I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’inganno dei cibi raffinati

Il consumatore paga due volte ed è fatto fesso due volte

Pubblicato il 14/08/2015 da Mariano Bizzarri

L'inganno del cibo cosiddetto raffinato rispetto al cibo integrale è facilmente comprensibile.

Quando il mercato ci vende un prodotto raffinato ce lo fa pagare più caro perché è stato trattato rimuovendo tutta una serie di composti. Quindi mangiamo il pane bianco, il riso raffinato e la pasta bianca, a un costo superiore a quello a cui compreremmo lo stesso prodotto non trattato.

Ma poiché ci viene venduto un prodotto che è ormai impoverito di elementi essenziali, a cominciare dalla crusca, senza la quale è inibita la peristalsi, quindi il corretto espletamento delle funzioni intestinali - per non parlare di tutta una serie di sostanze (dalle vitamine all'inositolo) che vengono estratte ed eliminate dai cibi raffinati - e visto che questi elementi bisogna reintegrarli, l'industria poi ci vende come supplementi o integratori quello che prima ci aveva sottratto.

In altri termini il consumatore paga due volte: una prima volta per comprare un prodotto scadente privo di elementi fondamentali, una seconda per reintegrarli. Quindi mi verrebbe da dire paga due volte ed è fatto fesso due volte.

Potrebbe interessarti anche questo video: La differenza tra cereali integrali, decorticati e perlati



banner basso postfucina





Mariano Bizzarri

Mariano Bizzarri
Professore e Ricercatore sperimentale

Mariano Bizzarri è nato a Roma il 12/10/1957. Ha studiato in Marocco, Spagna, Francia e Italia. Laurea nel 1981 in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode con tesi sperimentale. Nel 2000 ha conseguito il dottorato di ricerca in Chirurgia sperimentale. È stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università La Sapienza per il ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla