I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Una pianta mediterranea uccide le cellule maligne del tumore

Lo rivela una ricerca della Seconda Università di Napoli

Pubblicato il 02/07/2015 da Prevenzione a tavola

Una pianta tipica dell'ambiente mediterraneo per distruggere le cellule del tumore al cervello. E' questa la scoperta realizzata da un gruppo di ricercatori della Seconda Università di Napoli, che ha rivelato la capacità di un estratto acquoso a base di Ruta graveolens di uccidere le unità di glioblastoma risparmiando le cellule sane. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Plos One.

"Nonostante la terapia chirurgica, la chemio e la radioterapia - spiega Luca Colucci D'Amato, docente della Seconda Università di Napoli e autore della ricerca - solo circa il 5% dei pazienti colpiti da glioblastoma multiforme sopravvive, per gli altri la morte sopraggiunge in media entro circa 15 mesi dalla diagnosi". Uno scenario decisamente nero, che però potrebbe cambiare in positivo grazie alla ricerca italiana. I test hanno infatti mostrato che l'estratto acquoso ottenuto dalla pianta mediterranea è in grado di indurre la morte di cellule di glioblastoma coltivate in vitro.

Attenzione alla pianta "miracolosa" - "Le sostanze naturali - ha spiegato Claudia Ciniglia, docente di Botanica della Seconda Università di Napoli - rappresentano un'importante sorgente di nuove molecole con attività terapeutica in molte malattie incluso il cancro". La Ruta graveolens è una specie vegetale erbacea, molto diffusa in Italia, della famiglia delle Rutacee, cui appartengono anche i più noti agrumi. Attenzioneperò, perché i suoi estratti sono tossici per il fegato: a grandi dosi possono causare violento dolore gastrico, vomito e complicazioni sistemiche, fino alla morte. L'olio di ruta può causare danni ai reni e grave degenerazione epatica.

Potrebbe interessarti anche questo video: Una paziente guarita: “Dopo 14 mesi non c’era più traccia di cancro”



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo

Dal cacao un aiuto per ossa fragili e malattie respiratorie

Il cacao e gli alimenti che lo contengono hanno quantità significative di vitamina D2

Raffreddore e influenza in arrivo: anticipiamo il TG col cibo giusto

Ecco i cibi che possono aiutarci a prevenire i mali di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Perché la cicoria è così buona per la salute

La cicoria si può trovarla da settembre fino a febbraio: ecco una ricetta sana e gustosa

Ecco perché mangiare i fichi d’India

Un toccasana per il nostro organismo. Un trucco per sbucciarli e una ricetta gustosa

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65