I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Monsanto ha pagato professori universitari per difendere gli OGM

Incredibile vicenda in cui è coinvolto il colosso Monsanto e il professore Juma

Pubblicato il 09/10/2015 da Prevenzione a tavola

Un professore dell'Harvard Kennedy School ha scritto un documento politico, ampiamente diffuso lo scorso anno, a sostegno degli OGM per volere del gigante Monsanto. Monsanto non solo ha suggerito il tema al professore Calestous Juma, ma è arrivato anche al punto di fornire una sintesi del documento e il titolo dello stesso. Il colosso ha poi messo in contatto il professore con una società di marketing per dare enorme visibilità su Internet al documento, per convincere pubblico e legislatori.

Juma, uno specialista di sviluppo internazionale, ha sostenuto di non essere stato pagato da Monsanto, di aver usato il materiale di un suo libro precedente sul tema e che non ha effettuato nuove ricerche per la società né ha modificare le sue opinioni. "Non  stavo cercando di nascondere nulla", ha detto Juma in un'intervista. Il problema è che ci sono delle email che lo incastrano, ma il professore ha continuato a dichiararsi estraneo alla vicenda. Un portavoce della Kennedy School ha affermato che la politica della scuola vuole che "i docenti non permettano che attività esterne e interessi finanziari compromettano il loro impegno primario nell'università e la loro integrità". Juma ha affermato non esserci alcuna connessione tra lui e la Monsanto, ma poi ha aggiunto "Potrebbe essere stato un errore da parte mia, ma è così che la pensavo a quel tempo".

Coloro che difendono gli Organismi Geneticamente Modificati dicono che questi possono aiutare a risolvere la fame nel mondo, perché le colture producono rendimenti più elevati e richiedono meno pesticidi e fertilizzanti. Gli oppositori avvertono che gli OGM possono essere nocivi per la salute umana e responsabili della creazione di "super erbacce" che si adattano per resistere alle potenti erbicidi utilizzati sulle colture OGM.

L'episodio che coinvolge Juma ha avuto inizio nell'agosto del 2013, quando insieme ad altri otto professori ha ricevuto una e-mail da Eric Sachs, responsabile della politica di regolamentazione e degli affari scientifici per la Monsanto.

"Questo sarà un progetto importante che vuole portare a un maggiore impegno su argomenti critici che impediscono l'uso più ampio e l'accettazione di colture geneticamente modificate [...] a livello globale", ha scritto Sachs. Ha continuato elencando una serie di sette articoli scientifici chiedendo ai professori di realizzarli. "Capisco e apprezzo che avete bisogno che io sia completamente trasparente e sono ben consapevole che la vostra indipendenza e reputazione devono essere protetti ", ha concluso Sachs.

La sua e-mail definisce la strategia del gigante agroalimentare. Fa allusione a una società di marketing che avrebbe "mercanzie", ovvero giornali on-line , per diffondere i documenti ai media e pianificare editoriali, organizzare convegni e seminari.

Monsanto ha suggerito anche il titolo del documento di ricerca assegnato a Juma: "Conseguenze nel rifiutare le colture geneticamente modificate ". Nel mese di dicembre 2014, Juma ha pubblicato sul suo sito web "Rischi globali che si corrono rifiutando le biotecnologie agrarie".

Juma continua a sostenere di non essere stato pagato dalla Monsanto e aggiunge "Considero gli OGM come una piccola parte di ciò di cui ha bisogno un sistema agricolo per  funzionare".

(Boston Globe)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo