I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Dieta da rientro? Non serve a niente, fate questa

La dieta non serve, iniziate semplicemente a cambiare piccole abitudini quotidiane

Pubblicato il 03/09/2015 da Chiara Cevoli

Il rientro dalle vacanze segna per tanti anche l’inizio della famigerata dieta per perdere quei chili in più accumulati sul lettino al mare. La buona notizia? La dieta non serve, scordate bilancia, pesi e grammi, iniziate semplicemente a cambiare piccole abitudini quotidiane.

COLAZIONE

Scordate il cappuccino e il cornetto che vi hanno accompagnato nelle vostre colazioni estive e puntate su frutta fresca, yogurt e frutta secca. Oppure preparate del muesli a casa: basta aggiungere a cereali in fiocchi dell’uvetta, del cioccolato fondente e un po’ di frutta secca. Vi sazierete senza rinunciare al gusto.

SPUNTINI

Frutta fresca, un buon centrifugato di verdura e frutta o se siete di corsa una manciata di semi (girasole, zucca).

PRANZO & CENA

Evitate di saltarli, soprattutto il pranzo. Un frutto o un gelato non sono dei buoni sostituti di un pasto (ne ho parlato qui): dopo qualche ora vi ritroverete più affamati di prima e dovrete accontentarvi di uno snack decisamente poco salutare e nutriente. Ecco qualche consiglio:

  1. 1. Iniziate i 2 pasti principali con una crudité di verdure miste di stagione: pomodori, finocchi, sedano, carote, peperoni, insalate, topinambur. Tagliateli sottili per facilitarne la digestione e mangiatene a volontà: potete accompagnarle con un po’ di pinzimonio (olio extravergine di oliva con l’aggiunta di qualche spezia a piacere: curcuma, zenzero –fresco o in polvere, curry). Le verdure ad inizio pasto aiutano a saziarci e ad evitare di spizzicare mentre, assaliti dalla fame, prepariamo il pranzo o la cena. Chiudete il pasto con della verdura cotta o cruda se avete poco tempo.
  2. 2. Evitate la “dieta del petto di pollo” o “del tonno in scatola”: ricordate di consumare anche legumi (meglio quelli secchi), pesce azzurro (meglio se di piccola taglia), formaggi magri (tipo ricotta).
  3. 3. Per insaporire i vostri piatti utilizzate le spezie: zenzero, curcuma, curry, noce moscata, etc. Oltre ad avere straordinarie proprietà, vi aiuteranno anche a non eccedere con il sale.
  4. 4. Accompagnate i pasti con un decotto a base di zenzero fresco (mettete qualche fettina di zenzero in acqua fredda, portate a bollore e lasciate sul fuoco per 10-15 minuti): aiuta la digestione, regolarizza l’alvo ed è un buon depurativo. Lo zenzero fresco grattugiato potete utilizzarlo anche per arricchire le vostre insalate.
  5. 5. Sostituite la pasta con altri cereali: miglio, avena, riso, quinoa, farro ed orzo decorticati. I cereali in chicco integrali hanno un potere saziante maggiore rispetto alla pasta, sono ricchi in vitamine e sali minerali. Potete utilizzarli per preparare una minestra, un insalata fredda o semplicemente dopo averli lessati, potete condirli con un sugo di pomodoro e basilico.

E dopo cena addolcitevi un po’ con un pezzetto di cioccolato fondente o per i più golosi preparate dei cioccolati con frutta secca e cioccolato fondente: basterà sciogliere il cioccolato a bagnomaria, immergerci la frutta secca (noci, mandorle o nocciole), lasciar riposare qualche ora in frigo ed il dessert è pronto!

Non perderti gli aggiornamenti della pagina Facebook della dottoressa Chiara Cevoli



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero