I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco cosa succede ai gatti se restano da soli

A rassicurare i padroni che stanno fuori casa tutto il giorno arriva uno studio pubblicato su 'Plos One'

Pubblicato il 07/09/2015 da Prevenzione a tavola

Amati anche per la loro proverbiale indipendenza, i gatti non soffrono come i cani se vengono lasciati soli. A rassicurare i padroni che stanno fuori casa tutto il giorno arriva uno studio pubblicato su 'Plos One': i felini non hanno bisogno della presenza dei compagni umani per sentirsi al sicuro, e dunque non soffrono come gli altri quattrozampe per la loro assenza. Ormai, spiegano Daniel Mills e Alice Potter dell'University of Lincoln (GB), il Felis silvestris catus ha superato il cane come animale di compagnia più popolare in Europa. Facilità nella gestione, capacità di vivere in piccoli spazi e di stare da solo a lungo hanno portato i gatti in molte case, ma non mancano i felini che mostrano stress da abbandono.

Ora i ricercatori spiegano che i gatti non hanno bisogno dei loro padroni per sentirsi protetti. Ma questo non vuol dire che non facciano sentire il loro affetto ai 'compagni di casa'. I ricercatori hanno osservato il comportamento di 20 coppie gatto-padrone, indagando sul modo di fare e sulle reazioni dei felini in un ambiente non familiare e potenzialmente rischioso sia quando erano con il proprietario che quando erano insieme a un estraneo o da soli. Nei vari scenari i ricercatori hanno registrato i differenti comportamenti e vocalizzi dei felini.

"I risultati del nostro studio mostrano che i gatti sono molto più indipendenti dei compagni canini, e sembra che quella che interpretavamo come ansia da separazione sia in realtà un segno di frustrazione", spiega Mills.

"Benché i nostri gatti emettessero una maggiore quantità di vocalizzi se il proprietario li lasciava con uno sconosciuto - proteste ben note ai padroni di un felino - non abbiamo trovato prova del fatto che il legame tra gatto e padrone sia del tipo impostato sulla sicurezza", aggiunge l'esperto. Né sono stati osservati segni di stress quando i mici erano da soli.

Insomma, "i gatti sviluppano preferenze sociali e relazioni strette, me queste non sembrano basarsi su un bisogno di sicurezza. E questo accade anche nel caso di esemplari considerati dai proprietari molto affettuosi". I felini di casa preferiscono interagire con i loro proprietari, ma non contano su questi ultimi quando si trovano in un ambiente non familiare. E questo probabilmente è dovuto alla natura della specie, ipotizzano gli scienziati, composta da cacciatori solitari. (Fonte)

Potrebbe interessarti anche questo articolo Un parassita dei gatti domestici può causare malattie mentali nel padrone



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La proteina dei broccoli che spegne i tumori

Nuovo studio scopre virtù di una proteina contenuta in tutte le 'crucifere', broccoli, cavolfiore, cime di rapa

Le straordinarie virtù dell’avocado

Riduce la fame e il peso, protegge il cuore e contrasta il diabete perché riduce i picchi glicemici

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

I cibi che sembrano genuini ma provocano il diabete

Influenzano il metabolismo, provocando aumento di peso e resistenza all'insulina. Nuova ricerca ha scoperto i cibi responsabili

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Corsi - Prevenzione a tavola

Dieta sana: quali sono i nutrienti essenziali per un’alimentazione corretta?

Scoperti i cibi che contrastano il tumore alla vescica

La ricerca è stata condotta dall’Istituto nazionale tumori di Milano

Le uova proteggerebbero la vista degli anziani da una malattia della retina

Ecco quante uova bisognerebbe mangiare a settimana, secondo la rivista Clinical Nutrition

Corsi - Prevenzione a tavola

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.

Le mele ci stanno avvelenando?

Il Codacons denuncia la presenza di troppi pesticidi sulla buccia delle mele del supermercato

L’alimentazione sbagliata uccide più del fumo e della pressione alta

A livello globale una morte su 5 è riconducibile a un'alimentazione scorretta, povera di cereali integrali e verdure

Solo pensare al caffè ci rende più attenti e lucidi

Nuovo studio svolto dall'Università di Toronto pubblicato sulla rivista scientifica Consciousness and Cognition

Prevenzione a tavola: un commento da condividere

Le domande di una nostra studentessa sono diventate un post con i consigli e una ricetta di Elena Alquati

Il colesterolo delle uova mette a rischio il cuore?

Nuovo studio riapre il dibattito sulle uova

Arriva la quinoa tutta italiana

Una varietà adattabile alle nostre condizioni climatiche di quinoa, lo pseudocereale delle Ande