I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Crema solare naturale e fai da te

L'esposizione al sole deve essere fatta proteggendo sempre la propria pelle

Pubblicato il 07/07/2015 da Prevenzione a tavola

L'esposizione ai raggi solari va sempre fatta con coscienza, nel rispetto della salute della nostra pelle. Spesso però le creme solari possono davvero avere dei prezzi esorbitanti, specie se se ne deve fare scorta per tutta la famiglia. Per risparmiare e avere comunque un alleato contro i raggi UVA e UVB è possibile appellarsi alla natura e preparare in casa un'efficace crema solare.

Leggiamo su Pourfemme:

Il protagonista della crema solare naturale da preparare in casa è l’ossido di zinco. Molti, anzi quasi tutti, lo conoscono come ingrediente base di molte creme per i neonati, efficace per contrastare irritazioni e infiammazioni, ma l’ossido di zinco nasconde altre proprietà davvero interessanti. In questo caso, si guadagna un posto d’onore nella ricetta per la crema solare fai da te grazie alla sua capacità di funzionare come un vero e proprio schermo solare, in grado di riflettere i raggi UVA e UVB, evitando che danneggino la pelle.

La ricetta è una, con due possibili varianti, quella più semplice e quella più articolata. Nel primo caso, gli ingredienti necessari sono l’ossido di zinco (puro, facilmente reperibile [acquista qui]) e la crema idratante che si utilizza abitualmente o il burro di karitè  [acquista qui]. Basta mescolare il tutto e il gioco è fatto. Per scegliere le proporzioni giuste, basta osservare una regola: più alto è il fattore di protezione desiderato, più alta è la percentuale di ossido di zinco da utilizzare.

Infatti, si va da una percentuale del 5%, necessaria per garantirsi un basso fattore di protezione (SPF 2-5), fino al 25%, percentuale utile per raggiungere un spf superiore a 20.

L’altra versione della ricetta, oltre all’ossido di zinco puro (5 cucchiaini) [acquista qui], prevede l’utilizzo d'olio di mandorle (4 cucchiaini) [acquista qui], gel di aloe vera (5 cucchiaini) [acquista qui] e il tè verde (1/2 bicchiere) [acquista qui].

Il consiglio, qualsiasi versione della crema solare fai da te si scelga, è di conservarla, in un contenitore chiuso in un luogo fresco e asciutto. Inoltre, è importante spalmare la crema sulla pelle più volte nell’arco della giornata, soprattutto dopo i bagni in acqua, per garantirne l’efficacia. Ottimi preparati naturali, che, però, come sempre non sostituiscono il parere e le prescrizioni del medico. In casi particolari, come in presenza di fototipi molto chiari e delicati, meglio affidarsi alla consulenza del dermatologo.

La Fucina vi consiglia di provare questi prodotti naturali



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Corsi - Prevenzione a tavola

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno