I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come scegliere una pasta di qualità al supermercato?

Leggiamo e comprendiamo le etichette per capire che prodotto stiamo acquistando

Pubblicato il 17/07/2015 da

Quando dobbiamo scegliere la pasta al supermercato ci troviamo di fronte a decine di marche e decine di tipi. Poiché è un alimento che portiamo quasi quotidianamente sulle nostre tavole sarebbe opportuno saperla scegliere adeguatamente.

Non sono molte le indicazione riportate sulla confezione in etichetta che ci possano aiutare una pasta di buona qualità, però quelle a nostra disposizione è bene sfruttarle e saperle usare.

TRAFILAZIONE IN BRONZO

Per prima cosa la pasta deve essere trafilata in bronzo e questa è un’informazione che si trova sulla confezione. la trafilazione in bronzo permette di produrre una pasta dalla consistenza molto più porosa, capace di legare molto di più con il condimento. Le trafile che vengono usate oggi sono, nella maggior parte dei casi, in acciaio o rivestite in teflon e quindi producono una pasta dalla superficie molto liscia.

ESSICCAMENTO DELLA PASTA

L’essiccamento della pasta deve essere lento e a basse temperature. Questo processo permette di mantenere inalterate le proprietà nutritive della pasta.

QUANTITÀ PROTEINE

Nella tabella nutrizionale sul retro della confezione dobbiamo controllare la quantità di proteine che contiene quel pacco di pasta. Per legge la pasta deve contenere almeno 10,5 grammi di proteine per 100 grammi di prodotto. Una pasta di media qualità è quella che contiene tra i 10,5 e i 12 grammi di proteine. Se invece ne contiene tra i 12 e i 13,5 grammi può essere definita di buona qualità. Infine una pasta che contiene oltre i 13,5 grammi di proteine (sempre per 100 grammi di prodotto) può tranquillamente essere definita di ottima qualità.

ACQUA DI COTTURA

Questa operazione dovete farla per forza una volta arrivati a casa. Infatti dovete controllare l’acqua di cottura della pasta che deve risultare quanto più limpida possibile. Se è limpida infatti vuol dire che la pasta ha perso poco amido e poche proteine e che sono rimaste quindi all’interno del prodotto.

Segui la dottoressa Chiara Cevoli sulla sua pagina Facebook



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Corsi - Prevenzione a tavola

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Corsi - Prevenzione a tavola

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato

La ricetta del Pane di ceci

Il pane di ceci è una ricetta facile e saporita per accompagnare i vostri piatti

Ecco i cibi che fanno invecchiare

Conoscere per evitare i cibi che causano l'invecchiamento del nostro organismo

La salute dei capelli passa dall’alimentazione

Anche la nostra dieta mediterranea ci può aiutare a mantenere e a riportare la salute nei nostri capelli

Riso con mandorle e friggitelli

Una ricetta sfiziosa e inusuale per sorprendere i vostri ospiti e deliziare il palato

Tortine di farro con marmellata al limone

La ricetta di oggi è perfetta sia per fare una colazione nutriente e golosa, sia per godersi una merenda squisita. Ecco cosa vi serve per prepararla e il procedimento

Come scegliere un dolcificante: tradizione o formule chimiche?

Eritritolo o malto? Ecco qualche strumento in più che ci possa guidare nella scelta del dolcificante più sano.