I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Binge drinking, ovvero l’abbuffata alcolica

Il Binge drinking è la nuova pratica per lo sballo che mette a rischio i nostri ragazzi

Pubblicato il 16/07/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Cos’è 

Il binge drinking è l'assunzione di più bevande alcoliche in un intervallo di tempo più o meno breve. In questa definizione non è importante il tipo di sostanza che viene ingerita né l'eventuale dipendenza alcolica: lo scopo principale di queste "abbuffate alcoliche" è l'ubriacatura immediata nonché la perdita di controllo. Spesso si associa al compimento di un reato, a volte è assunto come moda giovanile. L'esatta consistenza dell'intossicazione, comunque, varia da paese a paese. Il punto critico può essere raggiunto dopo molte ore o anche diversi giorni di assunzione. A causa degli effetti a lungo termine, il binge drinking è considerato uno dei più grandi problemi di salute al giorno d'oggi.

Il binge drinking è molto comune tra le persone di sesso maschile, colpisce durante l'adolescenza ed in prossimità della maturità. La prima assunzione di alcol per uomini e donne avviene all'età di 12 anni, "età di passaggio" in cui si vuole essere indipendenti dalla famiglia e in cui si subiscono fortemente le influenze del gruppo dei pari. Molti bevitori non sono informati sui fattori di rischio sottesi a questo problema che rappresenta un'arma a doppio taglio nel momento in cui i costi economici per la comunità superano quelli sociali dovuti alla diffusione del fenomeno. Il binge drinking è sotteso a diversi effetti sui vari sistemi del corpo umano come quello neurologico, cardiaco, gastrointestinale, ematico, immunitario, endocrino e muscolo-scheletrico al pari degli altri fattori di rischio per la salute mentale.

Effetti

Il binge drinking provoca effetti dannosi in diversi ambiti del nostro organismo:

  • effetti sul cervello: diminuisce l'attenzione e la memoria e favorisce la demenza;
  • effetti sul sistema immunitario: diminuisce le difese;
  • effetti sul metabolismo: favorisce la sindrome metabolica.

I dati

Una ricerca finanziata dalla Fondazione Roma e realizzata dalla Fire (Fondazione italiana ricerca in epatologia) e condotta su 2.800 liceali tra i 14 e i 19 anni di Roma, Latina e Frosinone, mostra una continua crescita del fenomeno del Binge drinking, ossia l’abitudine di ingerire grossi quantitativi di alcol in poco tempo per raggiungere lo “sballo”. In aumento il numero di adolescenti, sopratutto ragazze, che in Italia consumano alcol. I dati ISTAT indicano che più di 900 mila giovani under 16 fanno abitualmente uso di alcolici, che l'età del primo bicchiere è scesa a 11-12 anni e che l'età media dell'assunzione del primo alcolico è intorno ai 14 anni, la media più bassa d'Europa.

Cosa bevono i nostri ragazzi

Molti giovani durante il week-end bevono cocktails di super alcolici con gli energy drink. In genere i super alcolici sono: la vodka (gradazione alcolica 46%), il rum (gradazione alcolica 40%) e il gin (gradazione alcolica 43%). Gli energy drink contengono oltre a grandi quantità di glucosio e fruttosio, anche grandi quantità di caffeinataurina e altre sostanze eccitanti e stimolanti che, mischiate all'alcol, consentono di rimanere svegli contrastando l'intorpidimento dell'alcol stesso. La bevanda, infatti, aumenta la tolleranza di alcuni effetti depressivi dell'alcol.

In alto lo Spot che sensibilizza sugli effetti del Binge drinking, realizzato dalla Scuola EICAR.

Potrebbe interessarti anche questo video: Alcol e tumori: gli alcolici aumentano il rischio di cancro



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

10 validissimi motivi per mangiare i semi di zucca

I semi di zucca hanno proprietà straordinarie e benefici per il nostro organismo

È tempo di barbabietole, ricchissime di benefici

Riduce la pressione del sangue, migliora le prestazioni fisiche e mentali, stimola il dimagrimento

Corbezzolo, il preziosissimo frutto autunnale

Alla scoperta del corbezzolo, frutto presente nelle aree mediterranee, ricco di proprietà e dai mille usi in cucina

La frutta secca non fa ingrassare e protegge dalle malattie cardiovascolari

Un nuovo studio indica quanti grammi mangiarne tutti i giorni per evitare l'aumento di peso

Salutiamo l’estate con i corsi di Prevenzione a tavola a metà prezzo

Fino a lunedì 23 settembre 2019, giorno dell'equinozio d'autunno

Corsi - Prevenzione a tavola

Fichi, il frutto di fine estate alleato dell’intestino

Antiossidanti e antinfiammatori. Ecco la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero

La pizza contrasta alcune malattie e allunga la vita

Deve però essere preparata in Italia con ingredienti italiani: la pizza vince l'Ig Nobel 2019 per la medicina

Troppo sale, grassi e zuccheri nella carne ‘vegetale’

Una ricerca analizza hamburger, falafel, salsicce, polpette a base di tofu, soia e cereali. I risultati non sono entusiasmanti.

Corsi - Prevenzione a tavola

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze