I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come riconoscere l’orticaria da una puntura d’insetto

I sintomi dell'orticaria, cronica e non, possono essere confusi. Ma meglio stare attenti

Pubblicato il 05/10/2015 da Prevenzione a tavola

L’orticaria cronica affligge il 2% della popolazione, soprattutto donne tra i 35 e i 45 anni, condizionandone in modo pesante la vita. Una persona su 5 ha riportato almeno una volta nella vita un episodio di orticaria acuta.

Cause: stress e fatica

Secondo una ricerca diffusa in occasione della Giornata mondiale dell’orticaria, promossa in Italia da Federasma e Allergie onlus, i sentimenti legati a questa malattia sono stress e fatica, ma soprattutto, per il 92% degli intervistati, rabbia, mentre il 63% riferisce vergogna e difficoltà di relazione. Insoddisfacenti le cure sperimentate: in 8 casi su 10, i malati hanno consultato medici diversi e provato terapie differenti.

Occhio ai sintomi

Il prurito è il principale, insieme a pomfi e angioedemi. Il primo è paragonabile a una puntura di insetto: un rilievo di colore rosso-roseo che si risolve nel giro di qualche ora. L’angioedema è più profondo e ha una durata più lunga, si accompagna a tensione o dolore, interessa la pelle ma anche le mucose delle labbra, può provocare senso di soffocamento o dolori addominali.

L’orticaria è cronica se i sintomi superano le 6 settimane. Secondo recenti studi, guarisce spontaneamente nell’arco di un anno nel 25% dei casi, dura da 1 anno a 5 anni nel 60% dei casi e persiste per oltre i 5 anni nel 15% dei casi.

Poi c’è la forma definita “cronica spontanea”: ha un andamento imprevedibile ed è caratterizzata da pomfi rossi, gonfi, pruriginosi e talvolta dolorosi. Le cause? Alterazioni del sistema immunitario, ma contano anche stress, stanchezza e infezioni. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla