I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il glutine potrebbe essere il responsabile del colon irritabile

Uno studio ha dimostrato la correlazione tra l'assunzione di glutine e la sindrome del colon irritabile

Pubblicato il 26/06/2015 da Prevenzione a tavola

Alcuni sintomi della sindrome del colon irritabile sono causati dal glutine? Secondo uno studio Glutox, condotto dall’Associazione Italiana Gastroenterologi e endoscopisti ospedalieri, coordinato dal Centro per la prevenzione e diagnosi della malattia celiaca della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano e riportato da La Repubblica, almeno il 25 per cento dei casi, quindi una persona su quattro, sarebbe sensibile a questa sostanza. La ricerca è iniziata quasi un anno fa reclutando individui con problemi intestinali non collegati a celiachia o allergia al frumento con lo scopo di verificare la diffusione della sensibilità al glutine e le eventuali conseguenze sull’organismo.

I sintomi di questo problema sono stanchezza, mal di testa, gonfiore addominale ed intestino irritabile: “Questo disturbo – ha spiegayo il dottor Luca Elli del Centro e coordinatore dello studio – provoca sintomi clinici simili a quelli della sindrome dell’intestino irritabile come dolore addominale, gonfiore e manifestazioni extraintestinali aspecifiche quali eczemi, prurito, cefalea che solitamente insorgono a breve distanza dall’assunzione di glutine ed altrettanto rapidamente regrediscono in seguito a una dieta ad esclusione. Si pone però il problema che alcuni casi non siano correttamente diagnosticati“. A volte si confondono infatti le avvisaglie di un’intolleranza al glutine con la celiachia.

Per approfondire potresti leggere anche: 10 segnali che indicano che sei intollerante al glutine

Per questo motivo i pazienti sono stati sottoposti a tre settimane di dieta gluten-free; dopo questo lasso di tempo tutti i cibi sono stati introdotti nuovamente nel regime “in cieco”, ossia solo per alcune persone, con il risultato che ben ventisei di loro sono tornati a manifestare dei disturbi gravi. Fortunatamente la dieta per chi soffre di questo problema è meno restrittiva rispetto a chi è celiaco, visto che basta alternare periodi di astinenza e fasi in cui assumere tutti gli alimenti senza distinzione: “I risultati della ricerca – ha concluso Elli – permettono di ipotizzare che questi pazienti potrebbero essere sottoposti a una terapia esclusivamente basata sulla dieta, simile a quella per la malattia celiaca, con remissione dei sintomi

(Fonte)

Potrebbe interessarti anche: Come consumare i cibi integrali per non sentirsi gonfi



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pancake senza glutine con giuggiole

Una ricetta squisita, facilissima e naturalmente dolce

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Nespole, il toccasana della primavera

Consigliate per chi soffre di problemi renali e al fegato, oltre che per altri disturbi

Ciliegie, il regalo di fine primavera (e una ricetta)

Da metà maggio la natura ci regala le ciliegie, un frutto ricco di vitamine e sali minerali, ma povero di calorie: uno spuntino perfetto

La ricetta dei Pisarei e fasò

Oggi impariamo a preparare i pisarei, classici gnocchetti di farina e pan grattato della provincia di Piacenza conditi con fagioli borlotti e pomodoro

Corsi - Prevenzione a tavola

I cibi che proteggono occhi e vista

La salute degli occhi e il corretto funzionamento della vista passano anche dalla tavola. Ecco i cibi che contrastano o prevengono malattie degenerative oculari, come glaucoma e cataratta)

Crostata con kanten alle ciliegie

Oggi prepariamo una torta squisita, con la base della crostata e la parte superiore di kanten di ciliegie

10 buoni motivi per mangiare fragole

Via libera alla stagione delle fragole, il frutto squisito e ottimo per la salute

Corsi - Prevenzione a tavola

Se mangi i fagiolini la tua salute ti ringrazierà

Ecco perché fanno bene. E poi: trucchi per scegliere i fagiolini migliori e cuocerli senza perdere le proprietà nutritive

Perché gli asparagi sono così buoni per la salute

Cinque ottimi motivi per mangiare gli asparagi e qualche ricetta per utilizzarli in cucina

Ricevi il tuo attestato di Prevenzione a tavola!

Ecco come fare per riceverlo

Tortine di mele con pasta madre

Il nostro Chef Francesco, dopo averci insegnato come preparare e rinfrescare la Pasta madre, ci regala una splendida e dolcissima ricetta

Come riutilizzare in cucina le foglie dei carciofi

In molti non sanno che le foglie esterne dei carciofi, quelle che di solito buttiamo, non solo sono commestibili ma sono anche buonissime. Ecco come cucinarle

Troppo alcol in quarantena danneggia sistema immunitario

E quindi, oltre al rischio di sviluppare dipendenza, rende più esposti alle infezioni

Fave, il regalo primaverile che fa bene alla salute (e due ricette)

Regolano l'intestino, controllano glucosio e colesterolo nel sangue. Ma sono tossiche per alcuni.