I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il rimedio naturale contro i talloni screpolati

La natura ci viene in soccorso anche per i nostri piedi

Pubblicato il 12/10/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Quanti di voi hanno i talloni screpolati , duri e secchi? Ecco qualche rimedio naturale per rimediare!

Per prendersi cura dei piedi devi innanzitutto ammorbidirli con un pediluvio: riempite una bacinella con acqua calda, versate due cucchiai di bicarbonato e sciogliete 4 gocce di olio essenziale alla lavanda, lasciando i piedi nell'acqua per 20 minuti.

IN ALTO IL VIDEO: COMA FARE UNO SCRUB NATURALE PER I TALLONI SCREPOLATI

Una volta ammorbidita la pelle, potrete procedere con un'escoriazione profonda, utilizzando uno scrub a base di farina di riso, miele, aceto e olio di oliva, da applicare con un massaggio circolare su tutto il piede. Risciacquate eliminando tutti i granuli e utilizzate una pietra pomice per rimuovere del tutto la pelle morta. In commercio esistono anche le versioni elettriche, pratiche e comodissime per ottenere dei piedi perfetti.

Dopo questo step dovrete idratare la pelle: un prodotto che non dovrebbe mai mancare è l'olio di sesamo che contrasta la secchezza. Miscelate un cucchiaio di olio con qualche goccia di olio essenziale di menta, poi indossate un paio di calzini di cotone e andate a dormire.

Durante la notte il miscuglio idraterà a fondo la pelle e al mattino successivo i piedi saranno perfetti! Se i vostri talloni sono particolarmente screpolati, dopo aver effettuato uno scrub potrete creare una vera e propria maschera idratante: vi basterà un frutto come banana, papaya o avocado, del quale avrete schiacciato la polpa. Miscelate qualche goccia di olio di mandorle e applicate sui talloni, lasciando in posa per 10 minuti. Sciacquate e applicate un olio nutriente, facendo assorbire completamente. (Fonte).



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente