I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contiene l’estratto di camomilla Plasmon?

L'analisi degli ingredienti dell'estratto solubile/granulare di camomilla Plasmon

Pubblicato il 29/10/2015 da Chiara Cevoli

Sono prodotti ampiamente utilizzati da tanti genitori: per comodità, perché si pensa siano una buona soluzione per calmare i bambini, perché ai bambini piacciono moltissimo. Ma cosa contengono? Sono veramente indicati per i più piccoli?

INGREDIENTI

  • Estratto solubile: Saccarosio, destrosio, estratto secco di camomilla (1,8%), sciroppo di glucosio disidratato
  • Estratto granulare: Destrosio, saccarosio, sciroppo di glucosio disidratato, estratto secco di camomilla (1%).

Anche se in ordine diverso gli ingredienti sono gli stessi in entrambi i prodotti:

  1. Saccarosio: è il comune zucchero, è una catena formata da 2 zuccheri semplici il glucosio e il fruttosio.
  2. Destrosio: è un altro nome del glucosio
  3. Sciroppo di glucosio disidratato: sempre glucosio sotto forma di sciroppo, quindi sciolto.
  4. Estratto secco di camomilla

Dalla lista degli ingredienti si nota immediatamente una cosa: 3 su un totale di 4 sono zucchero, sotto nomi diversi, ma sempre di zucchero parliamo. 1 cucchiaino da 5 grammi di estratto granulare contiene infatti:

  • 4,95 gr di zucchero (99%)
  • 0,05 gr di camomilla (1%)

In pratica è come pagare a peso d’oro un po’ di zucchero. Inoltre, per quanto possa essere comodo un prodotto del genere, purtroppo però gli effetti sia a breve che a lungo termine dell’uso quotidiano di queste bevande non è così scontato.

Potrebbe interessarti anche Cosa contengono i biscotti per neonati?

Infatti abituare bambini così piccoli (e spesso queste bevande sono date ai neonati) a sapori così dolci renderà ancora più difficile abituarli a mangiare alimenti più naturali e ovviamente molto meno dolci come la frutta. Inoltre se da un lato la camomilla ha proprietà calmanti, ed è proprio per questa ragione che viene data ai bambini, dall’altro lo zucchero ha invece proprietà eccitanti, soprattutto gli zuccheri semplici, come quelli contenuti in questi estratti. Lo zucchero, in particolare il glucosio, presente in questi prodotti in tutti e 3 gli ingredienti diversi dalla camomilla, è infatti il carburante del nostro corpo, è un pacchetto di energia prontamente disponibile e utilizzabile. Non a caso il glucosio, o per essere più precisi il destrosio, è utilizzato dagli SPORTIVI per ripristinare, dopo uno sforzo fisico intenso, le riserve di glicogeno (la forma di immagazzinamento degli zuccheri) nel corpo: ma di questo bambini così piccoli non hanno di certo bisogno! Oltretutto nessuno dei 2 prodotti è biologico.

Cosa fare quindi?

Comprate una confezione di camomilla biologica al supermercato e preparate voi stessi la bevanda per i vostri bambini aggiungendo magari un po’ di miele.

Non perderti gli aggiornamenti della dott.ssa Cevoli sulla sua pagina Facebook

Estratto granulare ed estratto solubile di camomilla Plasmon: altro non sono che zucchero venduto a peso d’oro! La…

Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Mercoledì 28 ottobre 2015



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dei Muffin alle carote con mandorle

Squisiti per merenda o per colazione, ma anche come dolcetto da gustare dopo cena guardando un film. Senza farine né zuccheri raffinati, naturalmente dolce

Abbuffarsi: ecco come vivere fino a 100 anni in salute

Lo dice la scienza

Ricetta: Alghe Hijiki con verdure all’aceto di riso (o di vino)

La Hijiki è un'alga bruna che proviene dall'Estremo Oriente, con particolari proprietà rimineralizzanti, cicatrizzanti e ipocolesterolemizzanti

Ricetta: Zeppole con farina di ceci e fiocchi di alghe nori

Avete mai mangiato le alghe? Ecco una ricetta invitante e veloce per inserirle nella vostra alimentazione

Il ruolo del cibo sul Coronavirus

Quanto è importante in questo momento, quanto influisce sulla possibilità di ridurre il contagio e quanto impatta sulla prognosi di una persona che ha contratto il Covid-19

Corsi - Prevenzione a tavola

Spiedini di cavoletti con carote all’aceto balsamico

Ecco a voi i miei spiedini in pastella nella versione senza glutine. Un mondo creativo e gustoso per far mangiare le verdure anche ai bambini

Troppo sale in cucina riduce le difese immunitarie

E quindi abbatte la capacità del nostro organismo di contrastare le infezioni batteriche, e in questo periodo non è proprio il massimo

Cannellini con cipolle di Tropea marinata

Un piatto a base di legumi, semplice, sano e gustoso

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli alimenti più ricchi di Vitamina C, oltre agli agrumi

Non solo arance, mandarini e limoni: ecco tutti gli alimenti che contengono vitamina C, indispensabile per rafforzare il nostro sistema immunitario

Bergamotto, l’agrume che combatte stress e colesterolo

Studio Università di Tor Vergata conferma 'frutto della salute'

Come preparare le Crêpes di farina di lenticchie rosse

Una ricetta semplice e veloce a base di legumi, nutrienti fondamentali per il funzionamento del nostro sistema immunitario

Gnocchi d’orzo: Marraconis de orgiu

Dalla civiltà sarda rurale, ecco una ricetta antica a base di cereali, fondamentali per un'alimentazione sana ed equilibrata

La ricetta dei Tortelli di ceci

Come preparare i tortelli di ceci, un piatto squisito e sano a base di legumi, fondamentali per la salute del nostro organismo

Diverticoli e diverticolite: cosa mangiare e da cosa tenersi lontani

Per prevenire la diverticolosi, ma anche per evitare l’infiammazione di diverticoli già presenti e quindi l’insorgenza di diverticolite, alcuni alimenti sono più indicati di altri

Il cuore è a rischio mangiando un uovo al giorno?

La risposta arriva da un grande studio pubblicato sul British Medical Journal che finalmente sembra mettere un punto alla questione del colesterolo contenuto nelle uova