I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sangue dal naso: cosa fare e cosa non fare

Ecco qualche consiglio utile per fermare un'epistassi

Pubblicato il 15/07/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Per colpa di una botta, di un trauma o per un raffreddore intenso, perdere sangue dal naso è normale e può succedere a tutti. In presenza di sbalzi di temperatura, quando si sta troppo al sole o quando si è reduci da raffreddori, un breve episodio è normale. Di solito l’epistassi non comporta grandi perdite ematiche, quindi non dovete preoccuparvi. Solo nei casi in cui la perdita di sangue dal naso è abbondante e frequente, si consiglia di richiedere un controllo approfondito per assicurarsi che non siano presenti cause pericolose per la salute. Le malattie più gravi che possono causare questo problema, di solito sono collegate a dilatazione dei vasi sanguigni e agli angiomi.

Devono prestare attenzione alle perdite di sangue dal naso, tutte le persone che hanno problemi di coagulazione, quando il disturbo si presenta frequentemente è meglio richiedere un parere medico, altrimenti non è il caso di allarmarsi.

Come prevenire il disturbo? Le persone che soffrono di epistassi durante intensi raffreddori, possono prevenire il problema, ammorbidendo l’interno del naso con pomate emollienti.

Quando andare al Pronto Soccorso? E’ il momento di recarsi al Pronto Soccorso, quando il sangue dal naso non si ferma trascorsi 15 minuti di tentatavi di blocco. Nella maggior parte dei casi, il medico esegue immediatamente la pulizia della cavità nasali, poi tampona inserendo una garza nella fossa nasale colpita. Il paziente deve tenere la garza all’interno del naso per almeno 48 ore e in seguito, ritornare da uno specialista per verificare che l’emorragia sia stata bloccata in modo definitivo.

 

Come bloccare la perdita di sangue dal naso in modo corretto?

Improvvisamente vi siete accorti di avere una perdita di sangue dal naso? Mettetevi subito seduti e tenete la testa inclinata verso il basso e aprite la bocca. In questo modo il sangue non riesce a ostruire le vie respiratorie. Dopo aver scoperto da quale narice esce il sangue, premetela leggermente con le dita per almeno 10 minuti.

Solitamente questo comportamento permette di attivare i naturali meccanismi di coagulazione del sangue. Infine, per agevolare la risoluzione del problema potete applicare un panno freddo o una borsa del ghiaccio sul naso per ridurre il sanguinamento. Per bloccare il flusso di sangue, si consiglia l’utilizzo delle spugnette di gelatina biocompatibile disponibili in farmacia. Hanno un potere assorbente elevato e non creano rischi.

Cosa non fare Attenzione ai bambini, cercate di tenerli calmi ed evitate il pianto, altrimenti il rischio è di aumentare la quantità di sangue in gola, che causa di solito un principio di vomito.

E’ scorretto piegare la testa indietro, infatti, questo comportamento non fa altro che favorire il passaggio del sangue in gola, e non permette di avere un’idea della quantità di sangue perso.

Evitate di inserire cotone idrofilo o garze senza aver pulito bene la cavità nasale, meglio contattare un medico per una medicazione corretta e un bloccare la perdita di sangue dal naso subito. Ricordatevi di non utilizzare nemmeno il cotone emostatico imbevuto, infatti, questo materiale irrita le mucose e può causare successivi episodi di sanguinamento. Ricordate sempre che in caso di peggioramento è meglio recarsi in ospedale , per conoscere in maniera approfondita le cause che hanno causato il fenomeno e le cure da applicare per bloccare la perdita di sangue dal naso. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti

La salsa di pomodoro cotta fa bene all’intestino

Nuovo studio: Aumenta l'effetto dei batteri buoni

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta