I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contiene l’estratto di camomilla Plasmon?

L'analisi degli ingredienti dell'estratto solubile/granulare di camomilla Plasmon

Pubblicato il 29/10/2015 da

Sono prodotti ampiamente utilizzati da tanti genitori: per comodità, perché si pensa siano una buona soluzione per calmare i bambini, perché ai bambini piacciono moltissimo. Ma cosa contengono? Sono veramente indicati per i più piccoli?

INGREDIENTI

  • Estratto solubile: Saccarosio, destrosio, estratto secco di camomilla (1,8%), sciroppo di glucosio disidratato
  • Estratto granulare: Destrosio, saccarosio, sciroppo di glucosio disidratato, estratto secco di camomilla (1%).

Anche se in ordine diverso gli ingredienti sono gli stessi in entrambi i prodotti:

  1. Saccarosio: è il comune zucchero, è una catena formata da 2 zuccheri semplici il glucosio e il fruttosio.
  2. Destrosio: è un altro nome del glucosio
  3. Sciroppo di glucosio disidratato: sempre glucosio sotto forma di sciroppo, quindi sciolto.
  4. Estratto secco di camomilla

Dalla lista degli ingredienti si nota immediatamente una cosa: 3 su un totale di 4 sono zucchero, sotto nomi diversi, ma sempre di zucchero parliamo. 1 cucchiaino da 5 grammi di estratto granulare contiene infatti:

  • 4,95 gr di zucchero (99%)
  • 0,05 gr di camomilla (1%)

In pratica è come pagare a peso d’oro un po’ di zucchero. Inoltre, per quanto possa essere comodo un prodotto del genere, purtroppo però gli effetti sia a breve che a lungo termine dell’uso quotidiano di queste bevande non è così scontato.

Potrebbe interessarti anche Cosa contengono i biscotti per neonati?

Infatti abituare bambini così piccoli (e spesso queste bevande sono date ai neonati) a sapori così dolci renderà ancora più difficile abituarli a mangiare alimenti più naturali e ovviamente molto meno dolci come la frutta. Inoltre se da un lato la camomilla ha proprietà calmanti, ed è proprio per questa ragione che viene data ai bambini, dall’altro lo zucchero ha invece proprietà eccitanti, soprattutto gli zuccheri semplici, come quelli contenuti in questi estratti. Lo zucchero, in particolare il glucosio, presente in questi prodotti in tutti e 3 gli ingredienti diversi dalla camomilla, è infatti il carburante del nostro corpo, è un pacchetto di energia prontamente disponibile e utilizzabile. Non a caso il glucosio, o per essere più precisi il destrosio, è utilizzato dagli SPORTIVI per ripristinare, dopo uno sforzo fisico intenso, le riserve di glicogeno (la forma di immagazzinamento degli zuccheri) nel corpo: ma di questo bambini così piccoli non hanno di certo bisogno! Oltretutto nessuno dei 2 prodotti è biologico.

Cosa fare quindi?

Comprate una confezione di camomilla biologica al supermercato e preparate voi stessi la bevanda per i vostri bambini aggiungendo magari un po’ di miele.

Non perderti gli aggiornamenti della dott.ssa Cevoli sulla sua pagina Facebook

Estratto granulare ed estratto solubile di camomilla Plasmon: altro non sono che zucchero venduto a peso d’oro! La…

Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Mercoledì 28 ottobre 2015



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato