I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tutti i cibi che mantengono la pelle giovane e senza rughe

La salute della pelle comincia a tavola

Pubblicato il 02/11/2015 da Prevenzione a tavola

La salute della pelle non è soltanto un fattore estetico. In effetti, la puliamo, la idratiamo, la coccoliamo attraverso creme, massaggi, peeling e spiamo ogni suo segno, ruga, imperfezione. Ma per tenerla in forma perfetta, i trattamenti estetici non bastano. La miglior cura inizia a tavola. E’ il tema del Corso Skineco ‘Belli mangiando’ che vede al tavolo dei relatori dermatologi e specialisti di medicina anti-aging, a Roma.

“Parte del nostro elisir di lunga vita è in cucina – dice Pucci Romano, specialista in dermatologia e presidente Skineco – e il segreto risiede nelle radici ambientali, culturali e culinarie del nostro meraviglioso Paese. Pensiamo alle produzioni tradizionali: ulivi millenari per l’olio extravergine di oliva, una fonte di acidi grassi preziosissimi dal potere antiossidante, grassi vegetali buoni e poi l’uva sia da tavola che da vino, specialmente il rosso, un concentrato di polifenoli e resveratrolo dalla spiccata azione antiossidante e anti-aging. Una posizione geografica in cui siamo esposti al mare per tre quarti che significa pesce azzurro, un vero concentrato di omega 3 che proteggono il cuore, ma non solo”.

Una dieta ricca di pesce “significa una pelle più giovane così come testimoniato anche dalle popolazioni orientali che hanno nel pesce il loro ingrediente base. Purtroppo il link tra pelle e alimentazione è quello meno indagato e spesso usiamo il cibo come ‘medicina’ per migliorare i parametri ematochimici e limitare il rischio di alcune patologie, mentre dobbiamo iniziare a pensare alle centinaia di molecole degli alimenti come a preziose alleate della bellezza”, spiega.

Nella ricetta di una pelle sana e giovane – dicono gli esperti Skineco – nessun nutriente deve mancare all’appello e nessuno deve essere escluso, come in una grande orchestra sinfonica ciascuno contribuisce alla perfezione dell’esecuzione.

CARBOIDRATI – Vanno scelti tra quelli più complessi e integrali, limitando i prodotti preconfezionati e di origine industriale. Questo perché proprio gli zuccheri semplici interagiscono negativamente con le proteine di supporto del derma, il collagene e l’elastina, che vengono danneggiate e perdono così la loro funzione di sostegno. Ecco allora come una dieta troppo ricca di carboidrati semplici corrisponda a una cute lassa, rilassata, poco densa dall’aspetto precocemente invecchiato.

COTTURA – Quando scegliamo il metodo di cottura di un cibo stiamo favorendo o contrastando rughe e invecchiamento. L’uso del forno ad alte temperature, grill, fritture e tutte le cotture a più di 120 gradi aumentano la presenza di prodotti di glicazione, molecole che derivano dal legame di zuccheri e proteine dannose per la cute e i tessuti. Danni impossibili da riparare e che devono quindi essere soggetti a intelligenti strategie preventive.

INDICE GLICEMICO – E’ la misura che indica la quantità di insulina secreta dall’organismo in risposta all’introduzione di un alimento necessaria per metabolizzarlo. Ogni alimento ha il suo indice che va da 100 dello sciroppo di glucosio al 15 delle zucchine. E’ stato osservato che una dieta ricca di cibi con elevato indice glicemico è correlata a un aumento dell’acne o al suo peggioramento.

PROTEINE – Sono la struttura di sostegno e i costituenti essenziali di tutte le cellule e alcuni degli aminoacidi di cui sono composte possono essere introdotti solo con la dieta perché il corpo umano non è capace di sintetizzarle. Tra i più importanti per una azione anti-età la creatina che stimola la produzione di collagene ed elastina, cisteina per unghie e capelli, prolina per la sintesi delle proteine di sostegno. Ecco allora solo una dieta varia ci garantisce l’apporto di tutte queste magnifiche sostanze.

GRASSI ‘BUONI’ – Preziosi e indispensabili per l’integrità della carriera cutanea, specialmente gli omega 3 e 6 che migliorano sia l’idratazione che l’elasticità della pelle. Ma anche il vituperato colesterolo ha la sua parte di meriti: è un precursore della vitamina D che costituisce un elemento fondante delle membrane cellulari. Come sempre, ogni elemento deve essere assunto senza eccessi preferibilmente da alimenti crudi. Al contrario i grassi idrogenati, ormai ubiquitari nei prodotti pronti, possono fare diversi danni: una recente ricerca ha ipotizzato che proprio questi siano responsabili dell’epidemia di smagliature che affligge le donne moderne, anche giovanissime e magre.

VITAMINE – Sono capaci di riparare i danni tissutali, hanno una azione trofica e si accompagnano spesso agli antiossidanti e tutto è contenuto in alimenti deliziosi e freschi come frutta e verdura, da scegliere tra quelle di stagione per beneficiare del massimo contenuto anche in minerali. Una piccola quota di vitamina C perché solo con la sua presenza l’organismo riesce a convertire le proteine nel prezioso collagene. E a proposito di antiossidanti va precisato che quasi tutti gli alimenti ne contengono una quantità precisa, indicati con la sigla Orac (Oxigen Radical Adsorbance Capacity) dei quali servono almeno 2.000 unità al giorno per avere benefici. Nella nostra piramide alimentare famosa in tutto il mondo c’è un patrimonio di salute, ma anche di longevità e bellezza. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dei Muffin alle carote con mandorle

Squisiti per merenda o per colazione, ma anche come dolcetto da gustare dopo cena guardando un film. Senza farine né zuccheri raffinati, naturalmente dolce

Abbuffarsi: ecco come vivere fino a 100 anni in salute

Lo dice la scienza

Ricetta: Alghe Hijiki con verdure all’aceto di riso (o di vino)

La Hijiki è un'alga bruna che proviene dall'Estremo Oriente, con particolari proprietà rimineralizzanti, cicatrizzanti e ipocolesterolemizzanti

Ricetta: Zeppole con farina di ceci e fiocchi di alghe nori

Avete mai mangiato le alghe? Ecco una ricetta invitante e veloce per inserirle nella vostra alimentazione

Il ruolo del cibo sul Coronavirus

Quanto è importante in questo momento, quanto influisce sulla possibilità di ridurre il contagio e quanto impatta sulla prognosi di una persona che ha contratto il Covid-19

Corsi - Prevenzione a tavola

Spiedini di cavoletti con carote all’aceto balsamico

Ecco a voi i miei spiedini in pastella nella versione senza glutine. Un mondo creativo e gustoso per far mangiare le verdure anche ai bambini

Troppo sale in cucina riduce le difese immunitarie

E quindi abbatte la capacità del nostro organismo di contrastare le infezioni batteriche, e in questo periodo non è proprio il massimo

Cannellini con cipolle di Tropea marinata

Un piatto a base di legumi, semplice, sano e gustoso

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli alimenti più ricchi di Vitamina C, oltre agli agrumi

Non solo arance, mandarini e limoni: ecco tutti gli alimenti che contengono vitamina C, indispensabile per rafforzare il nostro sistema immunitario

Bergamotto, l’agrume che combatte stress e colesterolo

Studio Università di Tor Vergata conferma 'frutto della salute'

Come preparare le Crêpes di farina di lenticchie rosse

Una ricetta semplice e veloce a base di legumi, nutrienti fondamentali per il funzionamento del nostro sistema immunitario

Gnocchi d’orzo: Marraconis de orgiu

Dalla civiltà sarda rurale, ecco una ricetta antica a base di cereali, fondamentali per un'alimentazione sana ed equilibrata

La ricetta dei Tortelli di ceci

Come preparare i tortelli di ceci, un piatto squisito e sano a base di legumi, fondamentali per la salute del nostro organismo

Diverticoli e diverticolite: cosa mangiare e da cosa tenersi lontani

Per prevenire la diverticolosi, ma anche per evitare l’infiammazione di diverticoli già presenti e quindi l’insorgenza di diverticolite, alcuni alimenti sono più indicati di altri

Il cuore è a rischio mangiando un uovo al giorno?

La risposta arriva da un grande studio pubblicato sul British Medical Journal che finalmente sembra mettere un punto alla questione del colesterolo contenuto nelle uova