I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

In 40 anni abbiamo perso metà della fauna marina mondiale

Il rapporto del Wwf ha potuto verificare una diminuzione del 49% della popolazione marina

Pubblicato il 24/09/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Il patrimonio complessivo degli animali marini, vale a dire mammiferi, uccelli, rettili e pesci, si è drammaticamente dimezzato negli ultimi 40 anni a causa del sempre più aggressivo intervento umano concretizzato da inquinamento, riscaldamento climatico e una pesca oltre i limiti sostenibili dal rimpiazzo naturale. Questo l'allarme lanciato dal Wwf nel suo ultimo rapporto dove viene spiegato come, nello spazio di una sola generazione, le attività umane abbiano gravemente compromesso l'ecosistema degli oceani soprattutto con attività di pesca predatorie che non offrono alla fauna marina lo spazio e il tempo di riprodursi naturalmente.

Il rapporto del Wwf, che ha seguito 1.234 specie, ha potuto verificare una diminuzione del 49% della popolazione marina tra il 1970 e il 2012, con un picco tra il 1970 e la prima metà degli anni '80. Alla pesca senza controlli e limitazioni si devono aggiungere le attività delle industrie estrattive, la cementificazione dei litorali e l'inquinamento, senza dimenticare i gas a effetto serra responsabili dell'acidificazione degli oceani e del riscaldamento dei mari. D'altro canto, la richiesta di pesce a livello mondiale non fa che crescere. Il consumo medio pro capite tra il 1970 e il 2012 è passato da una media di 9,9 chili a 19,2 chili.

Un allarme se possibile ancora più grave riguarda le barriere coralline che, sempre a causa delle insensate intromissioni dell'uomo, entro il 2050 potrebbero scomparire del tutto a causa del global warming. Considerato che si tratta dell'habitat naturale di oltre il 25% di tutte le specie marine e che circa 850 milioni di persone ne traggono direttamente beneficio a livello economico, sociale o culturale, la scomparsa delle barriere coralline secondo gli esperti del Wwf rappresenta un'estinzione catastrofica dalla drammatiche conseguenze per tutte le comunità interessate. (askanews)

Potrebbe interessarti anche questo Cos’è la tilapia, il pesce made in China che dominerà nel mondo



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore