I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sudorazione eccessiva: meglio il deodorante o l’antitraspirante?

Il professor Micali spiega in quali casi è meglio usare deodoranti e antitraspiranti

Pubblicato il 13/07/2015 da Prevenzione a tavola

L’estate è sicuramente il momento dell’abbronzatura a tutti i costi, dei tuffi in piscina (o al mare, se sei più fortunato) e dei cocktail sorseggiati sotto l’ombrellone con amici e amiche. Ma è anche quello del sudore a tutte le ore del giorno, delle sgradevoli chiazze sui vestiti e delle docce che non sembrano mai essere sufficienti. Ma come si può combattere questo sgradito compagno di vacanze? I metodi ci sono, anche se gli italiani non li conoscono affatto bene. O almeno così sembra suggerire un recente sondaggio condotto dall’Università di Catania, secondo il quale la differenza tra deodorante e antitraspirante è ancora poco chiara.

Se negli Stati Uniti, infatti, gli antitraspiranti sono considerati veri e propri farmaci, in Europa sono invece catalogati come cosmetici, al pari dei deodoranti. La confusione, dunque, è più che lecita. In un’intervista al Corriere della Sera, il professor Giuseppe Micali (direttore della Clinica dermatologica dell’Università di Catania) spiega che bisogna innanzitutto distinguere tra due tipi di problemi legati alla sudorazione: quello che porta alla produzione eccessiva di sudore, altrimenti noto come iperidrosi, e quello che causa cattivi odori, la bromidrosi.

La prima può riguardare qualsiasi parte del corpo e solitamente non porta con sé particolari odori. In questo caso è consigliabile l’utilizzo di un antitraspirante a base di sali metallici, che va a depositarsi sul dotto ghiandolare formando una sorta di tappo che impedisce la fuoriuscita di liquidi e favorisce il riassorbimento del sudore. Prima di utilizzarlo è però importante verificare di non essere allergici alle sostanze contenute.

Per quanto riguarda la bromidrosi, invece, il prodotto indicato è il deodorante. La causa del cattivo odore, però, può essere anche la presenza di batteri: in tal caso è meglio utilizzare deodoranti con azione battericida o batteriostatica, che arginano l’attività degli enzimi batterici. (Fonte)

La Fucina ti consiglia di provare questi prodotti naturali!



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo