I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come riconoscere l’orticaria da una puntura d’insetto

I sintomi dell'orticaria, cronica e non, possono essere confusi. Ma meglio stare attenti

Pubblicato il 05/10/2015 da Prevenzione a tavola

L’orticaria cronica affligge il 2% della popolazione, soprattutto donne tra i 35 e i 45 anni, condizionandone in modo pesante la vita. Una persona su 5 ha riportato almeno una volta nella vita un episodio di orticaria acuta.

Cause: stress e fatica

Secondo una ricerca diffusa in occasione della Giornata mondiale dell’orticaria, promossa in Italia da Federasma e Allergie onlus, i sentimenti legati a questa malattia sono stress e fatica, ma soprattutto, per il 92% degli intervistati, rabbia, mentre il 63% riferisce vergogna e difficoltà di relazione. Insoddisfacenti le cure sperimentate: in 8 casi su 10, i malati hanno consultato medici diversi e provato terapie differenti.

Occhio ai sintomi

Il prurito è il principale, insieme a pomfi e angioedemi. Il primo è paragonabile a una puntura di insetto: un rilievo di colore rosso-roseo che si risolve nel giro di qualche ora. L’angioedema è più profondo e ha una durata più lunga, si accompagna a tensione o dolore, interessa la pelle ma anche le mucose delle labbra, può provocare senso di soffocamento o dolori addominali.

L’orticaria è cronica se i sintomi superano le 6 settimane. Secondo recenti studi, guarisce spontaneamente nell’arco di un anno nel 25% dei casi, dura da 1 anno a 5 anni nel 60% dei casi e persiste per oltre i 5 anni nel 15% dei casi.

Poi c’è la forma definita “cronica spontanea”: ha un andamento imprevedibile ed è caratterizzata da pomfi rossi, gonfi, pruriginosi e talvolta dolorosi. Le cause? Alterazioni del sistema immunitario, ma contano anche stress, stanchezza e infezioni. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali