I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pomodori cinesi made in Italy: il vero scandalo è che non sappiamo leggere le etichette

Siamo noi che dovremmo imparare a tutelarci, informandoci e soprattutto leggendo le etichette

Pubblicato il 28/09/2015 da Chiara Cevoli

Serve sempre un servizio televisivo a farci aprire gli occhi, a farci interessare, a farci capire che qualcosa non va, almeno per qualche giorno. È successo anche domenica sera (27/09), con il servizio delle Iene a cura di Nadia ToffaQuando il pomodoro cinese diventa Made in Italy”.

Ma ahimè son cose che un consumatore dovrebbe sapere, dovrebbe conoscere per potersi tutelare. Non è nuova la legge infatti che regolamenta l’etichettatura dei prodotti alimentari: cioè cosa può e cosa non può essere scritto sulle etichette degli alimenti che compriamo al supermercato.

Il 6 marzo 2011 è entrata in vigore la legge 3 febbraio 2011, n. 4 "Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari”. L’articolo 4 ci aiuta a capire qualcosa in più: “Per i prodotti alimentari non trasformati, l'indicazione del luogo di origine o di provenienza riguarda il Paese di produzione dei prodotti. Per i prodotti alimentari trasformati, l'indicazione riguarda il luogo in cui è avvenuta l'ultima trasformazione sostanziale e il luogo di coltivazione e allevamento della materia prima agricola prevalente utilizzata nella preparazione o nella produzione dei prodotti”.

Cosa si intende per prodotti NON trasformati? Secondo il Reg. CE n. 178/2002, articolo 18, i prodotti non trasformati sono: “prodotti alimentari non sottoposti a trattamento, compresi prodotti che siano stati divisi, separati, sezionati, affettati, disossati, tritati, scuoiati, frantumati, tagliati, puliti, rifilati, decorticati, macinati, refrigerati, congelati, surgelati o scongelati”. Più semplicemente: la carne fresca, il pesce fresco, le uova, etc. Per questi alimenti se troviamo scritto che è prodotto in Italia possiamo star certi che il prodotto è 100% made in Italy.

Le cose cambiano se parliamo di prodotti trasformati: passate, affettati, conserve, etc. In questi casi la legge stabilisce che l’indicazione in etichetta riguarda “il luogo in cui è avvenuta l'ultima trasformazione”. Quindi come spiegato nel servizio delle Iene basta che il confezionamento avvenga in Italia e per magia diventa un “prodotto in Italia”. Quindi è vero, portiamo sulle nostre tavole passata di pomodoro cinese, affettati fatti con maiali allevati fuori i confini italiani (non basta infatti un marchio famoso impresso sul prosciutto a garantirne l’origine italiana) e chissà cos’altro. Ovviamente la produzione di tali alimenti rispetta le normative del paese dove sono prodotti: dall’uso di pesticidi (in Italia sono vietati alcuni pesticidi utilizzati all’estero), alle quantità di metalli pesanti ed inquinanti, senza considerare le condizioni dei lavoratori e la qualità dei mangimi dati agli animali.

Le regole sono invece ben diverse per i prodotti biologici, questi infatti devono portare obbligatoriamente in etichetta, il luogo di produzione (seppur abbastanza generico): Italia, UE, NON UE (UE: Unione Europea).

Invece i prodotti DOP (Denominazione di Origine Protetta) IGP (Indicazione Geografica Protetta) garantiscono un prodotto italiano al 100%: in questo caso, se ad esempio su un prosciutto troviamo il marchio DOP, vuol dire che il prodotto è nato, allevato, macellato e lavorato in Italia.

Non pensiamo quindi a questo come uno scandalo, le leggi parlano chiaro, siamo noi che dovremmo imparare a tutelarci, informandoci e soprattutto leggendo le etichette. Ma al supermercato si va sempre di fretta e se per comprare un telefono impieghiamo settimane, facendoci consigliare da amici, conoscenti, sconosciuti e stiamo attentissimi che sia l’ultimo modello, quello più “fico e con più funzioni”, quando facciamo la spesa l’unica caratteristica che controlliamo è quella del prezzo sul foglietto dalle offerte settimanali.

Non perderti gli aggiornamenti della pagina Facebook della dottoressa Chiara Cevoli



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti