I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Cibi crudi: rischi e precauzioni per il consumo

Ci sono dei rischi nel consumo dei cibi crudi e degli accorgimenti che è bene conoscere

Pubblicato il 20/08/2015 da Prevenzione a tavola

D’estate il bisogno di evitare qualsiasi fonte di calore, ancor più se artificiale, induce a consumare pasti frugali, spesso e volentieri composti da materie prime fresche e anche crude.

Ci sono però dei rischi nel consumo dei cibi crudi e degli accorgimenti che è bene conoscere per non incorrere in spiacevoli problemi.

- PESCE. Gli amanti del pesce crudo e i crudisti a tutto tondo, prima di ritrovare in un morso il sapore del mare devono sapere che non è sufficiente che il pesce sia fresco perché sia anche sano. Nelle comuni qualità da banco, ad esempio, si possono annidare larve di parassiti, come l’Anisakis. Se il pesce è ingerito crudo o poco cotto possono trasmettersi all’uomo e provocare un’infezione gastrointestinale, fino ad arrivare, nei casi più gravi, a perforazioni dello stomaco e dell’intestino. Il congelamento, a un determinato rapporto fra tempo e temperatura, è risolutivo perché uccide il parassita, per questo i ristoranti sono obbligati a passare il pesce da servire crudo in un abbattitore a una temperatura inferiore a meno 20°C per almeno 24 ore.

- CARNE. Alcuni animali come suini e polli sono potenziali portatori di parassiti, batteri, virus, agenti patogeni che vengono distrutti con un’accurata cottura. Per questo la carne cruda e in più in generale i cibi di origine animale sono sconsigliati a bambini, anziani, donne in stato di gravidanza e persone immunodepresse. C’è da dire però che in Italia, lungo tutta la filiera, dagli allevamenti al punto vendita, esiste un serrato sistema di controlli per la sicurezza alimentare: le carni vendute in macelleria e nei supermercati sono oggetto di esami per conto del produttore e sottoposte a periodici controlli da parte anche di veterinari dell’Asl. L’etichetta di carni bovine e avicole deve riportare, tra l’altro, Paese di nascita e allevamento dell’animale, oltre a modalità e termini di conservazione che vanno rispettate. Dopo l’acquisto la carne va portata a casa il più rapidamente possibile e riposta in frigorifero o nel congelatore.

- LATTE. Da quando si sono diffuse in Italia apposite macchine erogatrici, è diventato più facile acquistare latte crudo, vale a dire munto, refrigerato e che non ha subito trattamenti termici. La discussione è aperta tra chi ne illustra i benefici nutrizionali e chi invece mette in guardia contro il rischio di trasmissione di infezioni batteriche. Di fatto, per legge, sull’etichetta deve essere riportata la scritta «da consumarsi previa bollitura», a tutela della salute del consumatore.

- UOVA. Oggi il ministero della Salute, se non è prevista la cottura, consiglia di usare solo uova controllate, freschissime, con il guscio pulito e tenute in frigo fino al momento del consumo. (Fonte)

Potrebbe interessarti anche questo video: I pericoli del pesce crudo



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?