I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come scegliere una pasta di qualità al supermercato?

Leggiamo e comprendiamo le etichette per capire che prodotto stiamo acquistando

Pubblicato il 17/07/2015 da Chiara Cevoli
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Quando dobbiamo scegliere la pasta al supermercato ci troviamo di fronte a decine di marche e decine di tipi. Poiché è un alimento che portiamo quasi quotidianamente sulle nostre tavole sarebbe opportuno saperla scegliere adeguatamente.

Non sono molte le indicazione riportate sulla confezione in etichetta che ci possano aiutare una pasta di buona qualità, però quelle a nostra disposizione è bene sfruttarle e saperle usare.

TRAFILAZIONE IN BRONZO

Per prima cosa la pasta deve essere trafilata in bronzo e questa è un'informazione che si trova sulla confezione. la trafilazione in bronzo permette di produrre una pasta dalla consistenza molto più porosa, capace di legare molto di più con il condimento. Le trafile che vengono usate oggi sono, nella maggior parte dei casi, in acciaio o rivestite in teflon e quindi producono una pasta dalla superficie molto liscia.

ESSICCAMENTO DELLA PASTA

L'essiccamento della pasta deve essere lento e a basse temperature. Questo processo permette di mantenere inalterate le proprietà nutritive della pasta.

QUANTITÀ PROTEINE

Nella tabella nutrizionale sul retro della confezione dobbiamo controllare la quantità di proteine che contiene quel pacco di pasta. Per legge la pasta deve contenere almeno 10,5 grammi di proteine per 100 grammi di prodotto. Una pasta di media qualità è quella che contiene tra i 10,5 e i 12 grammi di proteine. Se invece ne contiene tra i 12 e i 13,5 grammi può essere definita di buona qualità. Infine una pasta che contiene oltre i 13,5 grammi di proteine (sempre per 100 grammi di prodotto) può tranquillamente essere definita di ottima qualità.

ACQUA DI COTTURA

Questa operazione dovete farla per forza una volta arrivati a casa. Infatti dovete controllare l'acqua di cottura della pasta che deve risultare quanto più limpida possibile. Se è limpida infatti vuol dire che la pasta ha perso poco amido e poche proteine e che sono rimaste quindi all'interno del prodotto.

Segui la dottoressa Chiara Cevoli sulla sua pagina Facebook



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo