I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come intervenire in caso di infarto, ischemia e angina

I trattamenti della malattia aterosclerotica delle coronarie

Pubblicato il 12/08/2015 da Claudio Russo
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La malattia aterosclerotica quando interessa il cuore viene a colpire le coronarie, le due arterie che portano il cuore direttamente al muscolo cardiaco. Come tutte le arterie anche quelle coronariche possano andare incontro a malattie aterosclerotiche, possono cioè sviluppare delle placche che possono ridurre progressivamente l'apporto di sangue al muscolo cardiaco.

Quando questo apporto si riduce in maniera critica si può venire a creare una discrepanza tra la quantità di sangue, e quindi di ossigeno, portata da queste arterie coronarie al muscolo cardiaco e le reali necessità del muscolo, soprattutto durante un'esercizio fisico. Questa discrepanza crea quella condizione che si chiama ischemia, cioè in quel momento il cuore non riceve tutto l'ossigeno attraverso il sangue proprio perché le arterie risultano ristrette. L'ischemia è responsabile di un sintomo, l'angina, il dolore in petto.

Se l'arteria coronarica non risulta soltanto ristretta ma addirittura occlusa è evidente che questa ischemia si protrae nel tempo e il muscolo cardiaco che non riceve più il sangue di cui ha bisogno va incontro a una necrosi, cioè a una morte delle cellule muscolari e cardiache, che prende il nome di infarto.

Il trattamento della malattia aterosclerotica delle coronarie viene effettuato sostanzialmente con due metodiche: da un lato l'angioplastica con l'applicazione degli Stent. L'angioplastica sostanzialmente prevede l'introduzione attraverso l'arteria di un particolare palloncino a livello della placca che viene dilatato, ripristinando il calibro dell'arteria in quel punto. Dopo di che la situazione viene stabilizzata applicando uno Stent, una specie di gabbietta metallica che blocca la coronaria in quel punto alle dimensioni che abbiamo ottenuto con la dilatazione del palloncino.

image017

Quando però le lesioni interessano tutte e tre le arterie del cuore, oppure interessano l'arteria più importante del cuore, in questo caso si ricorre a quella che si chiama chirurgia della coronaria, mediante il bypass aorto-coronarico. Si tratta sostanzialmente della creazione di ponti che portano il sangue aldilà del punto della coronaria malato.

bypass-aortocoronarico

Oggi come oggi si propende per una rivascolarizzazione prevalentemente arteriosa, si prelevano cioè dei segmenti arteriosi che possono essere all'interno del torace del paziente o sugli arti, e i bypass vengono fatti con queste arterie. Il vantaggio della rivascolarizzazione arteriosa sta nella durata dei bypass nel tempo, anche oltre i 20 anni. Il che la rende una metodica estremamente interessante specie perché mette il paziente al riparo dall'angina e dai rischi dell'ischemia cardiaca e dell'infarto.

Potrebbe interessarti anche questo video: Le 6 regole per prevenire le malattie cardiovascolari



banner basso postfucina





Claudio Russo

Claudio Russo
Cardiochirurgo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Milano, specializzato in Cardioangiochirurgia presso l’Università degli Studi di Bari, dal 1987 è Cardiochirurgo presso la Divisione di Cardiochirurgia dell’Ospedale Niguarda Milano che attualmente dirige . Ha comperato la sua formazione durante soggiorni in prestigiose ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente