I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cosa contengono davvero i biscotti Oro Saiwa?

Una comparazione tra le diverse tipologie di Oro Saiwa mostrano ingredienti non proprio salutari

Pubblicato il 23/10/2015 da Chiara Cevoli

Sono considerati i biscotti ideali quando si sta a dieta o per rimanere leggeri e proprio per questa ragione molte persone li consumano quotidianamente a colazione e non solo. Forte di questo successo l’azienda, negli anni, oltre al biscotto classico, ha immesso sul mercato altre 3 versioni per la colazione: 5 cereali, fibrattiva e cruscoro. Iniziando con i classici, analizziamo uno ad uno i famosi biscotti.

Oro Classico

Ingredienti: farina di frumento, zucchero, olio di palma, sciroppo di glucosio - fruttosio, agenti lievitanti (carbonato di ammonio, carbonati di sodio, tartrati di potassio), sale, latte scremato in polvere, amido di frumento, aromi.

Tra gli ingredienti lo sciroppo di glucosio-fruttosio: si trova esclusivamente nei prodotti industriali; una ricerca del 2013 che ha analizzato moltissimi studi sull’associazione tra il consumo di sciroppi e l’obesità infantile è arrivata alla conclusione che il suo consumo può contribuire all’obesità infantile. Inoltre poiché il fruttosio non influenza direttamente la glicemia non solo non stimola la secrezione di insulina, ma anche di altri ormoni che regolano l’appetito: in pratica quando mangiamo alimenti ricchi in fruttosio, non arriva mai, o con molto ritardo, il senso di sazietà.

Notiamo anche la presenza anche in questi biscotti di olio di palma e aromi.

Oro 5 cereali

Ingredienti: farina integrale di frumento 55%, cereali 22% (farina di frumento, farina di orzo, farina di riso, fiocchi di avena, farina di segale), zucchero, olio di palma, zucchero di canna 3%, agenti lievitanti (carbonati di ammonio, carbonati di sodio, tartrati di potassio), glutine di frumento, sale, lattosio (da latte), latte intero in polvere, emulsionante (lecitine di soia), aromi, amido di frumento. Nel sito alla pagina dedicata a questa variante del famoso biscotto si legge: “I cereali integrali sono suggeriti dagli esperti unitamente a uno stile di vita attivo e una dieta equilibrata.” Peccato però che leggendo gli ingredienti di cereali integrali ce ne sono ben pochi nel biscotto (anzi, a ben dire di cereali integrali, ad eccezione della farina integrale di frumento –che comunque è una farina, non un cereale integrale in chicchi, non ve ne è traccia). Anche in questi olio di palma e aromi, ma non solo: notiamo altresì la presenza di glutine e lattosio, due nutrienti che andrebbero sicuramente ridotti nella nostra alimentazione.

Oro Fibrattiva

Ingredienti: farina di frumento, farina integrale di frumento 27,5%, zucchero, olio di palma, crusca di frumento 8,9%, fibra 5,4% (inulina), agenti lievitanti (carbonati di ammonio, carbonati di sodio, difosfati), glutine di frumento, sale, lattosio (da latte), farina di frumento, maltato tostato, emulsionante (lecitine di soia), amido di frumento, aromi.

Qui le fibre la fanno da padrona: con 4 biscotti si arriva a circa 4 gr di fibre (circa il 40% della quantità giornaliera raccomandata), ma anche ad 1 cucchiaino di zucchero che non risulta così benefico per il nostro intestino. Anche in questi glutine, olio di palma e lattosio.

Oro Cruscoro

Ingredienti: farina integrale di frumento 23%, oli vegetali (palma, colza), zucchero, sciroppo di glucosio-fruttosio, zucchero grezzo di canna 1,5%, farina di malto di orzo, agenti lievitanti (carbonati di sodio, fosfati di calcio, carbonati di ammonio), sale, emulsionante (lecitine di soia).

Nel sito si legge: “Cruscoro è il frollino dal gusto vero ed autentico, che ricorda i biscotti di una volta, grazie alla consistenza corposa della farina integrale di frumento unita al sapore delicato dello zucchero di canna.” Facciamo alcune precisazioni: zucchero di canna e zucchero bianco sono praticamente la stessa cosa, il primo deriva dalla canna da zucchero, mentre il secondo dalla barbabietola da zucchero (ne abbiamo parlato qui La differenza tra lo zucchero bianco, di canna e di canna integrale). La colorazione è quindi dovuta al vegetale dal quale si ricava: lo zucchero di canna non è uno zucchero integrale. Inoltre come si legge dagli ingredienti il tanto acclamato zucchero di canna è in realtà lo zucchero presente in quantità più basse rispetto agli altri. In questi biscotti oltre all’olio di palma troviamo anche quello di colza, ben più dannoso per la nostra salute e ovviamente lo sciroppo di glucosio-fruttosio.

Per concludere il consiglio per tutti è quello di non farsi “catturare” da richiami salutistici sulle confezioni dei prodotti che acquistiamo, leggete prima gli ingredienti e verificate se quanto acclamato sulla confezione che state per mettere nel carrello corrisponde a verità. Nel dubbio per colazione una fetta di pane integrale tostato con un velo di marmellata o miele è sicuramente la soluzione migliore.

Sono considerati i biscotti ideali quando si sta a dieta o per rimanere leggeri e proprio per questa ragione molte... Posted by Dott.ssa Chiara Cevoli Biologo Nutrizionista on Venerdì 23 ottobre 2015



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali