I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Guardare la TV per oltre 3 ore al giorno accorcia la vita

Passare molto tempo davanti alla tv aumenta il rischio di morte per ben 8 tipi di malattie diverse

Pubblicato il 28/10/2015 da Prevenzione a tavola

Guardare la televisione per oltre 3 ore al giorno accorcia la vita, aumentando il rischio di morte per ben 8 tipi di malattie diverse: lo ha scoperto uno studio del National Cancer Institute statunitense, pubblicato sulla rivista American Journal of Preventive Medicine.

I ricercatori hanno esaminato piu’ di 221.000 individui di eta’ compresa tra 50-71 anni, privi di malattie croniche all’inizio dello studio. L’analisi dei dati ha confermato l’associazione, gia’ suggerita da precedenti ricerche, con un aumentato rischio di mortalita’ per cancro e malattie cardiocircolatorie, come infarto e ictus. Ha pero’ anche identificato un piu’ elevato rischio di morte anche per altre frequenti malattie come diabete, influenza, polmonite, morbo di Parkinson e malattie del fegato.

E’ emerso che le persone che hanno riportato di guardare 3-4 ore di televisione avevano il 15% in piu’ di probabilita’ di morire per qualsiasi causa; coloro che ne vedevano 7 o piu’ ore avevano 47% in piu’ di probabilita’ di morire gia’ durante il periodo di studio (queste stime non erano influenzate da fattori come consumo di alcol e fumo).

L’80% degli adulti americani guarda in media 3,5 ore di televisione al giorno, consumando cosi’ piu’ della meta’ del tempo libero a disposizione, togliendo spazio a quello potenzialmente dedicabile all’attivita’ fisica. “In questo contesto, i nostri risultati si inseriscono all’interno di un crescente corpo di ricerca che indica che stare troppo seduti puo’ avere molti effetti negativi sulla salute”, ha spiegato l’autrice principale Sarah K. Keadle. “Data la crescente eta’ della popolazione e l’alta prevalenza di visione prolungata della TV nel tempo libero”, conclude l’autrice, agire su questo problema “puo’ essere un obiettivo importante per un intervento di sanita’ pubblica, piu’ di quanto fino ad ora riconosciuto”.

Fonti ScienceDaily MeteoWeb



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni