I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come scegliere una pasta di qualità al supermercato?

Leggiamo e comprendiamo le etichette per capire che prodotto stiamo acquistando

Pubblicato il 17/07/2015 da Chiara Cevoli
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Quando dobbiamo scegliere la pasta al supermercato ci troviamo di fronte a decine di marche e decine di tipi. Poiché è un alimento che portiamo quasi quotidianamente sulle nostre tavole sarebbe opportuno saperla scegliere adeguatamente.

Non sono molte le indicazione riportate sulla confezione in etichetta che ci possano aiutare una pasta di buona qualità, però quelle a nostra disposizione è bene sfruttarle e saperle usare.

TRAFILAZIONE IN BRONZO

Per prima cosa la pasta deve essere trafilata in bronzo e questa è un'informazione che si trova sulla confezione. la trafilazione in bronzo permette di produrre una pasta dalla consistenza molto più porosa, capace di legare molto di più con il condimento. Le trafile che vengono usate oggi sono, nella maggior parte dei casi, in acciaio o rivestite in teflon e quindi producono una pasta dalla superficie molto liscia.

ESSICCAMENTO DELLA PASTA

L'essiccamento della pasta deve essere lento e a basse temperature. Questo processo permette di mantenere inalterate le proprietà nutritive della pasta.

QUANTITÀ PROTEINE

Nella tabella nutrizionale sul retro della confezione dobbiamo controllare la quantità di proteine che contiene quel pacco di pasta. Per legge la pasta deve contenere almeno 10,5 grammi di proteine per 100 grammi di prodotto. Una pasta di media qualità è quella che contiene tra i 10,5 e i 12 grammi di proteine. Se invece ne contiene tra i 12 e i 13,5 grammi può essere definita di buona qualità. Infine una pasta che contiene oltre i 13,5 grammi di proteine (sempre per 100 grammi di prodotto) può tranquillamente essere definita di ottima qualità.

ACQUA DI COTTURA

Questa operazione dovete farla per forza una volta arrivati a casa. Infatti dovete controllare l'acqua di cottura della pasta che deve risultare quanto più limpida possibile. Se è limpida infatti vuol dire che la pasta ha perso poco amido e poche proteine e che sono rimaste quindi all'interno del prodotto.

Segui la dottoressa Chiara Cevoli sulla sua pagina Facebook



banner basso postfucina





Chiara Cevoli

Chiara Cevoli
Biologa Nutrizionista

Laureata in Biologia Applicata alla Ricerca Biomedica presso l'Università di Roma La Sapienza nel 2009 con lode, mi sono da subito interessata alla tematica dell'alimentazione frequentando diversi corsi e collaborando in alcuni Ospedali del Lazio come volontaria. Negli anni successivi è quindi iniziata la mia attività come Biologo Nutrizionista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Ma è vero che gli spinaci contengono così tanto ferro?

E se Popeye, il nostro Braccio di Ferro, coi suoi spinaci ci avesse ingannati per tutto questo tempo? L'ISS fa chiarezza

Ecco come insaporire i cibi senza usare il sale

Dalle spezie alle ricette, come mangiare meno salato

Sorpresa: la pasta a cena non disturba il sonno e non fa ingrassare

Parola di uno studio pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Public Health

Ecco perché il cedro fa così bene

Il cedro, una sorpresa in cucina e per la salute, dall'agrume simbolo della prevenzione oncologica

Bentornati asparagi, alleati della nostra salute

Con il mese di marzo possiamo salutare calorosamente i nuovi arrivati di stagione: gli asparagi!

Corsi - Prevenzione a tavola

Un panconiglio con crema di nocciola

Unaricetta buona e sana, senza zuccheri aggiunti ovviamente e con farina semintegrale

Crostata testa di moro, ma non solo e sempre cioccolato

Un'alternativa alla solita crostata al cioccolato, ma più buona e sana

Pasta fresca, online il nostro nuovo corso di cucina

Imparare a preparare la pasta fatta in casa partendo da farine non raffinate e ingredienti genuini

Corsi - Prevenzione a tavola

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo