I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Decreto Lorenzin: rischio risparmio fittizio con aggravamento delle patologie

Il Decreto Appropriatezza se è utile da un lato, rischia di penalizzare ancora una volta la prevenzione

Pubblicato il 25/09/2015 da Roberto Verna

Il  cosìddetto "Decreto Appropriatezza" ha suscitato molte perplessità e polemiche nella classe medica. Al di là di difese di categoria, va rilevato che se, da una parte, il richiamo ad una razionalizzazione degli esami diagnostici è certamente utile, dall'altra la generalizzazione può portare a danni gravi per il rischio di penalizzare ancora una volta e di più la prevenzione, con il risultato di un risparmio fittizio che sarà poi vanificato dall'insorgenza e dall'ingravescenza di patologie che avrebbero potuto essere contenute nel loro decorso.

In particolare, per quanto riguarda gli esami di laboratorio, la Federazione Italiana delle Società Scientifiche della Medicina di Laboratorio ha espresso forte perplessità in merito ad alcune scelte sulle indagini e sui criteri di erogabilità inseriti nel decreto.

La perplessità nasce soprattutto dal notevole impegno, svolto insieme a funzionari del Ministero e delle Regioni, che i professionisti appartenenti alle discipline afferenti alla Federazione Italiana delle Società Scientifiche di Medicina di Laboratorio hanno profuso sul tema dell'appropriatezza delle prescrizioni e dei percorsi diagnostico-terapeutici, in particolare nella elaborazione del nuovo Nomenclatore delle Prestazioni Ambulatoriali (non ancora pubblicato),

Tale importante revisione, che ha portato alla riduzione di numerose indagini ormai obsolete ma purtroppo ancora prescritte, sembra vanificata da quanto contenuto nel Decreto sopracitato.

Forse un'analisi condivisa con le Società Scientifiche e un'assunzione di quanto già previsto nella bozza del nuovo Nomenclatore potrebbe evitare rischi di mancate prescrizioni per importanti patologie costituendo una base per un corretto intervento sull'appropriatezza.



banner basso postfucina





Roberto Verna

Roberto Verna
Patologo clinico e medico dello sport

Professore Ordinario di Patologia Clinica e Direttore del Centro di Ricerca per la Medicina e il Management dello Sport dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza. Già Presidente dell'Associazione Italiana di Patologia Clinica e Medicina Molecolare è ora Past President della Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande