I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sudorazione eccessiva: meglio il deodorante o l’antitraspirante?

Il professor Micali spiega in quali casi è meglio usare deodoranti e antitraspiranti

Pubblicato il 13/07/2015 da Prevenzione a tavola

L’estate è sicuramente il momento dell’abbronzatura a tutti i costi, dei tuffi in piscina (o al mare, se sei più fortunato) e dei cocktail sorseggiati sotto l’ombrellone con amici e amiche. Ma è anche quello del sudore a tutte le ore del giorno, delle sgradevoli chiazze sui vestiti e delle docce che non sembrano mai essere sufficienti. Ma come si può combattere questo sgradito compagno di vacanze? I metodi ci sono, anche se gli italiani non li conoscono affatto bene. O almeno così sembra suggerire un recente sondaggio condotto dall’Università di Catania, secondo il quale la differenza tra deodorante e antitraspirante è ancora poco chiara.

Se negli Stati Uniti, infatti, gli antitraspiranti sono considerati veri e propri farmaci, in Europa sono invece catalogati come cosmetici, al pari dei deodoranti. La confusione, dunque, è più che lecita. In un’intervista al Corriere della Sera, il professor Giuseppe Micali (direttore della Clinica dermatologica dell’Università di Catania) spiega che bisogna innanzitutto distinguere tra due tipi di problemi legati alla sudorazione: quello che porta alla produzione eccessiva di sudore, altrimenti noto come iperidrosi, e quello che causa cattivi odori, la bromidrosi.

La prima può riguardare qualsiasi parte del corpo e solitamente non porta con sé particolari odori. In questo caso è consigliabile l’utilizzo di un antitraspirante a base di sali metallici, che va a depositarsi sul dotto ghiandolare formando una sorta di tappo che impedisce la fuoriuscita di liquidi e favorisce il riassorbimento del sudore. Prima di utilizzarlo è però importante verificare di non essere allergici alle sostanze contenute.

Per quanto riguarda la bromidrosi, invece, il prodotto indicato è il deodorante. La causa del cattivo odore, però, può essere anche la presenza di batteri: in tal caso è meglio utilizzare deodoranti con azione battericida o batteriostatica, che arginano l’attività degli enzimi batterici. (Fonte)

La Fucina ti consiglia di provare questi prodotti naturali!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Corsi - Prevenzione a tavola

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Corsi - Prevenzione a tavola

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente