I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Carenza di magnesio: sintomi e trattamento

Il magnesio è uno dei minerali che più servono al nostro corpo per funzionare bene

Pubblicato il 05/08/2015 da Prevenzione a tavola

Sapevate che la carenza di magnesio può provocare seri danni al nostro organismo? Questo minerale è necessario per il corretto funzionamento dei meccanismi metabolici e del sistema nervoso, è un fattore importante nel processo di produzione di energia e regola il ritmo cardiaco. Il magnesio, inoltre, aiuta a allevia tensioni e crampi riducendo la produzione di adrenalina. Perdite di magnesio consistenti possono portare a sindromi di carenza, come diarrea e del vomito protratti, così come a malattie della tiroide o delle paratiroidi. Se siamo carenti possiamo avvertire questo problema riconoscendo alcuni sintomi caratteristici e intervenire consultando uno specialista.

I sintomi da carenza di magnesio


Leggiamo su Mypersonaltrainer: "I sintomi da carenza di magnesio sono piuttosto variegati e possono includere: confusione mentale, variabilità dell'umore, iperreflessia osteo-tendinea, incoordinazione muscolare, tremori, parestesie, tetania non differenziabile da quella presente nell'ipocalcemia, crampi muscolari, aritmie cardiache ed ipertensione arteriosa. Nelle donne in età fertile la carenza di magnesio è stata associata alla sindrome premestruale. DIAGNOSI: difficoltosa, specie nelle carenze più lievi. Può basarsi sul dosaggio del magnesio nel sangue, con ricerca di ipomagnesiemia, sulla riduzione del contenuto di magnesio negli eritrociti oppure sulla scomparsa del minerale nelle urine. Assai utili risultano le prove da carico di magnesio per via intramuscolare, seguite dal monitoraggio dell'escrezione urinaria: in caso di deplezione gran parte del magnesio iniettato viene ritenuto, mentre quando il bilancio è positivo la maggior parte del minerale viene eliminata con le urine".

Il trattamento della carenza di magnesio


Spiega Mypersonaltrainer: "Il magnesio può essere somministrato per via orale tramite integratori contenenti uno o più dei suoi sali, come il magnesio citrato, il magnesio carbonato, l'ossido di magnesio (scarsamente assorbibile), il magnesio solfato, il magnesio aspartato od il cloruro di magnesio. Un eccesso di questi integratori può avere un effetto lassativo. Nel caso la carenza sia lieve, questa può essere facilmente colmata aumentando l'assunzione di alimenti ricchi di magnesio, come i vegetali - specie quelli a foglia verde - le arachidi ed i cereali integrali. Nei casi più gravi, quando gli integratori potrebbero risultare insufficienti, si ricorre alla somministrazione di magnesio solfato per via intramuscolare".

La quantità minima giornaliera di magnesio


Stress, insonnia, dolori allo stomaco: chi soffre a causa di una carenza di magnesio ha in tutta probabilità uno o più di questi sintomi. Il magnesio è infatti uno dei minerali che più servono al nostro corpo per funzionare bene. Per molti è un rimedio miracoloso, e di vero c’è che ha effetti su molte delle funzioni vitali: dalla testa a i piedi, un buon apporto di magnesio è indispensabile. Ne abbiamo parlato con Simona Vignali, naturopata e nutrizionista: “Una quantità minima di magnesio è indispensabile per condurre una vita in salute. Il valore che si dovrebbe assumere ogni giorno – dice – è di circa 300mg. (Huffington Post)

Addio stanchezza e nervosismo con il magnesio


Soprattutto durante il cambio di stagione, quando il metabolismo attraversa una fase di cambiamento, può essere utile integrare il magnesio per via orale. Puoi evitare l'acquisto di dispendiosi integratori combinati: come consigliato da molti esperti del settore, il semplice magnesio supremo, disponibile in barattolo, è sufficiente per rispondere ai bisogni dell'organismo in modo appropriato. Agendo sul sistema nervoso questo minerale si rivela prezioso anche per il dolore cervicale: per avvertire gli effetti benefici è importante assumere magnesio regolarmente, ogni giorno. Ti basta sciogliere un cucchiaino di magnesio in mezzo bicchiere d'acqua, attendere che l'acqua torni trasparente e... bere! Una curiosità: se sei il tipo di persona che non sa aspettare, sappi che è assolutamente necessario attendere che l'acqua torni limpida altrimenti berrai citrato di sodio sommato a carbonato di magnesio. Affinché si formi il magnesio puro c'è bisogno di una reazione chimica. Il momento migliore? Dipende. Se desideri combattere l'insonnia meglio assumerlo di sera, prima di andare a dormire, invece quando hai bisogno di una marcia in più privilegia la mattina. (Tgcom 24)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente