I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sudorazione eccessiva: meglio il deodorante o l’antitraspirante?

Il professor Micali spiega in quali casi è meglio usare deodoranti e antitraspiranti

Pubblicato il 13/07/2015 da Prevenzione a tavola

L’estate è sicuramente il momento dell’abbronzatura a tutti i costi, dei tuffi in piscina (o al mare, se sei più fortunato) e dei cocktail sorseggiati sotto l’ombrellone con amici e amiche. Ma è anche quello del sudore a tutte le ore del giorno, delle sgradevoli chiazze sui vestiti e delle docce che non sembrano mai essere sufficienti. Ma come si può combattere questo sgradito compagno di vacanze? I metodi ci sono, anche se gli italiani non li conoscono affatto bene. O almeno così sembra suggerire un recente sondaggio condotto dall’Università di Catania, secondo il quale la differenza tra deodorante e antitraspirante è ancora poco chiara.

Se negli Stati Uniti, infatti, gli antitraspiranti sono considerati veri e propri farmaci, in Europa sono invece catalogati come cosmetici, al pari dei deodoranti. La confusione, dunque, è più che lecita. In un’intervista al Corriere della Sera, il professor Giuseppe Micali (direttore della Clinica dermatologica dell’Università di Catania) spiega che bisogna innanzitutto distinguere tra due tipi di problemi legati alla sudorazione: quello che porta alla produzione eccessiva di sudore, altrimenti noto come iperidrosi, e quello che causa cattivi odori, la bromidrosi.

La prima può riguardare qualsiasi parte del corpo e solitamente non porta con sé particolari odori. In questo caso è consigliabile l’utilizzo di un antitraspirante a base di sali metallici, che va a depositarsi sul dotto ghiandolare formando una sorta di tappo che impedisce la fuoriuscita di liquidi e favorisce il riassorbimento del sudore. Prima di utilizzarlo è però importante verificare di non essere allergici alle sostanze contenute.

Per quanto riguarda la bromidrosi, invece, il prodotto indicato è il deodorante. La causa del cattivo odore, però, può essere anche la presenza di batteri: in tal caso è meglio utilizzare deodoranti con azione battericida o batteriostatica, che arginano l’attività degli enzimi batterici. (Fonte)

La Fucina ti consiglia di provare questi prodotti naturali!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore