I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tablet, smartphone e bambini: l’esempio viene dai genitori

Come genitori è importante che si stabiliscano delle linee guida per il loro uso

Pubblicato il 15/07/2015 da Prevenzione a tavola

Molti genitori ritengono che tablet, smartphone e pc abbiano ormai un ruolo preponderante nella propria famiglia. Mentre alcuni potrebbero obiettare sugli indiscutibili vantaggi che questi dispositivi digitali offrono, come genitori, è importante che si stabiliscano delle linee guida per il loro uso in modo che rimangano strumenti, piuttosto che una fonte di distrazione senza fine dalla vita reale.

Ecco alcuni suggerimenti per la creazione di una vita che bilancia attività online con quelle che può avvenire solo nel mondo reale:

  1. Parlare e ascoltare. Insieme, in famiglia, bisogna discuterne e scegliere le modalità migliori sull'utilizzo dei disposirivi online in modo equilibrato.
  2. Dare l'esempio. Se si interrompe una conversazione quando si riceve un messaggio di testo o si trascorre ogni notte di fronte a un computer portatile, i vostri bambini saranno restii ad accettare un vostro ammonimento in tal senso
  3.  Stabilire rituali. In alcune famiglie, tutti i dispositivi elettronici dei bambini vengono consegnati ai genitori un'ora prima di andare a dormire. In altre case il router viene spento in un momento specifico. Altri genitori consentono di usare internet per lo stesso tempo che i loro figli hanno dedicato alla lettura di un libro.
  4. Instaurare legami profondi. Trascorrere del tempo con i vostri figli a fare attività "offline" che rinsaldino il vostro rapporto.
  5. Essere spietati. Non fatevi intimorire se vostro figlio sarà arrabbiato con voi per queste regole e queste restrizioni: un giorno vi ringrazierà per averlo portato in quella città o a quella mostra!

Potrebbe interessarvi anche questo video: Cucinare con la lavastoviglie: economico, sano e buono!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero

Corsi - Prevenzione a tavola

Grassi saturi: sempre più studi ribaltano tutto ciò che sapevamo finora

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che ci raccontano tutta un’altra storia rispetto ai grassi cattivi

Il latte di soia fa male ai bambini?

Può essere dato ai bambini? Fa bene o fa male? È il giusto sostituto del latte?

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

L’olio extravergine di oliva fa ingrassare?

Quanti cucchiai bisogna consumarne, è meglio a crudo o cotto e altre risposte ai vostri dubbi

5 ottimi motivi per mangiare indivia

L'indivia è una verdura eccezionale per il nostro organismo

Le virtù del Pan di zucchero, la cicoria bianca

Stimola le funzioni intestinali,del fegato e dei reni. Ecco come cucinarla

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ecco cosa mangiare dopo i 60 anni

Ogni età ha la sua dieta: ecco come dovrebbe essere quella degli over 60

Soia ai bambini: sì o no?

Esisterebbe un rischio nel consumo abbondante e prolungato di prodotti di soia: i fitoestrogeni