I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’olio di cocco: l’alimento che fa perdere peso

Ci sono diversi studi che dimostrano che l'olio di cocco è efficace per perdere peso in maniera consistente

Pubblicato il 27/07/2015 da Prevenzione a tavola

L'olio di cocco è uno dei migliori alimenti al mondo per perdere peso. Contiene una combinazione di acidi grassi speciale, con un effetto potentissimo nell’accelerare il metabolismo. Diversi studi hanno dimostrato che anche solo aggiungendo l’olio di cocco nella tua dieta puoi perdere i grassi in eccesso, soprattutto quelli pericolosi che si depositano sull’addome.

L’olio di cocco contiene acidi grassi a catena media, che accelerano il metabolismo

Mentre la maggior parte dei cibi contiene soprattutto acidi grassi a catena lunga, l’olio di cocco contiene quasi interamente acidi grassi a catena media. La cosa interessante di questi acidi grassi a catena media è che sono metabolizzati in modo diverso rispetto a quelli a catena lunga. Infatti questi grassi vengono inviati direttamente al fegato attraverso il tratto digestivo, dove vengono usati per ricavare energia o per essere trasformati in chetoni.

Ci sono anche alcuni studi fatti sugli animali che hanno dimostrato che i grassi a catena media, a differenza degli altri grassi, vengono immagazzinati meno efficientemente, quindi si accumulano di meno. In uno di questi studi alcuni ratti sono stati ipernutriti con grassi a catena lunga e altri con grassi a catena corta. I ratti nutriti con i grassi a catena corta aumentavano di peso del 20% in meno e avevano il 23% in meno di grassi (Leggi qui lo studio).

LEGGI ANCHE. La verità sull’olio di cocco: tutto ciò che dobbiamo sapere

L’olio di cocco ti fa bruciare più calorie

Una delle più importanti proprietà dell’olio di cocco è che è termogenico: mangiandolo si bruciano di più i grassi. In uno studio è stato evidenziato che 15-30 grammi (da 1 a 2 cucchiai) di acidi grassi a catena media al giorno aumentavano il dispendio energetico del 5%, per un totale di 120 kilo calorie al giorno (Leggi qui lo studio). Diversi altri studi confermano queste scoperte. Quando si sostituiscono i grassi con grassi a catena media, si bruciano molte più calorie.

L’olio di cocco riduce l’appetito, facendoti sentire più sazio

Molti studi fatti sugli acidi grassi a catena media mostrano che, paragonati alla stessa quantità di calorie da altri grassi, aumentano il senso di pienezza e portano a una riduzione automatica e indolore delle calorie (Leggi qui lo studio). Questo effetto potrebbe essere collegato al modo in cui questi grassi sono metabolizzati. E’ bene sapere che i chetoni, che il fegato produce quando mangi olio di cocco, possono avere un utile effetto di riduzione dell’appetito. Qualunque sia il meccanismo che innesca, funziona. In uno studio fatto su 6 uomini in salute che mangiavano un’alta quantità di acidi grassi a catena media, questa dieta faceva sì che assumessero 256 calorie al giorno in meno (Leggi qui lo studio). In un altro studio fatto su 14 uomini in salute, quelli che a colazione introducevano grassi a catena media, mangiavano di meno a pranzo (Leggi qui lo studio). Quindi l’olio di cocco aumenta la capacità di bruciare i grassi e riduce anche l’appetito.

L’olio di cocco aiuta a perdere grassi, soprattutto quelli addominali

Se l’olio di cocco può accelerare il metabolismo e ridurre l’appetito, allora deve aiutarti anche a perdere grassi. Ci sono diversi studi che lo dimostrano. In uno studio, a 40 donne divise in due gruppi, sono stati dati 30 grammi (2 cucchiai) di olio di cocco o olio di semi di soia per 28 giorni. La loro dieta era di poche calorie e prevedeva che camminassero ogni giorno. Questi sono stati i risultati (Leggi qui lo studio):

  • Entrambi i gruppi hanno perso peso (quasi 1kg).
  • Solo il gruppo che aveva mangiato olio di cocco aveva ridotto il giro vita mentre in quello che aveva mangiato olio di semi di soia la pancia era aumentata.
  • Nel gruppo a olio di cocco era aumentato il livello di colesterolo buono (HDL), mentre l’olio di semi aveva ridotto l’HDL e aumentato l’LDL.

In questo studio l’olio di cocco non ha fatto perdere più peso rispetto all’olio di semi di soia, ma ha ridotto il grasso della pancia.

In un altro studio fatto su uomini obesi è stato evidenziato che 30 grammi di olio di cocco per 4 settimane riducevano il giro vita di 2,86cm (Leggi qui lo studio). Ci sono anche altri studi che mostrano che i grassi a catena media favoriscono la perdita di peso, riducono il giro vita e migliorano il metabolismo (Leggi qui gli studi 1,2).

Il grasso addominale è il grasso che raggiunge gli organi e crea infiammazione, diabete e malattie cardiache. Qualsiasi riduzione di questo grasso pericoloso ha effetti positivi su metabolismo e longevità, e riduce i rischi di malattie croniche.

Quindi l’olio di cocco può davvero migliorare la salute e far perdere peso, ma ovviamente va introdotto in un piano alimentare equilibrato e adatto alla tua costituzione perché funzioni bene.

Quante calorie contiene l’olio di cocco?

I grassi contengono 9 calorie per grammo e l’olio di cocco non è un’eccezione. In ogni caso aggiungere olio di cocco alla tua dieta ridurrà il tuo appetito e probabilmente ti farà mangiare minori quantità degli altri cibi. Non si tratta di aggiungere altre calorie alla tua dieta, ma di rimpiazzare alcuni grassi con l’olio di cocco. E’ anche importante non esagerare. Non c’è bisogno di consumare tonnellate di olio di cocco per avere i benefici. Gli studi parlano di 2 cucchiai al giorno. (Fonte)

LEGGI ANCHE. La verità sull’olio di cocco: tutto ciò che dobbiamo sapere



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero