I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come rigenerare il sistema immunitario in 72 ore

Uno studio condotto da un italiano fa questa importante scoperta

Pubblicato il 16/07/2015 da

Se molti cibi possono essere utili contro questa o quella patologia, il digiuno può rivelarsi l’alleato più potente per il nostro organismo: un’arma contro l’invecchiamento che consentirebbe di contrastare i danni al sistema immunitario causati dalla chemioterapia nei pazienti oncologici. Ma l’astinenza dal cibo indurrebbe addirittura la rigenerazione del sistema immunitario, risvegliando le cellule staminali dormienti e portandole a uno stato di auto rinnovamento. La ricerca è stata condotta dallo scienziato italiano Valter Longo e pubblicata su Cell Stem Cell.

Cellule rinnovate – Sia nei topi che in una sperimentazione sugli uomini di tipo 1, lunghi periodi trascorsi senza mangiare hanno abbassato il livello dei globuli bianchi. Ma, al momento della nutrizione queste ritornano. Nei topi, è stato provato che questi cicli hanno “innescato un cambiamento rigenerativo” modificando i percorsi di segnalazione delle cellule staminali ematopoietiche, responsabili della generazione del sangue e del sistema immunitario.

Cicli di digiuno monitorati – Valter Longo, direttore dell’Istituto di longevità della University of Southern California, spiega: “Per sei mesi abbiamo sottoposto i volontari a periodi di digiuno di quattro giorni al mese rendendoci conto che il sistema immunitario si libera delle delle cellule inutili, non necessarie, mentre è spinto a rimettere in azione in modo naturale, come nei momenti di nascita e crescita, le staminali capaci di assistere la rigenerazione”.

Contro invecchiamento e cancro – Nello specifico, il digiuno prolungato riduce l’enzima PKA, in precedenza l’équipe di Longo ha scoperto che ciò estende la longevità negli organismi semplici e che è stato collegato in altre ricerche alla regolazione dell’auto rinnovamento delle staminali e alla pluripotenza – ossia il potenziale di una cellula di svilupparsi in altri tipi di cellula. Il digiuno prolungato, inoltre abbassa i livelli del IGF-1, un ormone collegato a invecchiamento, progressione dei tumori e rischio di cancro.

Contrasta effetti chemio – Inoltre, il digiuno a intermittenza – o una terapia che ne imita gli effetti – protegge dalla tossicità della chemioterapia. Lo spiega Tanya Dorff, tra gli autori della ricerca: “Anche se salva vite, la chemio causa danni collaterali al sistema immunitario. Il risultato del nostro studio suggerisce che il digiuno può mitigarne alcuni”. (Fonte)

Potrebbe interessarti anche questo video del dottor Berrino: 

Perché bisogna digiunare prima e dopo la chemioterapia



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato