I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I dolcificanti artificiali sono dannosi e fanno venire appetito

I dolcificanti artificiali, tipo saccarina e aspartame, non sono il massimo in termini di potere saziante

Pubblicato il 01/09/2015 da Prevenzione a tavola

Se crediamo di diminuire le calorie utilizzando dolcificanti artificiali che inibiscano anche il senso di fame, commettiamo un grosso errore. Con saccarina e aspartame infatti  l’appetito resta. Ne parla di recente anche il Corriere:

Oltre al fruttosio, anche i dolcificanti artificiali, tipo saccarina e aspartame, non sono il massimo in termini di potere saziante, tant’è che spesso, dopo aver mangiato biscotti ipocalorici senza zucchero, finiamo per tornare ad aprire la dispensa.

Uno studio, pubblicato di recente su Neuron, spiega perché: questi dolcificanti, benché abbiano un alto potere addolcente, non vengono riconosciuti come «dolci» dall’organismo poiché durante tutta l’evoluzione della specie, fino a pochi decenni fa, non esistevano.

Risultato: quando mangiamo qualcosa di artificialmente dolce, nel cervello non si attivano i neuroni che stimolano la produzione di ormoni coinvolti nei processi digestivi e di sazietà, che si «accendono» solo se nel cibo c’è lo zucchero «vero». Insomma, anche se il gusto è più o meno lo stesso, il cervello si accorge dell’inganno, e non smette di inviare segnali di fame.

Sull'innocuità di questo prodotto nel mondo scientifico ci sono ancora alcuni dubbi ma uno studio pubblicato di recente assume una posizione molto chiara sul tema. Leggiamone un riassunto da Repubblica:

La notizia non mancherà di suscitare dibattiti e polemiche ma la fonte - la prestigiosa rivista scientifica Nature - non lascia margini di dubbio sulla serietà della scoperta. Secondo uno studio appena pubblicato sulla versione on line, infatti, alcuni edulcoranti artificiali, in particolare aspartame, saccarina e sucralosio, possono provocare alterazioni metaboliche che si traducono in un aumento della glicemia. I dolcificanti sono grandemente utilizzati - e spesso prescritti anche da molti dietologi per contenere il peso - al posto dello zucchero poiché, a fronte di un potere dolcificante di centinaia di volte superiore rispetto al normale zucchero, hanno al contrario scarsissime calorie, da zero a 2 per grammi contro le quasi 4 dello zucchero.

Si nascondono negli snack, nei soft drink e nelle caramelle. Sono contenuti in bevande dolcificate o soft drink, snack, caramelle, gomme da masticare, yogurt, biscotti e spesso si è discusso sul fatto che siano dannosi per la salute, con risultati diversi e anche contrastanti. Il loro consumo è però sconsigliato da molte istituzioni scientifiche nei bambini sotto i tre anni, nelle donne in gravidanza e in allattamento.

Potrebbe interessarti anche questo video: La differenza tra lo zucchero bianco, di canna e di canna integrale



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente