I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Non sempre le punture dei ragni hanno conseguenze lievi

Il ragno incriminato viene comunemente chiamato falsa vedova nera

Pubblicato il 17/09/2015 da

Una bambina di tre anni è stata ricoverata in ospedale dopo che non era più in grado di camminare a causa del morso di una Steatoda nobilis, un ragno che in Gran Bretagna viene chiamato ‘falsa vedova nera’. Alla piccola Ella Williamson è comparsa una enorme bolla sulla gamba dopo che il ragno velenoso ha affondato i denti nella sua pelle mentre giocava a casa di suo padre.

La bambina, è stata portata in ospedale dalla sua mamma Bobbie-Louise Willis, due giorni dopo essere stata morsa, ma poi la bolla è quasi triplicata in termini di dimensioni.

La signora Willis, 24 anni, di Dover, Kent, ha dichiarato: “E’ stato il momento peggiore della mia vita, ho pensato che qualcosa la stava mangiando dall’interno Continuava a diventare sempre più grande… Ella non mi permetteva di toccarla. Quindi doveva farle veramente male. Quando l’ho portata in ospedale la prima volta, le hanno dato solo degli antibiotici e l’hanno rimandata a casa, ma il giorno dopo la bolla era notevolmente aumentata e sembrava che qualcosa le stesse divorando la gamba. L’ho portata di nuovo in ospedale anche perché stava davvero male. Ero molto preoccupata, in un primo momento ho pensato che potesse avere la meningite, e un sacco di pensieri orribili stavano attraversando la mia testa. Abbiamo aspettato che arrivasse uno specialista della pelle, che ci ha detto che si trattava del morso della falsa vedova nera. Lei non poteva neanche più camminare e doveva essere trasportata ovunque. E’ stato orribile vedere mia figlia in quelle condizioni. Ho avuto paura che non avrebbe più riavuto l’uso delle gambe“.

Ella Williamson

Ella è stata quindi mandata al William Harvey Hospital di Ashford, Kent, dove è stata confinata nella sua stanza per una notte e messa sotto cura antibiotica molto forte. C’è voluto oltre un mese prima della formazione di brutte croste, poi la bimba ha iniziato a stare meglio, ma ci ha messo tre mesi per guarire completamente. Ora la bambina sta bene, ma ha il terrore dei ragni.

(Fonte)

I paese dove vive il ragno Steatoda nobilis

I paese dove vive il ragno Steatoda nobilis

 



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato