I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il rimedio naturale contro i talloni screpolati

La natura ci viene in soccorso anche per i nostri piedi

Pubblicato il 12/10/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Quanti di voi hanno i talloni screpolati , duri e secchi? Ecco qualche rimedio naturale per rimediare!

Per prendersi cura dei piedi devi innanzitutto ammorbidirli con un pediluvio: riempite una bacinella con acqua calda, versate due cucchiai di bicarbonato e sciogliete 4 gocce di olio essenziale alla lavanda, lasciando i piedi nell'acqua per 20 minuti.

IN ALTO IL VIDEO: COMA FARE UNO SCRUB NATURALE PER I TALLONI SCREPOLATI

Una volta ammorbidita la pelle, potrete procedere con un'escoriazione profonda, utilizzando uno scrub a base di farina di riso, miele, aceto e olio di oliva, da applicare con un massaggio circolare su tutto il piede. Risciacquate eliminando tutti i granuli e utilizzate una pietra pomice per rimuovere del tutto la pelle morta. In commercio esistono anche le versioni elettriche, pratiche e comodissime per ottenere dei piedi perfetti.

Dopo questo step dovrete idratare la pelle: un prodotto che non dovrebbe mai mancare è l'olio di sesamo che contrasta la secchezza. Miscelate un cucchiaio di olio con qualche goccia di olio essenziale di menta, poi indossate un paio di calzini di cotone e andate a dormire.

Durante la notte il miscuglio idraterà a fondo la pelle e al mattino successivo i piedi saranno perfetti! Se i vostri talloni sono particolarmente screpolati, dopo aver effettuato uno scrub potrete creare una vera e propria maschera idratante: vi basterà un frutto come banana, papaya o avocado, del quale avrete schiacciato la polpa. Miscelate qualche goccia di olio di mandorle e applicate sui talloni, lasciando in posa per 10 minuti. Sciacquate e applicate un olio nutriente, facendo assorbire completamente. (Fonte).



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni