I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’olio di cocco: l’alimento che fa perdere peso

Ci sono diversi studi che dimostrano che l'olio di cocco è efficace per perdere peso in maniera consistente

Pubblicato il 27/07/2015 da

L’olio di cocco è uno dei migliori alimenti al mondo per perdere peso. Contiene una combinazione di acidi grassi speciale, con un effetto potentissimo nell’accelerare il metabolismo. Diversi studi hanno dimostrato che anche solo aggiungendo l’olio di cocco nella tua dieta puoi perdere i grassi in eccesso, soprattutto quelli pericolosi che si depositano sull’addome.

L’olio di cocco contiene acidi grassi a catena media, che accelerano il metabolismo

Mentre la maggior parte dei cibi contiene soprattutto acidi grassi a catena lunga, l’olio di cocco contiene quasi interamente acidi grassi a catena media. La cosa interessante di questi acidi grassi a catena media è che sono metabolizzati in modo diverso rispetto a quelli a catena lunga. Infatti questi grassi vengono inviati direttamente al fegato attraverso il tratto digestivo, dove vengono usati per ricavare energia o per essere trasformati in chetoni.

Ci sono anche alcuni studi fatti sugli animali che hanno dimostrato che i grassi a catena media, a differenza degli altri grassi, vengono immagazzinati meno efficientemente, quindi si accumulano di meno. In uno di questi studi alcuni ratti sono stati ipernutriti con grassi a catena lunga e altri con grassi a catena corta. I ratti nutriti con i grassi a catena corta aumentavano di peso del 20% in meno e avevano il 23% in meno di grassi (Leggi qui lo studio).

LEGGI ANCHE. La verità sull’olio di cocco: tutto ciò che dobbiamo sapere

L’olio di cocco ti fa bruciare più calorie

Una delle più importanti proprietà dell’olio di cocco è che è termogenico: mangiandolo si bruciano di più i grassi. In uno studio è stato evidenziato che 15-30 grammi (da 1 a 2 cucchiai) di acidi grassi a catena media al giorno aumentavano il dispendio energetico del 5%, per un totale di 120 kilo calorie al giorno (Leggi qui lo studio). Diversi altri studi confermano queste scoperte. Quando si sostituiscono i grassi con grassi a catena media, si bruciano molte più calorie.

L’olio di cocco riduce l’appetito, facendoti sentire più sazio

Molti studi fatti sugli acidi grassi a catena media mostrano che, paragonati alla stessa quantità di calorie da altri grassi, aumentano il senso di pienezza e portano a una riduzione automatica e indolore delle calorie (Leggi qui lo studio). Questo effetto potrebbe essere collegato al modo in cui questi grassi sono metabolizzati. E’ bene sapere che i chetoni, che il fegato produce quando mangi olio di cocco, possono avere un utile effetto di riduzione dell’appetito. Qualunque sia il meccanismo che innesca, funziona. In uno studio fatto su 6 uomini in salute che mangiavano un’alta quantità di acidi grassi a catena media, questa dieta faceva sì che assumessero 256 calorie al giorno in meno (Leggi qui lo studio). In un altro studio fatto su 14 uomini in salute, quelli che a colazione introducevano grassi a catena media, mangiavano di meno a pranzo (Leggi qui lo studio). Quindi l’olio di cocco aumenta la capacità di bruciare i grassi e riduce anche l’appetito.

L’olio di cocco aiuta a perdere grassi, soprattutto quelli addominali

Se l’olio di cocco può accelerare il metabolismo e ridurre l’appetito, allora deve aiutarti anche a perdere grassi. Ci sono diversi studi che lo dimostrano. In uno studio, a 40 donne divise in due gruppi, sono stati dati 30 grammi (2 cucchiai) di olio di cocco o olio di semi di soia per 28 giorni. La loro dieta era di poche calorie e prevedeva che camminassero ogni giorno. Questi sono stati i risultati (Leggi qui lo studio):

  • Entrambi i gruppi hanno perso peso (quasi 1kg).
  • Solo il gruppo che aveva mangiato olio di cocco aveva ridotto il giro vita mentre in quello che aveva mangiato olio di semi di soia la pancia era aumentata.
  • Nel gruppo a olio di cocco era aumentato il livello di colesterolo buono (HDL), mentre l’olio di semi aveva ridotto l’HDL e aumentato l’LDL.

In questo studio l’olio di cocco non ha fatto perdere più peso rispetto all’olio di semi di soia, ma ha ridotto il grasso della pancia.

In un altro studio fatto su uomini obesi è stato evidenziato che 30 grammi di olio di cocco per 4 settimane riducevano il giro vita di 2,86cm (Leggi qui lo studio). Ci sono anche altri studi che mostrano che i grassi a catena media favoriscono la perdita di peso, riducono il giro vita e migliorano il metabolismo (Leggi qui gli studi 1,2).

Il grasso addominale è il grasso che raggiunge gli organi e crea infiammazione, diabete e malattie cardiache. Qualsiasi riduzione di questo grasso pericoloso ha effetti positivi su metabolismo e longevità, e riduce i rischi di malattie croniche.

Quindi l’olio di cocco può davvero migliorare la salute e far perdere peso, ma ovviamente va introdotto in un piano alimentare equilibrato e adatto alla tua costituzione perché funzioni bene.

Quante calorie contiene l’olio di cocco?

I grassi contengono 9 calorie per grammo e l’olio di cocco non è un’eccezione. In ogni caso aggiungere olio di cocco alla tua dieta ridurrà il tuo appetito e probabilmente ti farà mangiare minori quantità degli altri cibi. Non si tratta di aggiungere altre calorie alla tua dieta, ma di rimpiazzare alcuni grassi con l’olio di cocco. E’ anche importante non esagerare. Non c’è bisogno di consumare tonnellate di olio di cocco per avere i benefici. Gli studi parlano di 2 cucchiai al giorno. (Fonte)

LEGGI ANCHE. La verità sull’olio di cocco: tutto ciò che dobbiamo sapere



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato