I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Curarsi in cucina: Come consumare i cibi integrali per non sentirsi gonfi

Il nostro intestino non sempre ha gli enzimi per poterli digerire: ecco qualche trucco

Pubblicato il 22/06/2015 da Elena Alquati

Ci sono queste informazioni nel mondo scientifico che ci indicano di mangiare cereali non industrialmente raffinati, verdure e legumi, ed è un'informazione finalmente arrivata alla scienza.

Spesso però ci possono creare dei problemi perché il nostro intestino non sempre ha gli enzimi per poterli digerire. Per cui passare da un'alimentazione moderna a un'alimentazione così ricca di fibre ci può creare dei grossi problemi.

Leggi anche: Curarsi in cucina: “Le proprietà dell’olio di sesamo”

Spesso infatti mi riferiscono che i cereali integrali gonfiano o i legumi addirittura creano flatulenza, quindi un passo alla volta, non fate cambiamenti drastici. Cominciate magari da un riso semi-integrale e poi magari proseguire con quello integrale.

Per quanto riguarda i legumi, cercate di prendere dei legumi decorticati, iniziando magari dalle lenticchie rosse, oppure dalle cicerchie. Se cuocete dei legumi normalmente potete passarli, in modo da togliere la buccia.

L'importante è fare le cose gradualmente!

Inizia subito a cucinare e mangiare sano prevenendo le malattie croniche: acquista il Corso online di "Prevenzione a tavola" a 70 € invece che 95.



banner basso postfucina





Elena Alquati

Elena Alquati
Presidente dell'associazione L'Ordine dell'Universo

Presidente dell’Associazione - più che decennale esperienza di cucina macrobiotica si è diplomata in consulente macrobiotico a Milano nel 2004 - Diploma di shiatsu c/o Accademia Italiana Shiatsu-do ed è iscritta all’albo professionale certificato Apos e DBN n° A 01202. Diploma di operatore in medicina tradizionale cinese come tuinaista ... LEGGI »

Seguilo su:Blog


  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti