I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Un virus modificato è in grado di curare la sordità

Sarà possibile restituire parzialmente le facoltà uditive ai soggetti colpiti da sordità genetica

Pubblicato il 14/07/2015 da

All’interno dei filamenti di Dna sono incise tutte le informazioni che dovrebbero risultare funzionali alla nostra sopravvivenza e al corretto impiego degli organi di cui siamo stati muniti al momento della nostra nascita; può tuttavia accadere che i minuscoli filamenti elicoidali diano indicazioni erronee al nostro organismo, spingendolo ad eliminare alcune componenti considerate come superflue.

In caso di sordità genetica, ad esempio, il gene Tmc1 spinge l’organismo al liberarsi prematuramente di quel complesso di minuscole “ciglia” che traduce le onde sonore in altrettanti suoni ben codificati, con il risultato di una perdita sostanziale di udito che inizia durante le prime fasi dell’infanzia e che diventa rapidamente irreversibile, dal momento che le ciglia perdute non ricrescono spontaneamente.

Un gruppo di ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston ha tuttavia osservato che esiste in natura un particolare virus che, qualora geneticamente modificato e riprogrammato a dovere, è in grado di porre rimedio all’errore genetico e di andare a suggerire al corpo umano come far ricrescere parte del patrimonio pelifero perduto, consentendo così quel medesimo recupero dell’udito considerato come insperato e insperabile fino a poco tempo fa.

Un lungo esperimento condotto su cavie da laboratorio ha infatti mostrato la particolare azione esercitata dal virus sul complesso uditivo, in grado di spingere alcuni topi completamente sordi a percepire l’esistenza di rumori sugli 85-90 decibel dopo soli 60 giorni di “trattamento”.

Secondo gli autori dello studio pubblicato su Science Transaltional Medicine, la loro ricerca potrebbe tradursi nel giro di un decennio nella genesi di terapie farmacologiche mirate in grado di restituire parzialmente le facoltà uditive ai soggetti colpiti da quella particolare sordità genetica attribuibile al gene Tmc1, aprendo così le porte a nuovi approcci mirati.

Purtroppo, avvertono i ricercatori di Boston, la sordità causata da Tmc1 non è che un caso particolare di una lunga serie di possibili errori genetici che spingono l’organismo umano in direzione della perdita del patrimonio cigliato e che vanno a tradire così quel prezioso mandato genetico in base al quale il nostro Dna dovrebbe contenere informazioni utili alla qualità della nostra vita e non alla vendita di apparecchi acustici in età decisamente prematura. (Fonte)

Potrebbe interessarti anche questo video: Frullato di banana: previene le malattie perché ricco di proprietà



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La ricetta degli Gnocchi di borragine

Se l'orto ti regala borragine, tu fanne gnocchi deliziosi

La ricetta dei Guadrotti di miglio con nocciole

Un dolce sano, senza glutine e squisito: eccovi la lista degli ingredienti e il procedimento

Torta di mele rovesciata

Oggi v'insegno la ricetta della mia squisita torta di mele rovesciata

Crema di zucca al profumo di rosmarino

Una crema da utilizzare per un dessert, oppure per fare delle crostate, o anche delle fragranti torte salate

Favette dei morti, ricetta e ingredienti

Per la ricorrenza odierna ho preparato un dolce tradizionale di molte regioni italiane, le favette dei morti

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricette autunnali, è online il nuovo corso di cucina di Prevenzione a Tavola

Menù giornalieri equilibrati per affrontare il cambio di stagione senza malanni

Giornata mondiale dell’alimentazione: tra coscienza e consapevolezza

Oggi in 150 Paesi si festeggia il World Food Day: da anni Prevenzione a tavola si batte per diffondere una corretta cultura del cibo

Pane di riso cotto fermentato

Una ricetta squisita che ci permette di recuperare gli avanzi di un pasto precedente. Ecco come si prepara

Corsi - Prevenzione a tavola

Pancake alle carote con farina di mandorla e semi di papavero

Una rivisitazione più sana, leggera e nutriente del famosissimo dolce americano per la prima colazione

Troppo fruttosio mette a rischio il fegato

Secondo un nuovo studio causa la steatosi epatica non alcolica

Chi mangia pasta ha un’alimentazione più sana e più ricca di nutrienti

E presenta un'assunzione giornaliera inferiore di grassi saturi e zuccheri aggiunti, rispetto a chi non la mangia

Con la soia diminuiscono le recidive di cancro al seno

La ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato come il consumo di cibi tradizionali a base di soia riduca il rischio di recidive e mortalità

Quercetina: la molecola di frutta e verdura che contrasta il Covid-19

Si tratta della quercetina, contenuta in molti frutti, verdure e ortaggi comuni. E anche in vino rosso e thè. Ecco lo studio che dà una speranza in più nella lotta contro il coronavirus

Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

La torta che prepariamo oggi è un piacere per le pupille gustative e anche per gli occhi. Ecco la ricetta della Torta alle mele con grano saraceno ed estratto di liquirizia

Le tortine di farro rivisitate da una nostra allieva

Valentina, una studentessa di Prevenzione a Tavola, ha realizzato una delle nostre ricette con qualche piccola variante che noi abbiamo molto apprezzato