricetta medicinale ideata dai monaci buddisti del Tibet che permette di depurare il corpo e di perdere peso in modo salutare.

I benefici e le controindicazioni della cura dell’aglio
La “cura” sfrutta le proprietà mediche dell’aglio per eliminare i depositi di grasso che si accumulano nel corpo, per diminuite il colesterolo “cattivo”, i trigliceridi e la pressione arteriosa. La ricetta tibetana riesce inoltre a migliorare il funzionamento del fegato, dei reni e del sistema circolatorio, permettendo di combattere sovrappeso, ischemia, artrite ed anche sinusite e mal di testa. La dieta dell’aglio è però sconsigliata a chi soffre di ulcere digestive o irritazioni gastriche, a chi assume anticoagulanti e chi non tollera l’aglio crudo. Prima di cominciarla sarebbe meglio consultare un medico o un naturopata, soprattutto quando si assumono medicine o si hanno problemi di salute.

La ricetta della cura a base di aglio
Per preparare l’antica cura tibetana, bisogna mettere in una bottiglia di vetro un quarto di litro di alcol a 70 gradi e 350 grammi di aglio crudo, sbucciato e tritato. Dopo averla chiusa ermeticamente, è necessario lasciarla in frigorifero per 10 giorni. A questo punto, si può filtrare il liquido, che sarà diventato di un colore verdognolo, con un panno. Bisogna poi lasciarlo altri 3 giorni in frigorifero prima di poter cominciare la cura. Bisognerà assumere il liquido con un po’ d’acqua, venti minuti prima dei 3 pasti principali. Il primo giorno se ne dovranno assumere 1 goccia prima della colazione, 2 gocce prima del pranzo, 3 gocce prima della cena. Dal secondo al sesto giorno si dovrà aumentare quotidianamente ogni dose di 3 gocce, fino ad arrivare a 15 gocce prima della colazione, 14 gocce prima del pranzo, 13 gocce prima della cena nel giorno numero 6. Dal settimo al decimo giorno si dovrà invece diminuire le dosi quotidiane di 3 gocce per ogni dose, raggiungendo 3 gocce prima della colazione, 2 gocce prima del pranzo, 1 goccia prima della cena. Se a questo punto il preparato non è ancora finito, si possono prendere 25 gocce ogni giorno fino a quando non termina la bottiglia. Gli effetti sulla propria salute saranno incredibili. (Fonte)

Potrebbe interessarti anche: Come sbucciare l’aglio senza toccarlo



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

I carciofi sono facili da preparare: come pulirli e due ricette

L'autunno e l'inverno sono le stagioni perfette per gustare i carciofi: ecco come pulirli, prepararli e gustarli

Come preparare una deliziosa vellutata di carote e patate

Ingredienti e procedimento per una squisita vellutata, sana e nutriente

I cibi che fanno tornare il buonumore in inverno

Ecco i cibi che sorreggono il nostro umore, in quanto aiutano il rilascio di serotonina e rinforzano il sistema immunitario

Vivere più a lungo? Basta bere tè tre volte a settimana

Un nuovo studio afferma che il tè riduce il rischio di malattie cardiovascolari e il tasso di mortalità

Il cibo influenza subito la qualità del seme maschile

Troppi zuccheri peggiorano la qualità dello sperma, dieta sana la migliora. Ecco cosa mangiare

Corsi - Prevenzione a tavola

Il peperoncino allunga la vita: dimezza rischio di morte per ictus e infarto

Una buona notizia per gli amante del piccante, specie per chi lo usa 4 volte alla settimana

Colesterolo alto: cosa mangiare a Natale?

Ecco i cibi consigliati e quelli da evitare da mangiare durante le feste per chi soffre di colesterolo alto

Esagerare a cena mette in pericolo il cuore

Il cuore delle donne corre il rischio maggiore

Corsi - Prevenzione a tavola

Proteggi il tuo cuore con pasta integrale, peperoncino, caffè e cioccolato fondente

Gli alimenti, se scelti con cura e cucinati nella maniera giusta, sono i veri farmaci del futuro

DOLCI, online il nostro nuovo corso di cucina

Dolci squisiti senza zucchero ma con dolcificanti naturali più sani, senza farine raffinate e senza latte

L’aspartame è pericoloso per la salute?

Ecco cosa dicono alcuni studi recenti e come sono regolamentati in Europa gli additivi alimentari

Mela rosa dei Sibillini utile nella prevenzione di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Lo dimostrano i risultati di uno studio dell'Università di Camerino sulle proprietà salutistiche del frutto

Scampi e gamberi italiani pieni di microplastiche

I ricercatori delle Università di Cagliari e delle Marche hanno scovato un'alta concentrazione nei crostacei

Un avocado al giorno toglie il colesterolo cattivo di torno

La scoperta dei ricercatori americani: Bisogna includerlo nella propria alimentazione

Gli integratori non sostituiscono un’alimentazione corretta né i farmaci

Il Ministero della Salute ha stilato un Decalogo per il corretto uso degli integratori: "non esistono prodotti miracolosi"