I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Guardare la TV per oltre 3 ore al giorno accorcia la vita

Passare molto tempo davanti alla tv aumenta il rischio di morte per ben 8 tipi di malattie diverse

Pubblicato il 28/10/2015 da Prevenzione a tavola

Guardare la televisione per oltre 3 ore al giorno accorcia la vita, aumentando il rischio di morte per ben 8 tipi di malattie diverse: lo ha scoperto uno studio del National Cancer Institute statunitense, pubblicato sulla rivista American Journal of Preventive Medicine.

I ricercatori hanno esaminato piu’ di 221.000 individui di eta’ compresa tra 50-71 anni, privi di malattie croniche all’inizio dello studio. L’analisi dei dati ha confermato l’associazione, gia’ suggerita da precedenti ricerche, con un aumentato rischio di mortalita’ per cancro e malattie cardiocircolatorie, come infarto e ictus. Ha pero’ anche identificato un piu’ elevato rischio di morte anche per altre frequenti malattie come diabete, influenza, polmonite, morbo di Parkinson e malattie del fegato.

E’ emerso che le persone che hanno riportato di guardare 3-4 ore di televisione avevano il 15% in piu’ di probabilita’ di morire per qualsiasi causa; coloro che ne vedevano 7 o piu’ ore avevano 47% in piu’ di probabilita’ di morire gia’ durante il periodo di studio (queste stime non erano influenzate da fattori come consumo di alcol e fumo).

L’80% degli adulti americani guarda in media 3,5 ore di televisione al giorno, consumando cosi’ piu’ della meta’ del tempo libero a disposizione, togliendo spazio a quello potenzialmente dedicabile all’attivita’ fisica. “In questo contesto, i nostri risultati si inseriscono all’interno di un crescente corpo di ricerca che indica che stare troppo seduti puo’ avere molti effetti negativi sulla salute”, ha spiegato l’autrice principale Sarah K. Keadle. “Data la crescente eta’ della popolazione e l’alta prevalenza di visione prolungata della TV nel tempo libero”, conclude l’autrice, agire su questo problema “puo’ essere un obiettivo importante per un intervento di sanita’ pubblica, piu’ di quanto fino ad ora riconosciuto”.

Fonti ScienceDaily MeteoWeb



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Corsi - Prevenzione a tavola

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore