I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Non sempre le punture dei ragni hanno conseguenze lievi

Il ragno incriminato viene comunemente chiamato falsa vedova nera

Pubblicato il 17/09/2015 da

Una bambina di tre anni è stata ricoverata in ospedale dopo che non era più in grado di camminare a causa del morso di una Steatoda nobilis, un ragno che in Gran Bretagna viene chiamato ‘falsa vedova nera’. Alla piccola Ella Williamson è comparsa una enorme bolla sulla gamba dopo che il ragno velenoso ha affondato i denti nella sua pelle mentre giocava a casa di suo padre.

La bambina, è stata portata in ospedale dalla sua mamma Bobbie-Louise Willis, due giorni dopo essere stata morsa, ma poi la bolla è quasi triplicata in termini di dimensioni.

La signora Willis, 24 anni, di Dover, Kent, ha dichiarato: “E’ stato il momento peggiore della mia vita, ho pensato che qualcosa la stava mangiando dall’interno Continuava a diventare sempre più grande… Ella non mi permetteva di toccarla. Quindi doveva farle veramente male. Quando l’ho portata in ospedale la prima volta, le hanno dato solo degli antibiotici e l’hanno rimandata a casa, ma il giorno dopo la bolla era notevolmente aumentata e sembrava che qualcosa le stesse divorando la gamba. L’ho portata di nuovo in ospedale anche perché stava davvero male. Ero molto preoccupata, in un primo momento ho pensato che potesse avere la meningite, e un sacco di pensieri orribili stavano attraversando la mia testa. Abbiamo aspettato che arrivasse uno specialista della pelle, che ci ha detto che si trattava del morso della falsa vedova nera. Lei non poteva neanche più camminare e doveva essere trasportata ovunque. E’ stato orribile vedere mia figlia in quelle condizioni. Ho avuto paura che non avrebbe più riavuto l’uso delle gambe“.

Ella Williamson

Ella è stata quindi mandata al William Harvey Hospital di Ashford, Kent, dove è stata confinata nella sua stanza per una notte e messa sotto cura antibiotica molto forte. C’è voluto oltre un mese prima della formazione di brutte croste, poi la bimba ha iniziato a stare meglio, ma ci ha messo tre mesi per guarire completamente. Ora la bambina sta bene, ma ha il terrore dei ragni.

(Fonte)

I paese dove vive il ragno Steatoda nobilis

I paese dove vive il ragno Steatoda nobilis

 



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pesche all’aroma di lavanda

Luglio ormai è arrivato e ci concediamo una ricetta fresca e nutriente, perfetta per la stagione estiva

Borragine in crosta

Una ricetta molto stuzzicante, squisita ma anche semplicissima da preparare

Portulaca, la pianta infestante ottima per la salute (e una ricetta)

Gli usi nella medicina tradizionale sono noti sin dall'antichità, vi proponiamo una ricetta sfiziosa e veloce per riscoprirne tutti i benefici

Risotto ai sapori di bosco con porcini e mirtilli

Dalle bontà dell'orto e del bosco, un risotto originale e squisito ispirato a un'antica ricetta, preparato a partire da riso integrale già cotto

Insalata di lenticchie con salsa al profumo di menta

Comoda anche da portare a lavoro, proponiamo una freschissima insalata di lenticchie con asparagi in salsa preparata con la menta

Corsi - Prevenzione a tavola

Amarene, visciole e marasche: sicuri di conoscere queste varietà?

Il ciliegio acido si distingue in diverse categorie: le amarene, le visciole e le marasche.

Insalata di barbabietola con granola di noci

Come preparare una deliziosa insalata a base di barbabietola con funghi in salsa agro e granola di noci

8 buoni motivi per mangiare le albicocche

Proteggono gli occhi, la regolarità intestinale, contrastano i sintomi della menopausa e riducono la glicemia: ecco perché le albicocche fanno così bene

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake senza glutine con giuggiole

Una ricetta squisita, facilissima e naturalmente dolce

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Da metà maggio la natura ci regala le ciliegie, un frutto ricco di vitamine e sali minerali, ma povero di calorie: uno spuntino perfetto

La ricetta dei Pisarei e fasò

Oggi impariamo a preparare i pisarei, classici gnocchetti di farina e pan grattato della provincia di Piacenza conditi con fagioli borlotti e pomodoro

I cibi che proteggono occhi e vista

La salute degli occhi e il corretto funzionamento della vista passano anche dalla tavola. Ecco i cibi che contrastano o prevengono malattie degenerative oculari, come glaucoma e cataratta)

Crostata con kanten alle ciliegie

Oggi prepariamo una torta squisita, con la base della crostata e la parte superiore di kanten di ciliegie