I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Arrivato il cerotto che cura il diabete

E' in grado di misurare la glicemia ed erogare l'insulina necessaria

Pubblicato il 23/06/2015 da Prevenzione a tavola

Grande come due centesimi di euro e ricoperto da un centinaio di aghi ultramicroscopici, capaci di misurare il glucosio nel sangue e di somministrare l’insulina che serve: è il cerotto intelligente, da applicare sulla pelle, che, dicono gli inventori, rivoluzionerà la cura del diabete, sia di tipo primo (dove la terapia insulinica è d’obbligo) che di tipo secondo quando i farmaci non sono più sufficienti e, quindi, bisogna ricorrere all’ormone. È ancora sperimentale, ma promette bene. Gli inventori sono ricercatori americani dell’University of North Carolina e la notizia si ricava dal lavoro che hanno pubblicato sulla rivista Pnas. Ecco come hanno ragionato per arrivare al risultato finale: un dispositivo, appunto, che contemporaneamente faccia il lavoro della strisce per misurare la glicemia e somministri l’insulina che serve in base ai risultati, personalizzando al massimo la terapia.

Prima considerazione: il diabete di tipo primo è abbastanza raro e colpisce soprattutto le persone giovani e viene curato con l’insulina. Quello di tipo secondo, che si manifesta più avanti negli anni (ed è spesso legato all’obesità) sta esplodendo in tutto il mondo e le previsioni sulla sua diffusione sono impressionanti (ci si aspetta che il numero di malati raggiunga quota 592 milioni nel 2035). Fino a un certo punto può essere controllato con i farmaci, poi richiede la terapia insulinica. Seconda considerazione: la terapia con insulina non è semplicissima. Intanto l’ormone va somministrato in base ai livelli di glicemia (da rilevare appunto pungendo un dito in modo da avere una goccia di sangue che le strisce “leggono”) e il rischio è di sbagliare il dosaggio, con il risultato che il paziente può andare incontro a una situazione di iperglicemia (eccesso di zuccheri nel sangue) o di ipoglicemia (più frequente e pericolosa).

Il meccanismo

Ecco allora l’ipotesi di lavoro: minimizzare la possibilità di errore costruendo un sistema a ciclo chiuso capace di mettere insieme il momento diagnostico e quello terapeutico, più efficace delle attuali pompe di insulina che già fanno questo tipo di lavoro. Zhen Gu e i suoi colleghi ingegneri biomedici e farmacisti dell’University of North Carolina hanno scelto di imitare i “generatori di insulina” del corpo umano e cioè le beta cellule del pancreas. Queste ultime agiscono sia come fabbriche sia come depositi dell’ormone che immagazzinano in piccole vescicole e liberano quando “sentono” che la glicemia è aumentata oltre i limiti normali. «Abbiamo costruito vescicole artificiali – ha spiegato uno dei ricercatori, Jiching Yu – capaci di svolgere le stesse funzioni delle beta cellule utilizzando due materiali che si trovano facilmente in natura. Il primo è l’acido ialuronico, usato in molti cosmetici. Il secondo è il 2-nitroimidazolo, una sostanza organica comunemente usata in diagnostica». I ricercatori hanno “fuso” queste due molecole ottenendone una terza che da un capo è idrofilica (si lega cioè all’acqua) e dall’altro idrofobica (respinge l’acqua): queste molecole sono capaci di auto-assemblarsi in milioni di vescicole (sono cento volte più piccole del diametro di un capello) con la parte idrofilica rivolta verso l’esterno. Dentro queste vescicole i ricercatori hanno poi inserito molecole di insulina e enzimi capace di rilevare gli zuccheri nel sangue. Quando queste vescicole sono a contatto con il glucosio, gli enzimi lo convertono in acido gluconico, consumando ossigeno. La mancanza di ossigeno fa sì che il 2-nitroimidazolo, idrofobico, diventi idrofilico, così le vescicole si dissolvono liberando insulina.

La somministrazione

Ma come “somministrare” queste nanoparticelle di insulina intelligenti? Non attraverso aghi normali, hanno pensato i ricercatori, ma incorporandole in una serie di microscopici aghi di acido ialuronico schierati su una specie di cerotto di silicone e capaci di penetrare nella cute. Questi aghi vengono così a contatto con il sangue che scorre nei capillari cutanei e fanno il loro dovere. Per ora sono stati sperimentati su animali di laboratorio e mantengono la glicemia sotto controllo per molte ore. Ma nell’uomo potrebbero avere un’azione ancora più lunga.

(Fonte)

Potrebbe interessarti anche questo video: Il grande rischio del consumare troppe proteine



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Queste bibite aumentano il rischio di morte

Studio condotto su dieci paesi relativo consumo di bibite, sia zuccherate sia con dolcificanti ipocalorici,

Mangi e non ingrassi? Ecco svelato il motivo

Un nuovo studio chiarisce ora il motivo di questa fortuna. E c'entrano le cellule adipose

Il vino rosso protegge l’intestino, combatte l’obesità e il colesterolo cattivo

Nuova ricerca rivela i benefici del vino rosso, basta anche un bicchiere ogni due settimane

Sindrome da rientro? Bastano 8 bicchieri d’acqua al giorno

Una corretta idratazione e una sana alimentazione garantiscono un ritorno più soft alla vita di tutti i giorni

Proteine vegetali per vivere più a lungo e in salute

Cala il rischio generale e quello per cause cardiovascolari, le conferme di un nuovo studio

Corsi - Prevenzione a tavola

Muore meno di malattie croniche chi mangia verdura, frutta e proteine vegetali

Questo dicono i risultati molto chiari di un nuovo studio

Due cibi potrebbero essere in grado di proteggere dalle demenze

La fosfatidilcolina potrebbe essere la sostanza protettiva contro l'Alzheimer e demenze

Come preparare il succo d’anguria in 1 minuto

Un'idea geniale e rinfrescante per questi giorni di caldo

Corsi - Prevenzione a tavola

Scottature al sole: i cibi che aumentano il rischio

Per proteggersi dalle scottature non basta mettere la crema, ma anche evitare alcuni alimenti

Alla scoperta della merendella, la deliziosa pesca calabrese

Incrocio tra pesca e mela, la merendella ha trovato in Calabria (e in alcune zone della Sicilia) il suo habitat naturale

Combattere il caldo con la giusta alimentazione

Alcuni cibi e abitudini possono aiutarci a sopportare meglio le alte temperature di questo periodo

Più tazzine di caffè non aumentano il rischio di cancro, ma cuore a rischio

E' quanto emerge da due studi vasti australiani

Ricotta di bufala: alimento anti-caldo, ricca di calcio e fosforo

Utile nel recupero dell'equilibrio energetico e per il reintegro dei sali minerali

Le bibite zuccherate potrebbero aumentare il rischio di cancro

Che fossero legate a diabete e obesità già lo si sapeva, ma adesso un motivo in più per non farne uso

Lo straordinario ortaggio che sembra un pomodoro ma non lo è

Rosso, rotondo e dalle molte proprietà salutari, viene coltivato in Basilicata