I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La buccia di banana fa male?

Sarebbe opportuno evitare di toccare la polpa del frutto dopo averlo sbucciato con le mani

Pubblicato il 08/10/2015 da Prevenzione a tavola

Uno degli indubbi vantaggi delle banane è la praticità di consumo, data la semplicità con cui si rimuove la buccia esterna senza bisogno di coltelli o strumenti particolari.

L'allontanamento della buccia di un frutto avviene essenzialmente per due ragioni:

  • migliorarne le qualità organolettiche e nutritive (dato che generalmente la buccia non è commestibile)
  • allontanare i residui di cere, conservanti e antiparassitari.

In merito al secondo punto, l'impiego di questi prodotti è massiccio non solo per gli agrumi, ma anche per le banane. Basti pensare, ad esempio, alla facilità con cui la loro buccia si tinge di macchioline marroni. A causare questo fenomeno (antracnosi) è la proliferazione di muffe dei generi Guignardia Phyllosticta.

NOTA: le maculature nere (simili a piccoli cerchietti) non vanno confuse con le macchie marroni (di forma irregolare) che si formano sulla buccia di una banana matura. Queste dipendono da reazioni enzimatiche che fanno parte del normale processo di maturazione

Nei bananeti, per prevenire l'antracnosi ed altre malattie del banano, si è soliti avvolgere i caschi in sacchetti di plastica, che possono anche essere imbevuti di antiparassitari.

Dato che residui di questi prodotti fitosanitari possono finire sulle nostre tavole, sarebbe opportuno evitare di toccare la polpa del frutto dopo averlo sbucciato con le mani, lavandole con cura prima di portarla alla bocca. (Fonte)

Potrebbe interessarti anche: Frullato di banana: previene le malattie perché ricco di proprietà



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla