I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

In 40 anni abbiamo perso metà della fauna marina mondiale

Il rapporto del Wwf ha potuto verificare una diminuzione del 49% della popolazione marina

Pubblicato il 24/09/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Il patrimonio complessivo degli animali marini, vale a dire mammiferi, uccelli, rettili e pesci, si è drammaticamente dimezzato negli ultimi 40 anni a causa del sempre più aggressivo intervento umano concretizzato da inquinamento, riscaldamento climatico e una pesca oltre i limiti sostenibili dal rimpiazzo naturale. Questo l'allarme lanciato dal Wwf nel suo ultimo rapporto dove viene spiegato come, nello spazio di una sola generazione, le attività umane abbiano gravemente compromesso l'ecosistema degli oceani soprattutto con attività di pesca predatorie che non offrono alla fauna marina lo spazio e il tempo di riprodursi naturalmente.

Il rapporto del Wwf, che ha seguito 1.234 specie, ha potuto verificare una diminuzione del 49% della popolazione marina tra il 1970 e il 2012, con un picco tra il 1970 e la prima metà degli anni '80. Alla pesca senza controlli e limitazioni si devono aggiungere le attività delle industrie estrattive, la cementificazione dei litorali e l'inquinamento, senza dimenticare i gas a effetto serra responsabili dell'acidificazione degli oceani e del riscaldamento dei mari. D'altro canto, la richiesta di pesce a livello mondiale non fa che crescere. Il consumo medio pro capite tra il 1970 e il 2012 è passato da una media di 9,9 chili a 19,2 chili.

Un allarme se possibile ancora più grave riguarda le barriere coralline che, sempre a causa delle insensate intromissioni dell'uomo, entro il 2050 potrebbero scomparire del tutto a causa del global warming. Considerato che si tratta dell'habitat naturale di oltre il 25% di tutte le specie marine e che circa 850 milioni di persone ne traggono direttamente beneficio a livello economico, sociale o culturale, la scomparsa delle barriere coralline secondo gli esperti del Wwf rappresenta un'estinzione catastrofica dalla drammatiche conseguenze per tutte le comunità interessate. (askanews)

Potrebbe interessarti anche questo Cos’è la tilapia, il pesce made in China che dominerà nel mondo



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande