I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Una pianta mediterranea uccide le cellule maligne del tumore

Lo rivela una ricerca della Seconda Università di Napoli

Pubblicato il 02/07/2015 da Prevenzione a tavola

Una pianta tipica dell'ambiente mediterraneo per distruggere le cellule del tumore al cervello. E' questa la scoperta realizzata da un gruppo di ricercatori della Seconda Università di Napoli, che ha rivelato la capacità di un estratto acquoso a base di Ruta graveolens di uccidere le unità di glioblastoma risparmiando le cellule sane. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Plos One.

"Nonostante la terapia chirurgica, la chemio e la radioterapia - spiega Luca Colucci D'Amato, docente della Seconda Università di Napoli e autore della ricerca - solo circa il 5% dei pazienti colpiti da glioblastoma multiforme sopravvive, per gli altri la morte sopraggiunge in media entro circa 15 mesi dalla diagnosi". Uno scenario decisamente nero, che però potrebbe cambiare in positivo grazie alla ricerca italiana. I test hanno infatti mostrato che l'estratto acquoso ottenuto dalla pianta mediterranea è in grado di indurre la morte di cellule di glioblastoma coltivate in vitro.

Attenzione alla pianta "miracolosa" - "Le sostanze naturali - ha spiegato Claudia Ciniglia, docente di Botanica della Seconda Università di Napoli - rappresentano un'importante sorgente di nuove molecole con attività terapeutica in molte malattie incluso il cancro". La Ruta graveolens è una specie vegetale erbacea, molto diffusa in Italia, della famiglia delle Rutacee, cui appartengono anche i più noti agrumi. Attenzioneperò, perché i suoi estratti sono tossici per il fegato: a grandi dosi possono causare violento dolore gastrico, vomito e complicazioni sistemiche, fino alla morte. L'olio di ruta può causare danni ai reni e grave degenerazione epatica.

Potrebbe interessarti anche questo video: Una paziente guarita: “Dopo 14 mesi non c’era più traccia di cancro”



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali