I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

6 regole anti-medusa

Cosa mettere in borsa e cosa fare se incontrate una medusa quest’estate

Pubblicato il 14/07/2015 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

La presenza di meduse è un dato crescente nel mare Mediterraneo, sempre di più e sempre più a contatto con l’uomo. Questo è dovuto a molti motivi, dalla mancanza di predatori (cetacei, pesci palla, tartarughe marine) sterminati dall’eccesso di pesca e grazie al riscaldamento delle acque.

Se andate al mare con i vostri bambini eccovi 6 regole per contrastare sgradevoli incontri ravvicinati con le meduse:

  1. Don’t PANIC, ossia rimanere calmi, senza gridare o agitarsi (si immettono maggiori quantità di adrenalina in circolo e anche la respirazione si fa più difficile) cosa che complica la situazione se siete a largo poiché compromette la vostra capacità ad uscire dall’acqua.
  2. Lavare la zona colpita con acqua di mare e coprire nell’immediato con sabbia calda. E’ meglio l’acqua salata, perché quella dolce accentua i sintomi;
  3. Non strofinare per evitare di far penetrare ulteriormente la sostanza urticante;
  4. Applicazione immediata sulla parte interessata (tralasciamo i rimedi della nonna tipo l’ammoniaca oppure, alcool e urina la cui efficacia rimane marginale) di un gel astringente al cloruro di alluminio, che serve a lenire il prurito e a bloccare la diffusione delle tossine e che dopo questo articolo vi porterete in spiaggia;
  5. Coprire la parte infiammata perché essendo sensibile alla luce del sole essa tenderebbe a scurirsi, provocando delle cicatrici antiestetiche. Applicare comunque nei giorni successivi protezione solare elevata, ogni 2/3 ore;
  6. Tenere sotto controllo il malcapitato perché nelle ore successive potrebbero verificarsi: sudorazione, confusione, vertigini, difficoltà nella respirazione, mal di testa, nausea, vomito ed eruzione cutanea che si diffonde in tutto il corpo. In tal caso chiamare il 118 perché potrebbe verificarsi uno shock anafilattico.
Potrebbe interessarti anche questo video: Il cane che mette in ordine la casa in 30 secondi



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale