I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Una pianta mediterranea uccide le cellule maligne del tumore

Lo rivela una ricerca della Seconda Università di Napoli

Pubblicato il 02/07/2015 da Prevenzione a tavola

Una pianta tipica dell'ambiente mediterraneo per distruggere le cellule del tumore al cervello. E' questa la scoperta realizzata da un gruppo di ricercatori della Seconda Università di Napoli, che ha rivelato la capacità di un estratto acquoso a base di Ruta graveolens di uccidere le unità di glioblastoma risparmiando le cellule sane. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Plos One.

"Nonostante la terapia chirurgica, la chemio e la radioterapia - spiega Luca Colucci D'Amato, docente della Seconda Università di Napoli e autore della ricerca - solo circa il 5% dei pazienti colpiti da glioblastoma multiforme sopravvive, per gli altri la morte sopraggiunge in media entro circa 15 mesi dalla diagnosi". Uno scenario decisamente nero, che però potrebbe cambiare in positivo grazie alla ricerca italiana. I test hanno infatti mostrato che l'estratto acquoso ottenuto dalla pianta mediterranea è in grado di indurre la morte di cellule di glioblastoma coltivate in vitro.

Attenzione alla pianta "miracolosa" - "Le sostanze naturali - ha spiegato Claudia Ciniglia, docente di Botanica della Seconda Università di Napoli - rappresentano un'importante sorgente di nuove molecole con attività terapeutica in molte malattie incluso il cancro". La Ruta graveolens è una specie vegetale erbacea, molto diffusa in Italia, della famiglia delle Rutacee, cui appartengono anche i più noti agrumi. Attenzioneperò, perché i suoi estratti sono tossici per il fegato: a grandi dosi possono causare violento dolore gastrico, vomito e complicazioni sistemiche, fino alla morte. L'olio di ruta può causare danni ai reni e grave degenerazione epatica.

Potrebbe interessarti anche questo video: Una paziente guarita: “Dopo 14 mesi non c’era più traccia di cancro”



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore