I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Dieta da rientro VS dieta mediterranea

Ingrassati durante le vacanze, rischiamo di iniziare delle diete che nuocciono alla nostra salute

Pubblicato il 09/09/2015 da Paola Chiari
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

L’estate sta per concludersi e spesso al rientro dalle nostre ferie ci troviamo con qualche chiletto di troppo ed ecco che improvvisamente nascono queste pseudo diete, che io divido spesso in due categorie: le diete iperproteiche e le diete monotematiche.

DIETE DEL RIENTRO: IPERPROTEICHE e MONOTEMATICHE

Le diete iperproteiche come per esempio la Scarsdale, la Dukan, la zona, hanno un apporto di carboidrati molto basso, mentre l’apporto di proteine supera notevolmente il 40/50%: In realtà una sana alimentazione prevede un apporto di proteine che non superi il 15/20%, ecco perché vengono definite iperproteiche.

Cosa succede? Con queste diete si ha un apporto di proteine elevato, un apporto di grassi saturi smodato e spesso si ha una carenza dal punto di vista di sali minerali e vitamine perché spesso la frutta e la verdura vengono consumati in minore quantità. La conseguenza è che spesso e volentieri questo tipo di alimentazione sollecita l’attività renale, quindi si rischia di andare in acidosi e spesso e volentieri si possono instaurare degli stati di stanchezza, di alitosi, di ipertensione o problematiche cardiovascolari. Senza contare che è vero che il peso diminuisce notevolmente, ma con il rischio di perdere anche molti liquidi e molta massa magra e questo comporta poi una problematica a livello del nostro organismo e della nostra salute.

Per quanto riguarda invece le diete monotematiche, sicuramente avrete sentito parlare della dieta dall’ananas, significa che nell’arco della giornata spesso e volentieri comparirà questo frutto. Conseguentemente possiamo definire questa alimentazione ipocalorica e notevolmente restrittiva perché mangiare solo e esclusivamente della frutta, o comunque abbinarla a pochi altri alimenti, si rischia di andare incontro a delle problematiche di stanchezza, spossatezza, quindi queste sicuramente sono delle tipologie di alimentazione che è sempre meglio evitare.

DIETA MEDITERRANEA

Consiglio sempre di mettere in pratica la dieta mediterranea. Questo è il nostro patrimonio alimentare, ci permette di vivere in salute senza troppe restrizioni, con tanti colori, sapori, basta usare un po’ di fantasia, inoltre non vi è carenza nutrizionale proprio perché la dieta mediterranea è completa a 360°.

La dieta mediterranea si fonde infatti sul consumo di cereali integrali, in chicco, la frutta, verdura, legumi, olio di oliva extravergine, i semi oleosi, la frutta secca, le erbe, spezie, spesso anche il pesce, le uova un paio di volte a settimana e perché no anche una bella pizza.

Bisogna moderare il consumo di carne, di formaggi, latticini, prodotti confezionati, raffinati. Per il resto se utilizziamo gli alimenti che vi ho descritto in precedenza, sicuramente avremo un’alimentazione varia e priva di carenze nutrizionali.

Seguite tutti gli aggiornamenti della dottoressa Paola Chiari sulla sua pagina Facebook



banner basso postfucina





Paola Chiari

Paola Chiari
Dietista

Mi chiamo Paola Chiari, sono dietista e opero a Cremona. Mi occupo di alimentazione clinica ed educazione alimentare. La scelta di diventare dietista arriva all'età di 13 anni, quando scopro di essere celiaca. Venticinque anni fa la celiachia era una realtà poco conosciuta e di difficile diagnosi, di conseguenza la scelta alimentare era scarsa e ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero