I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come scegliere una pasta di qualità al supermercato?

Leggiamo e comprendiamo le etichette per capire che prodotto stiamo acquistando

Pubblicato il 17/07/2015 da Chiara Cevoli
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Quando dobbiamo scegliere la pasta al supermercato ci troviamo di fronte a decine di marche e decine di tipi. Poiché è un alimento che portiamo quasi quotidianamente sulle nostre tavole sarebbe opportuno saperla scegliere adeguatamente.

Non sono molte le indicazione riportate sulla confezione in etichetta che ci possano aiutare una pasta di buona qualità, però quelle a nostra disposizione è bene sfruttarle e saperle usare.

TRAFILAZIONE IN BRONZO

Per prima cosa la pasta deve essere trafilata in bronzo e questa è un'informazione che si trova sulla confezione. la trafilazione in bronzo permette di produrre una pasta dalla consistenza molto più porosa, capace di legare molto di più con il condimento. Le trafile che vengono usate oggi sono, nella maggior parte dei casi, in acciaio o rivestite in teflon e quindi producono una pasta dalla superficie molto liscia.

ESSICCAMENTO DELLA PASTA

L'essiccamento della pasta deve essere lento e a basse temperature. Questo processo permette di mantenere inalterate le proprietà nutritive della pasta.

QUANTITÀ PROTEINE

Nella tabella nutrizionale sul retro della confezione dobbiamo controllare la quantità di proteine che contiene quel pacco di pasta. Per legge la pasta deve contenere almeno 10,5 grammi di proteine per 100 grammi di prodotto. Una pasta di media qualità è quella che contiene tra i 10,5 e i 12 grammi di proteine. Se invece ne contiene tra i 12 e i 13,5 grammi può essere definita di buona qualità. Infine una pasta che contiene oltre i 13,5 grammi di proteine (sempre per 100 grammi di prodotto) può tranquillamente essere definita di ottima qualità.

ACQUA DI COTTURA

Questa operazione dovete farla per forza una volta arrivati a casa. Infatti dovete controllare l'acqua di cottura della pasta che deve risultare quanto più limpida possibile. Se è limpida infatti vuol dire che la pasta ha perso poco amido e poche proteine e che sono rimaste quindi all'interno del prodotto.

Segui la dottoressa Chiara Cevoli sulla sua pagina Facebook



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Corsi - Prevenzione a tavola

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze

Corsi - Prevenzione a tavola

Come preparare il succo d’anguria in 1 minuto

Un'idea geniale e rinfrescante per questi giorni di caldo

Scottature al sole: i cibi che aumentano il rischio

Per proteggersi dalle scottature non basta mettere la crema, ma anche evitare alcuni alimenti

Alla scoperta della merendella, la deliziosa pesca calabrese

Incrocio tra pesca e mela, la merendella ha trovato in Calabria (e in alcune zone della Sicilia) il suo habitat naturale

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Più tazzine di caffè non aumentano il rischio di cancro, ma cuore a rischio

E' quanto emerge da due studi vasti australiani

Ricotta di bufala: alimento anti-caldo, ricca di calcio e fosforo

Utile nel recupero dell'equilibrio energetico e per il reintegro dei sali minerali

Le bibite zuccherate potrebbero aumentare il rischio di cancro

Che fossero legate a diabete e obesità già lo si sapeva, ma adesso un motivo in più per non farne uso