I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I cotton fioc sono pericolosi! Ma poi servono davvero?

Utilizzare i cotton fioc in maniera sbagliata può causare danni permanenti all'udito

Pubblicato il 18/09/2015 da Prevenzione a tavola

I cotton fioc sono davvero indispensabili per la pulizia delle orecchie? Alcune persone li utilizzano per abitudine e per comodità, altri preferiscono non utilizzarli, ed impiegare semplicemente acqua, sapone ed un asciugamano per la pulizia delle orecchie. Anche perché il loro uso è sconsigliato anche dai medici in quanto potrebbero danneggiare le orecchie.

Spesso molte persone arrivano al pronto soccorso con timpani perforati o gravi lesioni interne come racconta al Corriere Marco Piemonte, presidente della Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-Facciale:

Il condotto uditivo esterno è un "tubo" irregolare con un restringimento centrale: l'uso dei bastoncini è inefficace per la pulizia, perché il loro diametro è maggiore di quello del condotto e anziché rimuovere il cerume lo spingono in fondo, verso il timpano. Ma soprattutto, usarli è pericoloso: l'uso improprio, per esempio perché si fanno manovre violente o perché la punta è scoperta dal cotone, può danneggiare diverse strutture dell'orecchio». Si possono avere abrasioni e ferite della cute del condotto uditivo esterno; occlusioni da compressione del cerume; lacerazioni del timpano perché chiudendo il condotto con il bastoncino aumenta la pressione interna e questo fa "scoppiare" il timpano (la sordità che ne deriva è di grado lieve o medio); infine, il bastoncino può lacerare direttamente il timpano, provocando fratture degli ossicini dell'orecchio o addirittura lesioni dell'orecchio interno, com'è accaduto alla paziente americana. In questi casi l'udito diminuisce moltissimo, fino alla completa sordità e sono frequenti le vertigini.

Ci sono sicuramente altri metodi per prendersi cura delle proprie orecchie, senza rischiare di danneggiarle. Leggiamo su Green.me:

E' possibile ricorrere a delle alternative ai cotton fioc e perché decidere di non utilizzarli? Le istruzioni riportate sulle loro confezioni indicano che i cotton fioc dovrebbero essere impiegati unicamente per la pulizia della parte esterna delle orecchie, ma una simile indicazione non sempre viene seguita, portando ad alcuni possibili rischi, come l'inserimento accidentale del cotton fioc nel canale auricolare o il progressivo accumulo di sporcizia verso l'interno delle orecchie. Gli incidenti legati ai cotton fioc possono riguardare in modo particolare i bambini, che non dovrebbero dunque mai utilizzarli da soli.

Suggerisce ancora il Corriere:

«In un orecchio normale c'è sempre un sottile film di cerume che viene smaltito spontaneamente dall'orecchio stesso: il cerume viene secreto da speciali ghiandole proprio per pulire il canale uditivo. Di solito, quindi, non c'è bisogno di manovre particolari: il lavaggio quotidiano con acqua e sapone è più che sufficiente - risponde l'otorinolaringoiatra -. Inoltre, è bene evitare di inserire nel condotto qualunque materiale, per esempio asciugamani, fazzoletti di carta, forcine: come coi bastoncini si rischia di lesionare il timpano e si fa accumulare il cerume nel condotto, tanto che l'orecchio perde la sua capacità di detersione spontanea». Facciamocene una ragione: quello che ci ostiniamo a voler tirar via come fosse sporco è proprio ciò che ci permette di mantenere le orecchie perfettamente pulite.

Potrebbe interessarti anche questo video: Come fare in casa il sapone per il bucato



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali